Quotidiani locali

Buongiorno Livorno appoggia i 5 Stelle,
Sinistra Unita non si schiera

Livorno, la decisione in vista del ballottaggio è stata presa ad ampissima maggioranza (236 sì su 261) dall'assemblea del movimento in circoscrizione 1. "Ma è una indicazione di voto fortemente condizionata, M5S dimostri di smarcarsi dai valori della destra"

LIVORNO. La partecipatissima assemblea dei soci di Buongiorno Livorno che si è riunita in circoscrizione 1 ha deciso di appoggiare il Movimento 5 Stelle. O meglio di dare una indicazione di voto verso i 5 Stelle, "ma fortemente condizionata". A cosa? "Il Movimento - speigano da Bl - dimostri di sapersi smarcare dai valori della destra, con posizioni chiare su immigrazione, diritti civili... saranno gli elettori, poi, a decidere se è stato capace di farlo".

Un passaggio chiave in vista del ballottaggio che l’8 giugno deciderà chi sarà il nuovo sindaco di Livorno tra Marco Ruggeri (Pd, centrosinistra) e Filippo Nogarin (Movimento 5 Stelle).

Gli arancioni della coalizione di sinistra guidata da Andrea Raspanti il 25 maggio, al primo turno, hanno preso qualcosa come 13.200 voti, diventando la terza forza politica della città. La lista di Buongiorno Livorno, da sola, è arrivata quasi al 9% (circa 7.500 voti).

La convergenza sul nome e sui punti del programma del M5s - a patto che quest'ultimo si smarchi dalle destre - è arrivata ieri sera, con 236 voti (su 261 presenti, 16 contrari e 9 astenuti).

"Alla luce dell'assemblea di ieri, che e' stata bella, discussa e partecipata - ha spiegato Andrea Raspanti, leader della lista 'Buongiorno Livorno', che per la serata di oggi (30 maggio) approfondirà la questione in una conferenza stampa - suggeriamo un orientamento di voto per Filippo Nogarin, condizionato al fatto che Nogarin e il M5s si smarchino dalle destre, non solo sul piano formale degli apparentamenti, ma anche sul piano dei contenuti, aderendo a quei valori che si richiamano all'antifascismo". 

"E' una convergenza sui punti di programma che sono comuni, e su quello che puo' rappresentare una discontinuita' vera con l'amministrazione che c'e' stata fino a ora a Livorno", ha poi commentato Nogarin.

Ha deciso di non

schierarsi, invece, Sinistra Unita per il Lavoro, la seconda lista della coalizione (3,19%, pari a circa 2.600 voti), che comprende Rifondazione, Comunisti italiani e Movimento per il partito del lavoro. "Non daremo indicazione di voto", confema il segretario di Rifondazione, Lorenzo Cosimi.

I COMMENTI DEI LETTORI

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics