Quotidiani locali

Vai alla pagina su Alluvione a Livorno

Alluvione, straordinario concerto in duomo per l’abbraccio della solidarietà - Video

Livorno: consegnati alla Caritas i soldi raccolti fra gli spettatori per aiutare le famiglie che hanno perso tutto

LIVORNO. Commozione e silenzio: ma anche la volontà di romperne la cappa della disperazione e far “parlare” la musica: lo strumento che tanti livornesi hanno utilizzato per trovare un po’ di conforto o magari cercare un “altrove” via dalla tragica realtà. L’ultima delle commemorazioni in elenco per il primo anniversario dell’alluvione si è svolta in duomo.

Non solo: è stata anche l’occasione per raccogliere fondi sotto il segno della solidarietà alle famiglie che nell’alluvione hanno perso la casa o le cose.

Alluvione a Livorno, straordinario concerto in Duomo: il tenore Casciarri Di fronte a una cattedrale gremita di gente forse come mai prima, è stato scelto come momento conclusivo proprio un brano musicale di uno dei nostri più illustri cittadini: lunedì sera è andata in scena la “Messa di Gloria” di Pietro Mascagi, con Il Tirreno partner di una straordinaria serata che ha fatto sentire più comunità i livornesi. Qui la performance del tenore Giorgio Casciarri


Il ricavato delle offerte raccolte è stato devoluto alla Fondazione Caritas Livorno Onlus: 6.869 euro (con un contributo rilevante da parte di Olt Offshore) sono stati consegnati a suor Raffaella Spiezio (Caritas) dagli organizzatori Massimo Signorini (Accademia degli Avvalorati) e Mario Menicagli (Associazione Amedeo Modigliani).

Di fronte a una cattedrale gremita di gente forse come mai prima, è stato scelto come momento conclusivo proprio un brano musicale di uno dei nostri più illustri cittadini: luned' sera è andata in scena la “Messa di Gloria” di Pietro Mascagi, con Il Tirreno partner di una straordinaria serata che ha fatto sentire più comunità i livornesi.

Alluvione a Livorno, concerto in Duomo: qui l'Ave Maria Duomo strapieno per uno straordinario concerto in nome della solidarietà di chi ha perso tutto


Sul podio di direttore d’orchestra Mario Menicagli, nei panni di violino solista il talento del musicista livornese violinista Marco Fornaciari, uno dei pochissimi ad aver potuto suonare con strumenti-leggenda come lo Stradivari 1715 o il Guarneri del Gesù.

Sul palcoscenico anche Giorgio Casciarri, Carlo Morini e Michele Pierleoni con la partecipazione di Stefano Cresci, Paolo Morelli, Maria Salvini e Arianna Presepi. Ma sono stati veramente tantissimi gli artisti e i musicisti che hanno voluto essere presenti per ricordare i nove livornesi che hanno perso la vita la notte del 10 settembre 2017. «È bastato che facessimo girare un po’ di whatsapp e nel giro di un quarto d’ora hanno cominciato a fioccare le adesioni», ha detto Menicagli.

Alluvione a Livorno, concerto in Duomo: il violinista Fornaciari Strapieno il Duomo di Livorno in occasione del concerto per il primo anniversario dell'alluvione: qui il violinista Marco Fornaciari


Ed è proprio a quella tragica notte che è stato intitolato il coro e l'orchestra, che per l'occasione ha avuto il nome di “Un anno fa l'alluvione”. Il coro è stato composto da varie associazioni e corali livornesi così come da artisti di altre città: la corale Pietro Mascagni, l'accademia vocale Città di Livorno, la corale Guido Monaco, la corale Valdera, la corale Domenico Savio, il coro Rodolfo del Corona, la Schola Cantorum Labronica e la società Corale Pisana. A coordinare il tutto è stato Luca Priori.

Ad assistere al concerto, in mezzo alla folla, figure istituzionali come il prefetto Gianfranco Tomao, come il sindaco Filippo Nogarin e la vice Stella Sorgente più vari assessori o, in rappresentanza della Regione, Francesco Gazzetti, ma anche i vertici delle istituzioni militari della città, e– l’elenco sarebbe veramente lunghissimo – personaggi noti come Loris Rispoli, protagonista delle battaglie per la verità sul Moby, o come Igor Protti e Luca Mazzoni, club manager l’uno e portiere l’altro del Livorno Calcio, una delle tante realtà che hanno collaborato all’iniziativa (come l’Unità K9 Cinofili Salvataggio & Ricerche, Associazione aLivorno!, Scs Firenze, Aps Arteficium, Associazione Il Pentagono e poi Succo Nativo, Ml Promozioni e Frequenza Grafica).

La solidarietà ha un cuore grande ed ecco che non poteva non esserci il riferimento a Genova e al dramma per il crollo del ponte Morandi. Anzi, un riferimento “incrociato”: alcuni artisti genovesi non hanno voluto rinunciare a essere presenti all’iniziativa per gli alluvionati livornesi. Il pubblico li ha contraccambiati con affetto.

Durante l'esibizione in Duomo è calato un silenzio irreale. Non è mancato anche l’imprevisto: probabilmente per il caldo, una delle coriste ha accusato un malore e l’esibizione è stata sospesa per qualche istante. Quando la Messa di Gloria si è conclusa, è partito uno spontaneo e toccante applauso che ha dato voce alla commozione di tutti.
 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro