Quotidiani locali

Vai alla pagina su Toscana economia
Panificio Toscano, niente accordo: è sciopero
lavoro 

Panificio Toscano, niente accordo: è sciopero

Picchetto davanti alla sede di Collesalvetti: i lavoratori chiedono la riassunzione dei due delegati sindacali licenziati

COLLESALVETTI. Alla vigilia di Ferragosto sembrava tutto risolto, un lieto fine a sorpresa per i lavoratori del Panificio Toscano, protagonisti di una dura vertenza sindacale con l’azienda che ha uno stabilimento a Prato in via Onorio Vannucchi e un altro a Collesalvetti. Dopo un picchetto rimosso con la forza dalla polizia all’alba del 6 agosto, una settimana dopo l’azienda aveva promesso che avrebbe assunto tutti i lavoratori inquadrati nella cooperativa Giano, ripristinando le corrette relazionii sindacali. Ma ieri si è scoperto che il problema non è affatto risolto, almeno per quanto riguarda i lavoratori iscritti al Si Cobas, che ha indetto uno sciopero nei due stabilimenti e un picchetto davanti a quello di Collesalvetti.

Nonostante un comunicato rassicurante dell’azienda, che ribadiva l’intenzione di assumere i lavoratori, sono rimasti sul tappeto due problemi di non poco conto.

«Il primo - spiega Luca Toscano del Si Cobas - è che l’azienda dice di voler assumere i lavoratori della coop Giano, ma alle stesse condizioni contrattuali. Ciò significa che saranno inquadrati tutti all’ultimo livello e alcuni di loro avranno il contratto multiservizi. In altre parole continueranno ad avere uno stipendio da fame.».

Il secondo problema riguarda ancora più da vicino il sindacato. Si Cobas aveva posto come pregiudiziale per un accordo la riassunzione di due delegati sindacali licenziati dal Panificio Toscano a Collesalvetti, ma ora l’azienda dice che non intende farlo, almeno direttamente. «La questione - si legge inun comunicato del Panificio - riguarda la cooperativa Giano. Qualora la maggioranza dei soci lavoratori della cooperativa si esprima in senso favorevole, (il Panificio, ndr) agirà di conseguenza dando corso all’assunzione».

«Il problema - ribatte il sindacalista Toscano - è che il Panificio

ha tolto la commessa alla cooperativa. Come è possibile che i due delegati vengano riassunti? Dovrebbe farlo il Panificio». Un tavolo convocato in Prefettura a Prato martedì e un incontro ieri con l’azienda non sono riusciti a sbrogliare il bandolo della matassa. — P.N..

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro