Menu

Pessotto, il lucchese doc

Vanni, fratello di Gianluca, vive da anni in Toscana: è un faro del Borgo a Mozzano

Vanni Pessotto, anni 39. Daniele Giraldi, anni 38. Alessio Merciadri, anni 36. Più di un secolo sulle spalle delle tre colonne del Borgo a Mozzano, società che ha scelto la linea dell’esperienza e del mestiere, in netta controtendenza rispetto agli altri club del girone. Una scelta che ha pagato fino a un certo punto, vista la posizione non del tutto tranquillizzante della formazione di Vangioni.

Pessotto, fratello d’arte, vive ormai in Lucchesia da diversi anni. Esattamente dal 2000, quando il suo mestiere di girovago del calcio lo portò a vestire la maglia della Lucchese proprio mentre il fratello maggiore Gianluca mieteva allori con la Juventus e con la nazionale. Il Pessotto «minore» assomiglia terribilmente al fratellone come caratteristiche e modo di stare in campo: tanta corsa, nonostante la carta d’identità, senso geometrico e vagonate di esperienza al servizio di una squadra che ha come terminale avanzato un altro vecchio drago del calcio toscano, quel Daniele Giraldi che a Lucca e Carrara ha vissuto gli anni migliori. Infine Merciadri, drago del calcio dilettantistico toscano, una vita spesa a macinare chilometri nelle formazioni lucchesi e versiliesi. Ieri i tre vecchietti hanno trascinato il Borgo a un frizzante 2-2 contro il Pieve Fosciana, in cui è andato in gol un altro vecchio drago come Giacomo Nincheri.

Una dolce pausa pasquale per la Portuale che manda in frantumi i sogni di una possibile riapertura del campionato a vantaggio del Lunigiana e può godersi quindici giorni di relax guardando sempre più tutti dall'alto. I gialloamaranto di mister Massimiliano Incerti dopo due giornate col freno a mano tirato, in cui hanno raccolto solo un punto e visto avvicinarsi i cugini lunigianesi ad otto lunghezze, li rispediscono a meno dieci grazie alla vittoria casalinga al campo dei Pini col Montignoso per 3-1, coi gol dell'inossidabile Sartini e d una doppietta di bomber Zoppi.

A completare la festa marinella, il pareggio del Lunigiana a reti bianche sul campo di un coriaceo Bagni di Lucca, che di fatto mette in condizione i

ragazzi del diesse Pietro Pianini, a quattro giornate dal termine, di poter amministrare piu' che agevolmente il cospicuo vantaggio e cominciare a prenotare la festa che potrebbe già arrivare con la matematica dopo Pasqua in caso di vittoria a Pieve Fosciana.

Nicola Morosini

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro