Quotidiani locali

Nuova odissea in porto, rabbia passeggeri: «Abbandonati in banchina»

Livorno, il maltempo ha fatto slittare la partenza del traghetto Grimaldi per Olbia. «Il problema è stata la disorganizzazione»

LIVORNO. Sistemati sotto delle tende, coperti dai cappucci, in attesa di notizie che non arrivano mentre un vento freddo che sa tanto di settembre si fa sentire nelle ossa. Questa è la situazione in cui si sono ritrovati i turisti arrivati nel porto di Livorno la sera di venerdì 11 agosto pronti per imbarcarsi alla volta di Olbia per la propria vacanza in Sardegna. Il mare mosso però ha fatto ritardare la partenza di diverse ore e se questo è un contrattempo da mettere in conto, a far arrabbiare i passeggeri è stata «la mancata organizzazione della compagnia, che ci ha abbandonato a noi stessi su una banchina», spiega Loria, una dei turisti in questione.

leggi anche:

L’odissea di questo nuovo disagio inizia intorno alle 20 dell’11 agosto, quando la partenza del traghetto Grimaldi, fissata per le 21.30, viene rimandata a causa del maltempo. Ai passeggeri viene impedito di imbarcarsi e al contrario vengono sistemati sul porto in attesa di novità. «Ma non c’era nessuna sala d’attesa aperta e siamo rimasti all’aperto con temperature piuttosto basse – continua Loria – C’erano i bambini piccoli che piangevano mentre gli adulti hanno cercato di ripararsi come hanno potuto». Le ore passano ma non arrivano nuove notizie. A mezzanotte ancora nulla, ma qualche responsabile della compagnia inizia a offrire caffè alle persone sulla banchina. Dopo un quarto d’ora qualcosa si sblocca. «Ci hanno fatto imbarcare, almeno siamo stati al riparo, ma ancora nessuno ci ha saputo dire nulla della partenza». Sbarco che arriva poco prima delle 3, dopo quasi cinque ore di ritardo legate al maltempo. «Ci hanno abbandonato: non è stato un servizio degno», conclude la signora.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista