Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

«Paghiamo noi la targa da mettere sopra al Pensatore»

Livorno, dopo l’appello del Tirreno ecco la proposta del Forum Rotonda: «Siamo disponibili a dare una mano»  

LIVORNO. Aspetta da sessant’anni, ma stavolta potrebbe essere l’occasione buona perché sul basamento della statua del Pensatore (o Pescatore) venga sistemata una targa, magari con scritto sopra il nome dell’opera, l’autore e l’anno in cui è stata realizzata. A farsi avanti, dopo l’appello del Tirreno a prendersi cura dei nostri tesori dimenticati raccontati nella striscia “I monumenti ci parlano”, il Forum Rotonda, associazione fondata nel 2005 con sede nell’allora circoscrizione 5 e della quale fanno ancora parte diversi circoli sparsi per la città.

A lanciare la proposta Ruggero Morelli, uno dei fondatore del Forum, nato per valorizzare la Rotonda di Ardenza durante gli anni dell’abbandono. «È dal 2009 – ricorda – che ci battiamo per far sì che l’opera sistemata davanti alla Baracchina rossa abbia finalmente una targa. Otto anni fa scrivemmo anche una lettera ufficiale al Comune nella quale ci rendevamo disponibili a pagare di tasca nostra l’intervento. La risposta? Ci dissero che non era il momento e che doveva essere l’amministrazione a occuparsene».



Un anno dopo l’associazione è tornata all’attacco. «L’allora consigliera della circoscrizione 5 Sara Bovani – ricorda Morelli – prese a cuore questa battaglia e cercò di convincere il Comune a tornare sui propri passi e accettare la nostra offerta. Ma anche stavolta il cerchio non si chiuse. Ci dissero che non erano riusciti a trovare il modo di aggirare la burocrazia, ma promisero che a breve avrebbero sistemato una stele esplicativa ad Ardenza per valorizzare sia i Delfini, un tempo sistemati vicino al moletto, che la statua del Pensatore».

Un progetto caduto nel vuoto, tanto che alcuni componenti del Forum avevano anche pensato di fare un salto a leva e sistemare una targa “abusiva” davanti al monumento. Ecco perché quando il giornale ha fatto appello al senso civico dei livornesi invitando associazioni e semplici cittadini a farsi avanti per cercare di valorizzare i nostri monumenti, Morelli ha rispolverato quel progetto messo in un cassetto. «Anche se il Forum non è più attivo come qualche anno fa – prosegue – abbiamo ancora in cassa qualche risparmio che mettiamo volentieri a disposizione del Comune per colmare questo vuoto». Insomma la disponibilità c’è. «Giriamo la proposta all’assessore alla Cultura Francesco Belais», conclude.

Ora, dunque, la palla passa al Comune. Che accettando farebbe felice anche l’autore, Mino Trafeli, che nell’ultima intervista che ci ha concesso non ha nascosto il suo disappunto per l’assenza di una “piastra” sulla statua. «Servirebbero due cose – disse – cambiare il basamento perché quello attuale è indecoroso e mettere una targa che descriva la scultura a chi passa».