Menu

Dopo la fuga a due a sorridere è Pugi

Juniores: a La California una corsa selettiva grazie alle strade bianche. Italiani s’inchina soltanto allo sprint

CECINA. Sulle strade bianche de La California, patria del celebre Paolo Bettini, la copertina è tutta per Gianni Pugi, corridore pisano al primo anno da Juniores con i colori della New Project Pitti Shoes. È lui a vincere il trofeo Ledo Tempestini (edizione numero 13), organizzato dal Velo Club La California e la collaborazione della Cipriani & Gestri Uniontrade. Un successo alla partenza con 160 atleti per questa corsa di 119 chilometri riservata agli Juniores, messi a dura prova dal tracciato di 40 chilometri di strade bianche che i corridori hanno dovuto affrontare e le forature come da copione sono state numerose, oltre al forte vento che ha disturbato la gara. E proprio il percorso sterrato, oltre alla bagarre e alla media, ha fatto selezione, tanto che alla fine sono arrivati solo in trentadue.

La corsa è decisa da una splendida volata del velocissimo Pugi che ha avuto la meglio sul pur bravo e caparbio Italiani al traguardo posto sulla via Aurelia, col resto del gruppo dietro ai due fuggitivi che nel finale hanno preso il largo e staccato, sia pure di poco, Vallarino della Cipriani e Gestri che ha regolato il resto degli inseguitori.

Il 13º Trofeo Ledo Tempestini, nella piccola frazione della costa Tirrenica, è scattato la mattina con il trasferimento di 4 km dal camping Village Le Esperidi di Marina di Bibbona a La California.

La partenza alle 13.30 a La California in via Aurelia, direzione Donoratico, poi i corridori hanno percorso il bivio San Guido direzione Bolgheri, la via Bolgherese, piazza del Ponte Bibbona direzione La California.

Circuito di circa 19,300 chilometri da ripetere sei volte che sommato al trasferimento portano ad un totale di km 119,800 chilometri.

Soddisfazione palpabile sul volto di Pugi che come allievo nel 2013 aveva già collezionato tre successi. Una vittoria anche del suo team, la New Project Team, degli allenatori Mori e Martelloni.

Il gruppo sportivo si è fatto notare anche con Susini, arrivato nel gruppone che poi è stato regolato da Pugi ed Italiani.

Buona prova anche di Masiero della Work Service-Dynatek e della Romagnano Guerciotti, che oltre ad Itaiani nei primi dieci ha piazzato anche Gabriele Giannelli.

ORDINE DI ARRIVO: 1) Gianni Pugi (New Project Pitti Shoes) in 2h50', media 38,118; 2) Davide Italiani (Romagnano Guerciotti); 3) Lorenzo Vallarino (Cipriani & Gestri Uniontrade) a 9”; 4)

Manuel Masiero (Work Service-Dynatek); 5) Daniel Marcellusi (Petrignano Tutti a Ruota); 6) Federico Olei (Elite Cesenatico); 7) Giovanni Iannelli (Cipriani & Gestri Uniontrade); 8) Gabriele Susini (New Team Project); 9) Gabriele Giannelli (Romagnano Guerciotti); 10) Kopshti (Monte Pisano).

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro