Quotidiani locali

Romanzo Famigliare: Livorno in tv si fa bella per 6 milioni di spettatori - Dite la vostra

Esordio trionfale su Raiuno per la fiction. Ottimi gli ascolti anche della seconda puntata: così anche la città conquista l’Italia

LIVORNO. Quasi sei milioni di telespettatori hanno seguito lunedì sera su Raiuno il debutto del film tv “Romanzo famigliare” catapultandosi nella vicenda di Emma, madre immatura con figlia adolescente e marito militare all’Accademia Navale, interamente ambientata a Livorno. Ottimi gli ascolti annche della seconda puntata: 5 milioni e 216mila spettatori.

Un racconto corale in sei puntate, diretto dalla regista Francesca Archibugi, melodramma moderno con un cast assai affollato, dalle star Giancarlo Giannini e Vittoria Puccini (ma ci sono anche Pamela Villoresi, Anna Galiena, Guido Caprino, Andrea Bosca, Marco Messeri) a giovani attori come Fotinì Peluso, Annalisa Arena, Jacopo Crovella. Successo annunciato del resto, visto il super lancio della fiction che dopo il bis di ieri sera (le prime due puntate sono state programmate a ridosso l’una dell’altra) andrà in onda ogni lunedì in prima serata per le prossime 4 settimane. E un impagabile spot per Livorno, che a “Romanzo famigliare” non si limita a fare da sfondo ma le regala un ruolo di primo piano, caratterizzando a misura labronica personaggi, battute inquadrature, persino situazioni.

Livorno protagonista di "Romanzo famigliare" Il trailer che passa in questi giorni sui canali Rai non lascia dubbi: Livorno è la vera protagonista di “Romanzo famigliare” il film in 6 puntate diretto da Francesca Archibugi girato nel 2016 a Livorno e ambientato interamente in città. La Terrazza Mascagni, l’Accademia Navale, il Brigantino, il viale Italia, nelle immagini del promo di 30 secondi, rubano la scena ai veri protagonisti, volti dello star-system italiano, da Giancarlo Giannini a Vittoria Puccini, da Guido Caprino a Anna Galiena, da Marco Messeri a Pamela Villoresi - L'ARTICOLO


Inseguendo le peripezie della famiglia di Emma si varcano i cancelli dell’Accademia, si apre la porta della sala delle cerimonie che abbraccia il mare, si sbircia sul l piazzale del brigantino, luoghi tutti da scoprire per molti livornesi. Ma il film illumina anche luoghi conosciutissimi che la cinepresa rende come per magia non più scontati: la stazione, i Pancaldi, il lungomare, il porto. Una livornesità che evidentemente non ha attratto solo i telespettatori di casa ma una bella fetta di italiani.

leggi anche:



La Rai ovviamente gongola. «“Romanzo famigliare” è una serie che rappresenta un frutto maturo del percorso di crescita in termini qualitativi del prodotto Rai, un punto di arrivo che presuppone un lungo e paziente cammino. Lo è sotto il profilo della scrittura, in termini di linguaggio visivo, di regia, di eleganza produttiva, di recitazione» dice Eleonora Andreatta, direttrice di Rai Fiction, commentando questo esordio stellare. Un esordio che ha dato del filo da torcere al diretto concorrente, Checco Zalone, che su Canale 5, con il suo recentissimo “Quo Vado?” prima visione tv (il film è del 2016) ha superato “Romanzo famigliare” di poche lunghezze, 6 milioni 259 mila telespettatori e il 24.98 di share contro i 5milioni e 637 mila (share 22%) del drammone televisivo di Archibugi. Una bella rivincita per la fiction italiana, non sempre capace di catturare l’interesse del pubblico. dhare 22.2) , che ieri sera su Rai1 ha conquistato oltre 5,6 milioni di telespettatori con punte del 24.5% di share.«”Romanzo famigliare” - commentano dalla Rai analizzando i dati di ascolto - - ha raggiunto in maniera trasversale il grande pubblico famigliare e, in particolare, quello femminile (27,3% di share), con riscontri molto buoni anche sui social dove la serie si è posizionata nella top ten dei programmi più discussi».

«Risultati positivi - prosegue quindi Andreatta - per un grande racconto popolare d'autore, un affresco contemporaneo che racconta di una famiglia del nostro tempo, con le tante contraddizioni che dividono e uniscono genitori e figli, nelle difficoltà vere di un continuo confronto e di una crescita comune. Con “ Romanzo Famigliare” Francesca Archibugi firma a quattro mani con Elena Bucaccio la sua prima serie tv per la Rai indagando, con lo sguardo delicato e pieno di verità emotiva che da sempre contraddistingue il suo lavoro, le dinamiche all'interno delle famiglie di ieri e di oggi mettendone in scena la complicata bellezza. Un romanzo di formazione che si pregia delle suggestive ambientazioni dell'Accademia Navale».


 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik