Quotidiani locali

Sventa il furto chiudendo i ladri dentro al negozio  

Livorno, l’episodio in una mesticheria di via Marradi: una giovane ha distratto il titolare mentre due complici si sono avvicinati alla cassa, ma alla fine il colpo è saltato

LIVORNO. Il furto era stato studiato nei minimi dettagli, ma tutto è saltato per la prontezza del titolare del negozio finito nel mirino di tre ladri. Una giovane, intorno alle 10 di mercoledì 16 maggio, è entrata dentro alla mesticheria Brilli di via Marradi, in pieno centro, e ha chiesto una tortiera al titolare: una richiesta non casuale, visto che gli scaffali con le teglie e gli oggetti per la cucina si trovano dalla parte opposta rispetto alla cassa. A quel punto anche i due complici sono entrati dentro al negozio, che si trova di fronte alle scuole medie Micali, e si sono avvicinati alla cassa per rubare l’incasso.

«Ho sentito alcuni rumori strani e sospetti - racconta il titolare Marco Brilli, che gestisce anche l’omonima rivendita di vini accanto alla mesticheria - in più quella donna mi stava facendo troppe domande sulle teglie, quindi ho collegato le due cose e ho capito tutto. Ho iniziato a urlare e sono uscito dal negozio, chiudendo i tre all’interno: in realtà non avevo la chiave con me, così mi sono messo davanti all’ingresso tenendo la porta. E ho chiesto ad alcuni passanti di chiamare i carabinieri».

Mentre i tre malviventi erano ancora all’interno dell’attività, un testimone ha fermato un vigile urbano che è entrato subito dentro alla mesticheria e ha chiesto i documenti a tutti, ma uno è fuggito ed è salito su un’auto che aveva parcheggiato di fronte al negozio. «Siamo riusciti almeno a prendere il numero della targa - continua Brilli - comunque si tratta di un uomo sulla trentina, sicuramente non italiano. Era entrato insieme a una donna di 50-55 anni, anche lei straniera, mentre la complice più giovane, italiana e sui trent’anni, stava cercando di distrarmi. Alla fine è andata bene, non sono riusciti a rubare neanche un euro dalla cassa e per fortuna non erano armati. Però che spavento...».

Brilli, che ha già presentato denuncia per questo tentato furto, sottolinea un particolare di questo episodio: «I carabinieri sono stati chiamati subito, ma si sono presentati dopo una ventina di minuti. E questo non va bene. A un chilometro di distanza dai miei negozi c’è la caserma di via Mameli, ma la pattuglia intervenuta era partita da Montenero. Ma com’è possibile? Io avevo tre ladri dentro al negozio... Lo ripeto, per fortuna è

andata bene. Comunque nella borsa di una delle due donne, identificate sia dalla polizia municipale che dai carabinieri, sono stati trovati 540 euro in contanti, quasi sicuramente proventi di altri furti andati a segno. Per noi commercianti è un momento difficile sotto ogni punto di vista».

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

TORNA IL CONCORSO PIU' POPOLARE DEL WEB

Premio letterario ilmioesordio, invia il tuo libro