Quotidiani locali

«Il sindaco denunci il nuovo cda»

Quattro dirigenti del Comune scrivono a Nogarin: «Rischio di gravi irregolarità»

LIVORNO. Il segretario generale Ascione, il ragioniere capo Falleni, l’avvocato civico Macchia e la dirigente del personale Cenerini hanno scritto una lettera al sindaco Nogarin in cui evidenziano...

LIVORNO. Il segretario generale Ascione, il ragioniere capo Falleni, l’avvocato civico Macchia e la dirigente del personale Cenerini hanno scritto una lettera al sindaco Nogarin in cui evidenziano che nelle 33 assunzioni fatte dal cda presieduto da Federico Castelnuovo potrebbe riscontrarsi “la violazione delle norme di legge e regolamentari in materia di reclutamento del personale”, una violazione che determinerebbe “l’assoluta nullità dei contratti di lavoro”.

Non solo: i quattro dirigenti invitano il sindaco a sottoporre l’intera questione al vaglio della magistratura, chiedendogli di valutare l’adozione delle misure previste dall’articolo 2409 del codice civile, vale a dire “denunziare al tribunale i fatti se vi sia fondato sospetto che gli amministratori, in violazione dei loro doveri, abbiano compiuto gravi irregolarità nella gestione, che possano arrecare danno alla società”, alla luce di alcuni pagamenti e transazioni effettuati dalla società.

La posizione dei vertici tecnici del Comune apre di fatto un altro capitolo giudiziario sul fronte di via dell’Artigianato - stavolta nei confronti del nuovo cda appena nominato - e si basa sul parere dell’avvocato Pasquinucci (chiesto alla fine dell’anno scorso dall’allora presidente Iacomelli), ma anche su una nota dei revisori dei conti del Comune, che il 9 febbraio avevano evidenziato “la necessità di approfondire la questione della stabilizzzazione dei precari, confermando la validità delle argomentazioni riportate nel parere dell’avvocato Pasquinucci e in contrasto con quanto affermato dall’avvocato Lanzalone, affermando che l’amministrazione non può prescindere dalla selezione pubblica per l’assunzione di proprio personale dipendente e le eventuali violazioni del mantenere in servizio personale assunto a tempo determinato, oltre i termini previsti dalla normativa, non può che esporre l’amministrazione pubblica al risarcimento danni e non certamente all’obbligo di assunzione”.

Dal carteggio emerge anche l’invito dei revisori dei conti del Comune all’amministrazione “ad effettuare ulteriori approfondimenti e ad assumere una netta posizione” prima che sia il collegio sindacale di Aamps presieduto da Francesco Carpano, ad attivarsi

ai sensi dell’articolo 2409, che infatti prevede che davanti a gravi irregolarità degli amministratori, sia i soci (il Comune) che il collegio sindacale debbano denunciare i fatti in procura. E anche Carpano a quanto risulta dall’atto sarebbe pronto a sporgere denuncia verso il nuovo cda.

I COMMENTI DEI LETTORI

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

LE GUIDE

Scrivere un libro, corso di editing per autori