Quotidiani locali

LA MEMORIA

Il borgomastro che concesse la medaglia al soldato delle Ss visita San Terenzo

Bastian Rosenau aveva premiato un suo concittadino che si era distinto per particolari attività sociali, senza sapere che l'uomo era stato un sergente delle Waffen-SS, uno dei reparti più sanguinari

Parla scandendo il suo tedesco morbido e attendendo con pazienza la traduzione dell'interprete. Ma almeno quattro volte fa fatica ad arrivare in fondo alle frasi che ha costruito con attenzione e che legge da un foglietto. E almeno quattro volte l'applauso di chi lo ascolta, e sono tanti, lo aiuta a controllare la commozione, a lasciare che le lacrime che sente arrivare restino dentro di sé.

Siamo a San Terenzo Monti, nel comune di Fivizzano. Siamo nel luogo dove le SS, settantadue anni fa, uccisero 159 persone: 82 uomini, 63 donne, 14 bambini. È il giorno della commemorazione e del ricordo. Il cimitero, la messa, le corone. Alla fine sul palco, accanto al sindaco di Fivizzano, Paolo Grassi, c'è questo alto e giovane borgomastro di un paese non lontano da Stoccarda, Engelsbrand. Si chiama Bastian Rosenau, ha 36 anni e qualche mese fa ha dato un'onorificenza comunale a un suo concittadino che si era distinto per particolari attività sociali a favore della comunità. Ma non sapeva, nessuno gli aveva detto, nessuno sospettava che quel “bravo cittadino” era stato un soldato delle Waffen-SS, sergente in uno dei reparti più sanguinari, quello comandato da Walter Reder, il battaglione responsabile dei massacri più efferati. Da Marzabotto, a Sant'Anna di Stazzema e, appunto, Fivizzano. Quel sergente delle SS diventato un “bravo cittadino”, di nome Wilhelm Kusterer, ebbe un ruolo attivo nelle stragi compiute dal battaglione. Tanto da essere definitivamente condannato, in Italia, a due ergastoli: per Marzabotto e per Fivizzano (nel territorio del Comune furono più di 400 le persone uccise dai nazisti).

leggi anche:

anna

Sant'Anna commemora le vittime dell'eccidio

Il presidente Mattarella ha inviato un messaggio: "La memoria di quella tragedia deve vederci tutti impegnati in un'opera di costante rafforzamento delle riconquistate libertà democratiche"

Appena si sa dell'onorificenza, il sindaco Rosenau è travolto da accuse e polemiche. Si appella alla propria buona fede e il consiglio comunale delibera il ritiro della medaglia. Ma al sindaco di Fivizzano non basta. Paolo Grassi, insieme a Roberto Oligeri, responsabile per il Comune della conservazione della Memoria delle Stragi nazifasciste, parte per Engelsbrand. Vuole parlare di memoria e di pace con il suo collega tedesco e vuole invitarlo a San Terenzo per l'anniversario della strage. Vuole che sia lui a tenere l'orazione ufficiale.

Così ieri Bastian Rosenau ha parlato a uomini e donne che da settantadue anni portano dentro di sé il terribile dolore di quei giorni.

«Anche se questi fatti sono accaduti molto tempo prima che io fossi nato e anche se non ho partecipato a questi crimini, è difficile per me rivolgervi la parola oggi come sindaco di Engelsbrand», (applausi).

«Sono andato a leggere i racconti dei testimoni negli atti dei processi. Ne sono rimasto sconvolto e sento una grande vergogna quando penso alle azioni dei soldati tedeschi nei vostri confronti e nei confronti delle vostre famiglie», (applausi).

«Mi sono chiesto: che cosa si può dire di una cosa così mostruosa? È difficile trovare le parole giuste per parlarne. Io sono padre di tre piccoli bambini e quando penso alle donne, alle madri, ai bambini, a tutti gli innocenti vittime di uccisioni così sadiche e terribili, mi viene un profondo lutto e compatimento», (applausi).

«Ci tengo davvero tanto a commemorare, con il vostro permesso, le vittime della violenza germanica e a inchinare il capo di fronte ai morti. E oggi sono venuto anche per chiedervi scusa perché noi, con la nostra onorificenza, abbiamo riaperto senza saperlo vecchie piaghe e provocato ferite profonde a voi e ai vostri concittadini. Non era nostra intenzione e ce ne rammarichiamo molto», (applausi).

Sant'Anna di Stazzema - La memoria dell'eccidio è una bambola coperta di sangue

Prima di essere circondato da chi vuole ringraziarlo e stringergli la mano Bastian Rosenau aveva voluto sottolineare l'eccezionalità della giornata: «All'epoca l'Europa era ridotta a macerie e l'odio era il sentimento prevalente. Chi avrebbe mai pensato che sarebbe stato possibile incontrarci oggi uniti dall'amicizia e dalla fratellanza in un'Europa unita?».

E insieme a Grassi si è poi avviato verso un altro luogo della memoria, a Vinca, dove, pochi giorni dopo San Terenzo, il 24 agosto 1944, le SS di Reder e Kusterer, insieme a cento brigatisti neri, massacrarono centosessantadue persone: 59 uomini, 58 donne, 14 bambini.

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics