Quotidiani locali

Litigio sul bus: «La conducente non voleva farmi salire mi ha detto vai a casa tua»

Livorno, la mamma senegalese, che aveva con sé il passeggino, accusa la dipendente del Ctt. L’azienda: «Apriremo un’istruttoria interna, vogliamo ascoltare le due versioni»

LIVORNO. «La conducente mi ha detto che non potevo salire sul bus. Mi ha detto vai a casa tua». E ieri mattina sulla Lam blu che corre dal viale Italia verso via Grande sono arrivati anche i carabinieri. A denunciare l’episodio è Fatima Cissoko, 40 anni, originaria del Senegal, in Italia da dieci anni. È arrabbiata e dispiaciuta per quello che definisce un episodio di razzismo.

«Ho due bimbe di uno e cinque anni», racconta: «Dopo essere andata dalla pediatra, sono andata alla fermata del bus, sul viale Italia. La conducente quando sono arrivata davanti alla porta per entrare mi ha fatto un gesto con la mano e mi ha detto “te no”...». La donna aveva una bambina per mano e l’altra nel passeggino. Va detto che la salita sui bus con il passeggino è spesso motivo di botta e risposta anche accesi tra passeggeri e conducenti, come raccontano dalla stessa Ctt. Questo perché sui mezzi più vecchi, quelli a tre porte, non si può salire con il passeggino aperto, mentre su quelli più nuovi è possibile farlo purché sia libero il posto riservato alle carrozzine.

In questo caso, però, la storia sembra aver preso un’altra direzione. «Se il problema era il passeggino – riprende – poteva dirmi: “signora, lei così non può entrare”. Invece quando le ho chiesto perché non potevo salire e le ho detto che avrei chiuso il passeggino ha continuato a rispondermi: “Te no”. Anche una signora accanto a me le ha chiesto spiegazioni. Ma la conducente ha insistito: “Te no, fuori”. E alla fine mi ha detto: “Vai a casa tua”. Allora ho capito che è una razzista e abbiamo litigato. Tutti sul bus l’hanno criticata». «Una donna che mi ha difeso – racconta ancora – ha chiamato i carabinieri: sono arrivati, hanno preso i dati, mi hanno detto che posso fare denuncia. La farò perché sono rimasta male: la bambina è rimasta male, mi ha detto che non vuole più prendere il bus per come siamo state trattate, è stato brutto». Alla fine la famiglia è salita sul mezzo: «Ho detto io da qui non scendo, ho il biglietto».

L’episodio è avvenuto ieri intorno alle 11. Nel pomeriggio Il Tirreno ha contattato il Ctt per conoscere la versione della conducente e dell’azienda. «La dipendente ha chiamato la centrale dicendo che ha avuto un diverbio con alcuni utenti, per il momento sappiamo solo che c’è stato un intervento dei carabinieri», ha spiegato il responsabile della gestione, Bruno Bastogi. «Senz’altro – fa sapere – apriremo un’istruttoria interna per capire cosa è successo, vogliamo sentire le due versioni, sia la dipendente che la signora». Per «non fare processi sommari».


Detto questo, «se viene confermato quanto detto dalla signora, le scuse sono dovute, fermo restando il rispetto delle regole. L’episodio descritto è grave, non per il passeggino ma per tutto il resto: certe frasi non sarebbero accettabili».


 

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista