Mense scolastiche, l’avvio è un rebus

Il servizio comincerà a singhiozzo, con date diversificate. Qualche istituto parte il 24 settembre, altri l’1 e l’8 di ottobre

    LIVORNO. Un rebus. L’avvio del servizio mensa all’interno delle scuole cittadine è un labirinto nel quale è difficile districarsi. Ci sono circoli didattici che cominceranno a garantire il pasto agli alunni lunedì 24 settembre, altre il primo di ottobre, mentre qualcuna ha addirittura deciso di fare una partenza scaglionata. Ci sono addirittura due casi - circolo Carducci e istituto comprensivo Don Angeli - dove gli alunni delle scuole elementari potranno mangiare a mensa solo dall’8 ottobre (articolo qui sotto, ndr). Un vero rompicapo, con cui le famiglie dovranno fare i conti in vista dell’imminente avvio del nuovo anno scolastico (mercoledì prossimo).

    Anche perchè è con la mensa che scatterà l’orario defitivo per il tempo pieno e per il moxdulo con rientri. Facendo una rapida carrellata a dare il via al servizio mensa il 24 settembre saranno il primo circolo Micheli (scuole Puccini e Micheli), il secondo circolo Benci (scuole Bini, Benci, D’Azeglio), l’ottavo circolo Brin (scuole Albertelli, Brin, Dal Borro, Natali) e l’istituto comprensivo Bolognesi (scuole Campana, Modigliani).

    Poi ci sono le scuole elementari che fanno capo al quarto circolo La Rosa (Cattaneo, La Rosa, Lambruschini e Villa Corridi), dove invece i bambini vedranno garantito il pasto a fine mattinata solo a partire dal primo ottobre. E poi c’è anche un circolo didattico, quello che fa capo alle Collodi (Fattori, Collodi, Rodari), dove l’inizio della mensa verrà scaglionato in due tranche: le classi prime il 1 ottobre e tutte le altre classi il 24 settembre. «Perché i bambini al primo anno di scuola - precisa Patrizia Farsetti, dirigente del circolo Collodi - hanno bisogno di ambientarsi alla scuola, quindi è stato deciso di fare slittare di una settimana l’avvio della mensa».

    Infine, c’è un circolo didattico (il quinto, che fa capo alle De Amicis) dove la scuola non ha ancora comunicato ufficialmente la data di avvio della mensa scolastica. E i genitori sono in attesa...

    Uno slittamento, questo deciso da alcune direzioni scolastiche cittadine per quanto riguarda la gestione dei pasti scolastici, che può mettere in difficoltà le famiglie degli alunni. Sì perché con la fine delle vacanze e l’avvio dell’anno scolastico i genitori, principalmente quelli che lavorano, possono avere difficoltà organizzative per andare a prendere i figli a fine mattinata e soprattutto possono non avere parenti a cui affidare i piccoli durante il pomeriggio. E comunque, con il rinvio del servizio di refezione, ritarderà anche la partenza dell’orario definitivo delle lezioni.

    Anna Cecchini

    09 settembre 2012

    Altri contenuti di Cronaca

    Annunci

    • Vendita
    • Affitto
    • Casa Vacanza
    • Regione
    • Provincia
    • Auto
    • Moto
    • Modello
    • Regione
    • Regione
    • Area funzionale
    • Scegli una regione

    Negozi

    ilmiolibro

    Oltre 300 ebook da leggere gratis per una settimana

     PUBBLICITÀ