Quotidiani locali


Il Sì di Francesco e Rebecca sul palco del teatro Goldoni

Lei attrice e regista, lui musicista: galeotto fu l’amore per le scene e l’arte E il matrimonio celebrato da Conte diventa quasi una performance teatrale

LIVORNO. Sulle note iniziali di Ruby Tuesday dei Rolling Stone e con il ritornello di Happy Together dei The Turtles si è aperta e si è poi conclusa la celebrazione (non ufficiale) del matrimonio tra Francesco Cristiani e Rebecca Luperini. La coppia, dopo la celebrazione ufficiale avvenuta in Comune, ha deciso di replicare (domenica 7 agosto) con una cerimonia informale in una location del tutto particolare: il suggestivo palco del teatro Goldoni.

Una performance teatrale in stile hippie, con rimandi alle atmosfere beatlesiane di Sgt Pepper's, che è stata celebrata da Marco Conte: lui 35 anni, lei 34, si sono conosciuti sul palco di un altro teatro livornese, il Vertigo. Dopo un amore lungo 12 anni, e l'arrivo di una bimba, Ginevra di 3 anni, Francesco e Rebecca hanno fatto il fatidico passo unendosi nel luogo simbolo del teatro livornese, così rappresentando la loro passione per le arti e, in particolare, per il teatro. «Abbiamo scelto di celebrare il nostro matrimonio – spiega Francesco che nella vita, oltre il lavoro nella pasticceria di famiglia, fa il musicista – perché entrambi siamo appassionati di teatro: Rebecca è attrice e regista. Ci siamo conosciuti al Vertigo, Rebecca lo frequentava mentre io conoscevo una amica che gravitata lì. Ci siamo conosciuti e siamo sempre stati insieme, da 12 anni a questa parte».

Le immagini di questo matrimonio speciale sono state immortalate dallo studio fotografico “Just Married” di via Marradi, che ha curato il servizio fotografico e video. Rebecca è arrivata al Goldoni su un furgoncino Volkswagen anni Settanta: abito bianco, lungo e semplice, capelli sciolti tenuti insieme da un nastrino, emozionata. «Il Goldoni – ripete la sposa – rappresenta la passione che condividiamo per il Teatro. Il Goldoni è meraviglioso: un teatro per tutti, che dovrebbe diventare a pieno diritto casa comunale».

«La proposta di matrimonio – aggiunge Rebecca, ripercorrendo le tappe della sua unione con Francesco – è arrivata a gennaio scorso, alla fine di un mio spettacolo teatrale. L'anello me lo aveva comprato più di un anno fa a dire il vero: è stata una cosa lunga, ma adesso siamo qui». Non è la prima volta che il Goldoni si apre ai matrimoni: qualche anno fa, infatti, il teatro aveva ospitato i matrimoni di due persone che lavorano nell'entourage tecnico del Goldoni. Ma – spiega l'assessore alla cultura Francesco Belais – sarebbe bello allargare la possibilità di celebrare matrimoni legali, quindi alla presenza dell'ufficiale di Stato civile, al teatro Goldoni, così come al Gazebo e sulla Terrazza Mascagni.

Intanto, a partire da ottobre, in via sperimentale, sarà possibile sposarsi anche a villa Mimbelli, al costo di 500 euro. Nel caso del matrimonio di Francesco e Rebecca, invece, è stato il personale preposto del Goldoni ad occuparsi dell'allestimento del palcoscenico: un tavolino cinese del 1700, ad esempio, è stato collocato come altare sul palco. Il costo dell'affitto del teatro? Circa 1000 euro, a cui si aggiungono, eventualmente, le spese

di allestimento. «È una emozione enorme – dice Marco Conte a inizio cerimonia – celebrare il matrimonio di Francesco e Rebecca. Il teatro Goldoni è una cornice importante: è come una chiesa, perché è necessario mantenere la stessa referenza di un luogo sacro».
 

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista