Quotidiani locali

Livorno sul trono della lotta olimpica con Caso e Lubrano

Livorno, impresa dei due ragazzi allenati da Nencioni che a Ostia mettono in riga tutti gli avversari

LIVORNO. Si sono svolti nei giorni scorsi ad Ostia al PalaPellicone i campionati Italiani lotta olimpica classe esordienti. Il Gruppo Lottatori Livornesi si è presentato alla manifestazione con 4 atleti Raùl Caso, Danny Lubrano ;Vassily Guccini e Riccardo Nencioni guidati dal tecnico federale Nencioni Igor. E alla fine è arrivato un risultato strepitoso, con Caso e Lubrano che hanno conquistato il titolo nazionale.

La rassegna si presenta molto dura con giovani atleti da tutta Italia pronti a darsi battaglia per il titolo più importante nel dettaglio. Riccardo Nencioni vince il primo incontro, perde il secondo con il 3° classificato e anche Vassily Guccini si ferma al primo turno con il 3° classificato. Peccato ma si sono visti ottimi spunti per lavorare e programmate il lavoro.

Danny Lubrano kg 38 batte nell'ordine Conciale (Roma) 10 a 0, Maiolo (Varese ) 10 a 0, approda in semifinale dove trova il napoletano Florio vincendo 4 a 2; la ciliegina arriva in finale dove Danny distrugge Lumia (Palermo) 10 a 0 al termine di una prestazione eccezionale. Queste le sue parole: «Quando sono sul tappeto voglio vincere e non mi faccio spaventare dall'avversario, penso a non temerlo mai e cerco i suoi punti deboli. La lotta è molto impegnativa, ti forma il carattere, non è uno sport violento e ti puoi far male come in tutti gli sport. Lo consiglio perché ti dà delle grandi soddisfazioni. Ringrazio il mio allenatore Igor che mi segue negli allenamenti e dedico la vittoria a Igor a Raùl mio compagno di allenamento e ai mie genitori»

E passiamo a Raul Caso che nei kg 42 batte nell'ordine Marotta (Napoli) 10 a 0, Cirino (Roma ) 10 a 0, in semifinale Ciobanu (Faenza ) 10 a 0 ed infine in finale luqida 10 a 0 anche Militano (Roma). Davvero impeccabile Raul: come sempre senza sbavature. «Quando monto sul tappeto per lottare - commenta - provo delle sensazioni bellissime che mi trasmettono un energia positiva che mi da carica e concentrazione massima, cosa che trovo solo sul tappeto da lotta. Il mio avversario non lo sottovaluto mai e lo rispetto, la lotta è uno sport duro ti devi sacrificare molto e fare tante rinunce per raggiungere gli obiettivi fissati. Ringrazio il mio allenatore Igor che mi segue nei minimi dettagli, i mie compagni di allenamento in primis Danny Riccardo e Vassilj e poi mio padre che mi supporta moltissimo al livello mentale. Una dedica? A mio nonno che è mancato 3 mesi fa».

Felicissimo anche il tecnico Igor Nencioni per i risultati visto che solo la sua società ha conquistato 2 ori. «Questi risultati ripagano i ragazzi di tutti i sacrifici e le rinunce. Sono orgoglioso di allenare un gruppo di ragazzini di 12 e 13 anni così promettenti, che hanno catturato l'attenzione dei tecnici federali e sono felice per la nuova carica arrivata di collaboratore tecnico della nazionale Italiana Judo Lotta Karate

arti marziali .

Il gruppo lottatori si allena alla palestra Livorno Fight Team di via Martin Luter King 19 agli ordini dei tecnici federali Igor Nencioni ,Mauro Puccini e Angelo Barba che curano l 'attività di ragazzi e ragazze che si avvicinano alla lotta dall'età di 4 anni.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' PER GLI SCRITTORI

Stampare un libro ecco come risparmiare