Quotidiani locali

All’ipermercato i cani non entrano più

Vietato l’ingresso agli animali all’Ipercoop di Porta a terra. L’azienda: abbiamo fatto regolare richiesta al Comune

LIVORNO. Effetto social. Basta pubblicare una foto e zac, ecco scoperchiato un groviglio di polemiche che altrimenti difficilmente avrebbe visto la luce. La più rumorosa è quella dei padroni dei cani, che da qualche giorno si sono visti vietare l’ingresso per i propri amici pelosi all’Ipercoop - il supermercato dentro alle Fonti del Corallo - mentre l’accesso è rimasto libero nel resto della galleria del centro commerciale. Ma l’azienda dichiara di aver fatto tutto secondo quanto previsto dalla normativa. E chiama in causa il Comune. «Abbiamo chiesto di poter istituire il divieto - dicono dal quartier generale di UniCoop Tirreno - ma dal Comune non abbiamo ricevuto risposta. A fronte di questo silenzio, per noi mantiene validità quanto comunicato ovvero il divieto di accesso dei cani».

I centinaia di commenti che hanno intasato i social fanno del caso Ipercoop l’esempio per eccellenza del regolamento comunale sulla tutela degli animali, entrato in vigore quasi un anno e mezzo fa (ottobre 2014), secondo cui i cani possono entrare in ogni negozio (col guinzaglio) a meno che il proprietario non ne chieda espressamente - e motivandone le ragioni - il divieto.

Richiesta che i vertici di Unicoop Tirreno per la sua sede nel centro commerciale spiegano di aver regolarmente presentato agli uffici unicipali, basandola su problemi di sicurezza. L’intenzione infatti, spiega l’azienda, è quella di «costruire un percorso educativo rivolto ai proprietari di cani analogo a quello fatto a Viareggio», dove i cani sono ammessi purché i padroni seguano determinate regole di comportamento.

Il Comune però a questa richiesta non ha mai risposto, continua Unicoop. «L’ufficio comunale competente avrebbe dovuto, entro trenta giorni successivi alla nostra comunicazione, adottare con provvedimento motivato l’autorizzazione, l’annullamento o eventuali modifiche». Invece: silenzio. Così l’azienda è andata avanti per la sua strada. «In base all’articolo 32 del regolamento comunale» dice Unicoop «per noi mantiene validità il divieto ad eccezione dei cani di piccola taglia purché muniti di trasportini o borsine propri». In questo senso infatti si sta provvedendo a sostituire il cartello di divieto assoluto con quello che permette l’accesso a cani di piccola taglia.

Con questa premessa lunga più di un mese, nei giorni scorsi è apparso il cartello di divieto all’ingresso dell’ipermercato, subito fotografato da un proprietario che pubblicandola su facebook ha aperto il caso.

Sono centinaia i livornesi che hanno detto la loro a riguardo, divisi tra chi difende la decisione dell’azienda e chi invece vorrebbe il passo libero anche per le quattro zampe.

In ogni caso, almeno per il momento dovranno restare fuori dal supermercato. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

I COMMENTI DEI LETTORI

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE

Scrivere un libro, corso di editing per autori