Menu

Al via i lavori del complesso Bottini dell’Olio-Luogo Pio

Il complesso ospiterà il museo della città, la biblioteca labronica e uno spazio per l'arte contemporanea

LIVORNO. Sono iniziati oggi, con la cerimonia simbolica di posa della “prima pietra” da parte del sindaco Alessandro Cosimi (alla presenza dell’assessore ai Piuss, Giovanna Colombini), i lavori per il recupero del complesso Bottini dell'Olio-Luogo Pio destinato a Polo Culturale in cui troveranno sede (negli spazi esistenti e in quelli di nuova costruzione), il museo della città, la biblioteca Labronica -ampliata e rinnovata - e la sezione di arte contemporanea.

Il progetto, nel suo complesso, con il recupero dei Bottini dell'Olio e della Chiesa del Luogo Pio, unitamente alla ricostruzione di volumi preesistenti (in totale 5365,30 metri quadri) permetterà di realizzare un polo culturale in cui saranno potenziate le funzioni già presenti, quella espositiva e culturale. I lavori sono stati affidati ad una associazione temporanea d'imprese per l'importo complessivo di 5.175.572,18 euro . Le imprese sono: la cocietà Edilizia Tirrena Set spa di La Spezia, la società Impianti Industriali srl di Pisa e la Società Iteci impianti di Livorno.

I Bottini dell'Olio, uno degli edifici di maggior interesse storico del quartiere de La Venezia, verrà completamente restaurato e al suo interno saranno mantenute le funzioni attuali, cioè quella espositiva e bibliotecaria. Al piano terra troverà spazio, infatti, il museo della città : uno spazio in cui viene raccontata la storia di Livorno, dai suoi albori fino all'epoca attuale. Al primo piano sarà ampliata e rinnovata la sezione della biblioteca labronica, concepita come luogo di lettura e consultazione ma anche come luogo sociale. La zona studio potrà ospitare fino a 120 persone.

La settecentesca chiesa del Luogo Pio manterrà la funzione di spazio per installazioni di arte contemporanea, conferenze, incontri. Sarà pertanto restaurata nella pavimentazione, saranno ripresi i decori e riaperti i vani superiori in modo da ricreare gli affacci dai matronei. Ai due lati della chiesa saranno ricostruiti i due volumi preesistenti. Quello su via degli Ammazzatoi -coperto da una falda vetrata con struttura in acciaio verniciato e infissi in acciaio a taglio termico - e quello sul lato opposto (viale Caprera) con le stesse caratteristiche strutturali, che ospiterà le scale di collegamento tra i due piani. E' in questi volumi che troverà spazio la sezione di arte contemporanea dove saranno collocate le opere provenienti dal Premio Modigliani e dal Museo Progressivo di Arte Contemporanea di Villa Maria.

Nel Polo insieme a collezioni e materiali già in possesso del Comune, che attestano la storia della città, troverà spazio un sistema di "visualizzazione immersiva" consistente in un'intera stanza (C.A.V.E.) in cui pareti e pavimento sono sostituiti da grandi superfici retroproiettate. Chi vi staziona all'interno verrà così completamente avvolto da grafica 3D generata in tempo reale da un gruppo di computer, potendo sperimentare in prima persona ricostruzioni virtuali ad elevata complessità e anche interagire in maniera naturale con ambienti

simulati al calcolatore. Di nuova costruzione un altro volume che servirà di collegamento tra la piazza del Luogo Pio ed il complesso museale-bibliotecario. Si tratta del "Punto Livorno", una sorta di atrio coperto dove verrà collocato il punto informativo per chi arriva in città.

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro