Quotidiani locali

Cariello e Biricotti salti biancoverdi

Atletica Livorno: Giuliano si mette in mostra negli 800 Denza è campione regionale juniores nei 55 metri ostacoli

L’ attività al coperto per l’atletica è ormai agli sgoccioli e in ambito regionale si è conclusa domenica scorsa l'attività e all’impianto al chiuso dello stadio Ridolfi e soprattutto al Nelson Mandela Forum di Firenze dove si sono assegnati gli ultimi titoli toscani.

I salti sono biancoverdi. A fregiarsene in assoluto al femminile due rappresentanti dell'Atletica Livorno nei salti in estensione, Ilaria Cariello nel lungo dove in extremis otteneva un 5,89 di buon auspicio per la stagione appena iniziata, mentre Sara Biricotti confermava quanto dimostrato agli italiani di categoria balzando nel triplo a 11,84 (prima fra le junior), seconda la stessa Cariello con 11,72: una sfida in famiglia, con la “capitana” della squadra biancoverde che stavolta è uscita sconfitta nel duello con la compagna.

Ancora una vittoria da segnalare per l’Atletica Livorno scendendo nella categoria allieve (anno 200/2001): Marta Giale Giovannini dell’Atletica Livorno con 5,32 nel lungo sbaraglia la concorrenza. Nel settore maschile, in modo particolare si è distinto lo junior Dennis Nesimoski (Atletica Livorno) quinto nel lungo con il personale di 6,77; molto bene in questa prova anche Filippo Maniaci della Libertas (categoria Promesse, nati 1996-1997-1998) che si migliorava a 6,89 e chiudeva terzo. Al 15° posto , ma primo degli allievi, Jacopo Quarratesi dell’Atletica Livorno con 5,83.

Francesca Boccia nel salto con l'asta, è seconda alle spalle della Marzenta, non andava oltre i 3,60.

Mezzofondo d’oro. A proposito della categoria allievi, da segnalare il titoli di campione regionale conquistato da Mauro Giuliano (Atletica Livorno) negli 800, che si è piazzato al quarto posto nella classifica “assoluti”, con il tempo di 2.00.6 che è il suo record personale. Il senior Marco Bindi (Libertas Runners Livorno) è sesto in 2.01.

Ostacoli e velocità Maglia di campione regionale nella categoria Juniores per Fabio Denza, primo nei 55 Hs con il nuovo personale di 8 secondi netti; secondo l'amaranto Federico Quinti 8.14.

Stessa prova, ma per la categoria allievi, e terzo posto per Jaun José Acosta (Lrl) in 8,48 mentre sesto finisce Marzio Signorini (AL) in 8,81. Sempre sui 55 ostacoli, ma nella categoria assoluta (Seniores e Promesse), Andrea Foresi (Atletica Livorno) è terzo in 8,51. Rimaniamo nel settore ostacoli, ma passiamo a 55 femminili. Tra le allieve la migliore delle livornesi è la biancoverde Marta Giaele Giovannini, che si piazza terza e si mette al collo la medaglia di bronzo con il tempo di di 8,69. Scorrendo la graduatoria troviamo Velentina Arcamoni con 9.16 al 9° posto.

Continuando la nostra carrellata tra i titoli regionali, fra le juniores (1998/1999) ecco spuntare Janna Castillo Rosario (LRL) nei 55 metri piani con 7,51 (batterie 7,50) che equivale al sesto posto nella graduatoria assoluta; bene anche Pollyana Gurrieri (Atl. Livorno), sempre juniores, con 7,67 (in batteria 7,66) che vale il 10° posto assoluto, subito alle spalle della più esperta compagna Ilaria Germani (seniores) che corre in 7,56. Nella stessa competizione, in gara anche le allieve: tra le giovani sprinter livornesi, da segnalare Chanda Bottino con 7,78 e Margherita Guarducci 7,91 entrambe dell’Atletica Livorno.

Tra i maschi, nel settore degli assoluti, il velocista bianco verde Marco Landi si qualificava puntualmente per la finale dei 55 piani dove si classificava al quarto posto in 6,67. Nella prova dei 200 metri, anche questa disputata al MandelaForum e valida per il titolo regionale, nella prova femminile è da segnalare l’ottavo posto assoluto (seconda tra gli Junior) di Janna Castillo Rosario (Runners Livorno) con 27.09. Buon esordio sulla distanza della neoallieva Alessia Milani (Atletica Livorno) che ha chiuso al 16° posto assoluto in 28.39. Nei 400 metri maschili, resta fuori dal podio per un soffio Giacomo Bianchini: il velocista dell’Atletica Livorno chiude infatti al quarto posto in 51,86 a sette centesimi dal bronzo. Marco Bindi (Livorno Runners) è nono in 54,56.

Big in pista e in pedana. Ivan Mach di Palmstein sembra averci preso gusto, a Modena sui 60 a ostacoli il livornese delle Fiamme Gialle si è affermato in finale con lo stesso tempo di 7.86 fatto segnare anche in batteria rimandando battuto il campione italiano Lorenzo Perini al suo rientro agonistico, un risultato che fa ben sperare per i prossimi assoluti indoor di Ancona.

A Gent in Belgio nell'IFAM Indoor Joao Bussotti Neves Junior si

è classificato al sesto posto sui metri 1500 con il tempo di 3,45,31, responso cronometrico migliore di quanto aveva realizzato al suo debutto stagionale; sfortunato il nostro Andrea Lemmi che collezionava tre nulli alla quota d'ingresso ed era fuori. Peccato.

Luciano della Bella

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista