Quotidiani locali

Vai alla pagina su Toscana economia
Volano i traffici ro-ro, si sgonfiano i container
i dati dell’authority 

Volano i traffici ro-ro, si sgonfiano i container

Crescono a ritmo record crociere e forestali, non le auto  Corsini: risultati ottimi, premiato il lavoro di squadra

Le statistiche

Il sistema dei porti sotto l’ombrello dell’Authority labronica mette a segno una crescita nella movimentazione complessiva delle merci nella prima metà di quest’anno: l’incremento è stato per l’insieme degli scali pari al 5,8% e ha raggiunto i 21,5 milioni di tonnellate. Con un balzo in avanti soprattutto nei traghetti merci: più 11,4% (ma l’aumento sfiora i 13 punti se si guarda alle tonnellate), visto che sono state sbarcati e imbarcati 371.713 camion e trailer.

Ok anche l’andamento dei passeggeri tanto in fatto di crociere che sul versante dei traghetti: più 0,9% e tre milioni e mezzo di persone «nonostante il calo dei passeggeri da/per l’isola d’Elba nei porti di Piombino e Portoferraio».

Se possibile la movimentazione è andata anche meglio sulle banchine del solo porto di Livorno, al netto di quel che è accaduto a Piombino e all’Elba: più 7,1% il dato globale del periodo gennaio-giugno, ma si schizza in alto di oltre 18 punti la con percentuale relativa al numero dei mezzi rotabili (guidati e semirimorchi), di 14 punti per i passeggeri dei traghetti così come per i prodotti forestali, di quasi 25 quello riguardante i croceristi. Un po’ meno brillante il risultato del traffico auto, che comunque resta con il segno “più”, anche se solo d’un soffio (0,3%).

E i container, che sono da almeno vent’anni l’indicatore-guida? Qui si registra un netto arretramento, e non è un bel segnale per uno scalo che vuol puntare su questo tipo di traffici: 362.108 teu in sei mesi, cioè il 5,2% in meno rispetto a dodici mesi prima.

L’Authority si difende ricordando che a pesare è il crollo (meno 24,6%) relativo al traffico di trasbordo, cioè i contenitori che vengono sbarcati da una nave per esser reimbarcati su un’altra. Era la tipologia che aveva fatto volare per un paio di anni i dati del nostro porto, poi è bastata una modifica della geografia di alcuni operatori, ed ecco il contraccolpo. Secondo l’Authority, il traffico “reale” è in positivo dell’1,7%, i contenitori pieni hanno mezzo a segno una crescita del 5,7% (import più 10,5%) e quelli vuoti sono calati di oltre 11 punti.

Il presidente dell’Authority Stefano Corsini parla di «dati straordinari» che «premiano il lavoro di squadra

con Capitaneria e operatori»: si pensi «all’allargamento provvisorio del canale di accesso, all’illuminazione notturna che rende Livorno potenzialmente scalabile 24 ore su 24, alle ordinanze della Capitaneria con le nuove condizioni per le grandi navi in Darsena Toscana». —
 

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro