Quotidiani locali

Rifiuti al moletto di Quercianella, l'iniziativa di quattro ragazzi: «Ecco come lo ripuliamo»

Mozziconi di sigaretta, bottiglie di plastica, lattine e cibo tra gli scogli: i giovani recuperano i rifiuti lasciati dai bagnanti

LIVORNO. Centinaia di mozziconi di sigaretta, bottigliette di plastica, lattine, pezzi di carta. E poi pacchetti di sigarette vuoti, bicchieri di plastica, cannucce e avanzi di cibo. Tutto abbandonato da chi ogni giorno invade gli scogli per prendere il sole e fare un tuffo in mare, tutto recuperato da quattro giovani che amano il nostro lungomare e ora denunciano l’inciviltà di troppe persone. Il moletto del degrado è quello di Quercianella, uno dei più frequentati dai livornesi: è proprio lì che, negli ultimi venti giorni, i ragazzi hanno effettuato due pulizie e portato via una quantità impressionante di rifiuti lasciati dai bagnanti. E domenica 16 luglio, intorno alle 17, si ritroveranno per una terza pulizia del moletto. «Invitiamo tutti a partecipare – spiegano – ma soprattutto a non sporcare un gioiello della nostra costa come questo, che appartiene a tutti noi livornesi e non va trascurato in un modo così vergognoso».

I primi a recuperare i rifiuti abbandonati dai bagnanti sono stati Manuel Perosino e Giacomo Lucchesi, che poi hanno pubblicato su Facebook le immagini della sporcizia portata via, scatenando decine e decine di reazioni di sdegno. La scorsa settimana, invogliati da quel gesto e dopo aver visto una bottiglia di vetro in mille pezzi, ci hanno pensato Simone Pietra Caprina e Giacomo Dinuzzi a ripulire il moletto. E la quantità di rifiuti, soprattutto mozziconi di sigaretta, era addirittura superiore rispetto alla prima volta. Le foto della sporcizia sono poi circolate sui social network e i quattro giovani si sono messi in contatti, organizzando la pulizia straordinaria fissata per domenica 16 a Quercianella. «Sono stati gesti spontanei, sia da parte loro che nostra – ha detto Pietra Caprina – e questa sorta di collaborazione è la logica conseguenza. Tante persone ci hanno fatto e ci stanno facendo ancora i complimenti, ma credo che sia qualcosa di doveroso: il moletto è frequentato anche da tante famiglie con i bambini, non possono trovare sigarette e pezzi di vetro per terra».



Tra gli scogli di Quercianella non ci sono cestini per l’immondizia, «ma comunque – aggiunge Simone Pietra Caprina – ce ne sono due all’ingresso del moletto e alcuni sulla strada, dunque basterebbe mettere lo sporco in una bustina e poi buttarla regolarmente nel cestino». Insomma, è soltanto una questione di inciviltà. «Sicuramente, non c’è altra spiegazione. Al di là delle pulizie, comunque, vogliamo lanciare un messaggio preciso: il moletto è di tutti e tutti dovrebbero impegnarsi a tenerlo in modo decoroso, invece vediamo tanto menefreghismo e poco rispetto per l’ambiente. Noi crediamo che questa sia un’iniziativa interessante, un modo anche per far riflettere i livornesi. Perché se oggi abbandoni i rifiuti tra gli scogli, domani rischi di ritrovarceli, senza contare poi i danni ambientali e i pericoli per i più piccoli».

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista