Menu

Terme, restauro del Padiglione Mescita

L’intervento ha un costo di 168mila euro ed è finalizzato al recupero conservativo dell’edificio

LIVORNO. Dopo il recupero del parco, comprendente 14 mila metri quadrati di area a verde e inaugurato nel giugno dello scorso anno, l’amministrazione comunale ha ora disposto un primo intervento sugli edifici del complesso delle Terme del Corallo. Nei giorni scorsi è stato aperto il cantiere per procedere alla messa in sicurezza del Padiglione Mescita dell’antico stabilimento termale della Acque della Salute. Si tratta di una delle sale più belle del complesso, in cui ancora oggi sono visibili i decori floreali, tipici dello stile liberty che caratterizza l’intera struttura.

I lavori, spiegano da Palazzo civico, prevedono il totale rifacimento della copertura del Padiglione, che verrà ricreata rispettando i criteri e i materiali originari. Un intervento complesso e articolato che ha come obiettivo il recupero conservativo dell’edificio. Per adesso gli addetti ai lavori si stanno occupando della demolizione e rimozione dei vecchi manufatti; in seguito sarà realizzata una nuova copertura, con la posa in opera di travi di sostegno che in gergo si chiamano “capriate a cavalletto con il monaco” e con assi in legno di abete trattato. Infine, sarà garantita anche l’impermeabilizzazione e una copertura con tegole.

L’importo delle operazioni ammonta a 168.796 euro. I lavori sono stati appaltati alla ditta Macchia di Collesalvetti, e dovranno terminare entro il prossimo 29 luglio.

Il complesso delle Terme della Salute fu inaugurato il 31 luglio 1904. Dopo la guerra il complesso è ceduto alla Società “Corallo Acque della Salute” che lo converte all’uso industriale. Poi diviene proprietà della Coca-Cola che produce bevande fin quando la falda non risulta inquinata. Nel 1968 un incendio devasta il grande padiglione, mentre nel 1982, la costruzione del cavalcaferrovia ne oscura il prospetto liberty, determinando l’abbandono del complesso.

Nel 2005 un pool di costruttori livornesi acquista l’area e presenta un piano che prevede la realizzazione di 6 stabili per civile abitazione

nella parte nord del complesso con l’impegno a cedere all’Amministrazione gli edifici monumentali dell’ex-stabilimento termale. Nel 2010 iniziano i lavori di costruzione delle palazzine, un anno dopo il Comune approva il progetto esecutivo per il recupero del Parco delle Terme della Salute.

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro