Quotidiani locali

Perotti conferma: due colpi in arrivo

«Nel fine settimana l’accordo con Cribari e per il portiere di riserva siamo a un passo da Fiorillo della Sampdoria»

LIVORNO. Caldo opprimente. Solleone. Il continuo frinire delle cicale. Al Centro Coni di Tirrenia il clima induce all'ozio, ma il Livorno è sul campo centrale a sudare agli ordini di Davide Nicola. Altro che pennichella pomeridiana. Il giovane tecnico piemontese torchia i suoi ragazzi insieme ai preparatori Stoppino e Livia. E' il primo allenamento che la truppa svolge nella sede abituale dopo il ritiro di Castel di Sangro. A bordo campo, seduto su una panca da palestra sistemata all'ombra, Attilio Perotti segue i lavori e parla di mercato.

Due colpi. In mattinata il vertice tra il dt, Elio Signorelli e Davide Nicola è stato proficuo: «Ci siamo visti - dice Perotti - e c'è piena sintonia sui giocatori da prendere e le strategie da adottare». Poi l'uomo di Bagnolo Mella confessa che due trattative sono in dirittura d'arrivo: «Abbiamo praticamente definito l'arrivo di Cribari. Con il ragazzo siamo d'accordo. E' quasi tutto a posto. Nel fine settimana potrebbe arrivare la fumata bianca». In sostanza manca solo l'ufficialità, poi il 32enne brasiliano con passaporto italiano sarà a tutti gli effetti un giocatore del Livorno. Non è finita. Il dt annuncia un altro acquisto che sta per essere definito: «Siamo molto vicini al portiere Fiorillo della Sampdoria. Al momento stiamo discutendo con i blucerchiati la formula con la quale il ragazzo può venire da noi. Potrebbe andare bene un prestito con diritto di riscatto e contro riscatto a nostro favore. Crediamo in lui e ci piacerebbe fare un investimento». Vincenzo Fiorillo fino a un paio d'anni fa era considerato un predestinato, quasi l'erede di Buffon. Poi si è un po' smarrito, ma il valore del giocatore è fuori discussione.

Dilemma Paulinho. Ovviamente Perotti affronta pure la questione più scottante di questa torrida estate: il futuro di Paulinho: «E' chiaro che in presenza di un'offerta irrinunciabile il ragazzo andrà altrove. Ma per prenderlo ci vogliono i soldi e in giro di soldi non ne vedo». In pratica, potrebbe pure prendere corpo l'ipotesi della permanenza a Livorno. Intanto Verona e Spezia continuano a corteggiare il giocatore. Gli aquilotti hanno offerto in cambio il trequartista Cesaretti. Ovviamente la risposta è sta un deciso “no, grazie”.

Centrocampo. Il vero nodo da sciogliere a questo punto è relativo all'uomo d'ordine da affiancare a Luci. Il mercato offre pochissimo. Quello che fu di Passoni e Iori è un ruolo delicatissimo e soprattutto sono in pochi ad interpretarlo bene e per questo chi ha giocatori con quelle caratteristiche se li tiene. Non è un mistero che piaccia Paro del Vicenza. Ieri è stato accostato al Livorno il nome di Michele Marcolini, il rosso ex Padova attualmente svincolato. Credenziali ottime ma ha 37 anni. La società ci sta pensando.

Il programma. Davide Nicola vuole vedere all'opera in partita tutti gli effettivi. Per questo ha dato mandato a Elio Signorelli di organizzare due amichevoli ravvicinate (forse addirittura lo stesso giorno al Coni o se possibile allo stadio) con squadre di categoria inferiore. Mister 110 e lode ha intenzione di schierare undici giocatori per 90' in una sfida e gli altri undici per l'intera seconda. Un modo inusuale, ma efficace per tenere tutti sulla corda.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia il Tirreno
e porta il cinema a casa tua!3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.