Quotidiani locali

Addio alla preside Maria Mazzarino

Una vita tra scuola, cultura e sociale: se n’è andata a 85 anni. Per lungo tempo alla guida del Geometri e del Mascagni

LIVORNO. Una donna. Tante anime. Mondi diversi. Quello della scuola, dove praticamente ha passato la sua vita; la cultura e il sociale per cui si è impegnata fino quasi alla fine dei suoi giorni scrivendo libri e promuovendo giovani autori. E ancora l’amore per la musica e il suo ruolo pubblico alla guida dell’istituto Mascagni per 12 anni. Se n’è andata, all’età di 85 anni, Maria Mazzarino Sfriso, storica dirigente scolastica dell’Itg Buontalenti e molto altro.

«Dall’attività nel sindacatoscuola della Cgil, all’impegno politico prima nel Pci e poi nel Pd, dall’insegnamento al ruolo di preside e ancora i suoi incarichi pubblici, il sociale, la cultura: da tutti questi mondi mia madre sarà sempre ricordata per una persona vicina ai giovani, con un consiglio pronto per tutti e una grande capacità di ascolto e voglia di fare», così Renata Sfriso ricorda la mamma.

Forte personalità, presenza, voglia di fare e di innovare: lei, oggi 60enne e insegnante di violino al Mascagni deve a sua madre la professione che svolge adesso. Era una passione e anche grazie alla spinta di mamma Maria è diventata un lavoro: la musicista. Mazzarino Sfriso comincia la sua carriera lavorativa nel mondo della scuola come insegnante di francese all’istituto Vespucci. Poi il grande salto verso la fine degli anni Ottanta: la prof diventa preside e sarà ricordata come la dirigente storica dell’Itg Buontalenti, per quasi vent’anni guida l’istituto.

«Si deve a lei il rilancio della scuola: durante la sua dirigenza per l’istituto erano gli anni d’oro - la ricorda l’amica ed ex collega Sandra Allori, insegnante di italiano e storia del Geometri in pensione - Lei guardava sempre avanti: è stata una pioniera dei progetti che oggi si chiamano di “alternanza scuola-lavoro”».
Dialogo, ascolto degli studenti, presenza fisica e morale. «Maria Mazzarino ha sempre creduto nei progetti europei con scambi alunni e insegnanti: era una preside presente, moderna, proiettata verso le sperimentazioni e il futuro».

Parallelamente al Buontalenti, Maria Mazzarino Sfriso ha lasciato un segno tangibile anche in quello che è, oggi, l’istituto superiore di Studi Musicali Mascagni: per 12 anni, fino ai primi anni del 2000 ne è stata la presidente. «Il suo incarico fu in una fase non semplice per l’istituto: lei si trovò a confrontarsi con la legge sulla riforma degli istituti musicali del ’99 e con ogni mezzo riuscì a far inserire il nostro Mascagni nella riforma, permettendo all’istituto di avere l’importanza che riveste oggi - a riavvolgere il nastro è il maestro Stefano Agostini, ex vice direttore del Mascagni e oggi docente di flauto - Si è inoltre battuta, riuscendoci, per far trasferite il Mascagni dalla vecchia sede di via Marradi a quella attuale».

Il nome di Maria Mazzarino Sfriso, quindi, si lega indissolubilmente a quello della scuola di studi musicali. «Non ha mai perso un concerto e anche dopo ha sempre fatto parte dell’associazione Amici del Mascagni», continua.
Tra i vari mondi incrociati e vissuti dalla ex preside anche quello del consiglio di amministrazione di Unicoop Tirreno, la presidenza della sezione soci di Livorno. L’amore per la lettura e alla letteratura la porta, dopo la pensione, a dar vita agli “Atelier di lettura” per i soci Coop e poi, alcuni anni fa, con Marco Rodi fonda Ala, l’associazione liberi autori, una realtà senza fini di lucro con l’obiettivo di diffondere la lettura e la scrittura. «Era una donna dalle molteplici attività e dagli sconfinati interessi culturali che ha creduto fin da subito nel valore sociale e culturale del nostro progetto: ci

uniamo al dolore dei familiari», chiude Rodi.

Amici, parenti, ex colleghi e persone care daranno l’ultimo saluto alla storica preside venerdì 21 aprile alle 15.30 al cimitero dei Lupi. «Sarà un funerale laico, non ci sarà la messa. Così voleva mia madre», il pensiero della figlia.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista