Quotidiani locali

È morto il maestro che amava Pinocchio

Riccardo Rivarola era malato da mesi, la gente di Guasticce aveva realizzato il suo sogno: il paese trasformato in Collodi

LIVORNO. Il sogno è andato in frantumi. L’affetto della gente di Guasticce, che per tenerlo attaccato alla vita ha realizzato il suo sogno trasformando il paese nel parco di Pinocchio, non è bastato. Si è spento ieri Riccardo Rivarola, il maestro della scuola elementare di Guasticce che negli ultimi anni aveva coinvolto gli alunni nel progetto “Pinocchio nella Rete”, per rielaborare la figura del più amato burattino di tutti i tempi usando gli strumenti dell’informatica, di cui Rivarola era un grande esperto.

I suoi studenti lo adoravano, perché li aiutava a trasformare disegni e filastrocche in opere multimediali, destinate a durare nel tempo. Con quei ragazzi Rivarola aveva riletto Pinoccio, il testo di Collodi di cui era un vero appassionato. E aveva deciso di dedicare una intera giornata, quella di sabato 19 maggio, all’approfondimento della favola. Aveva invitato esperti disegnatori di fumetti e i più noti burattinai d’Italia.

Un paio di mesi fa, durante l’elaborazione del progetto, si era ammalato. Ma non si è tirato indietro. Lui, così impegnato ad aiutare i suoi alunni a costruirsi un futuro, non ha voluto rattristarli. Non ha voluto che il sogno si sgretolasse. E ha lavorato con loro fino all’ultimo giorno. Con gli occhi colmi di stupore anche nei momenti più duri, quando la malattia gli ha causato forti sofferenze.

Non voleva che quei ragazzini spensierati sapessero del suo male, ma le loro famiglie avevano capito che Rivarola non stava bene. E hanno deciso di fargli un grande regalo, l’ultimo regalo. Hanno voluto realizzare il suo sogno. Forse speravano che quella favola così potente da trasformare un pezzo di legno in un bambino vero, servisse a fare un miracolo. Così centinaia di abitanti del borgo di Guasticce si sono messi al lavoro per esaudire il desiderio del maestro Riccardo. Le famiglie hanno costruito con legno, cartone e stoffa le scene più belle delle avventure di Pinocchio e poi sabato scorso, nel giorno in cui era previsto il progetto didattico sulla favola, hanno trasformato il paese nel giardino di Collodi. Un parco fatato in cui tutto sembrava possibile, forse anche strappare alla morte quel maestro dagli occhi buoni.

Invece no, ha vinto la realtà. Ieri intorno all’ora di pranzo, una settimana dopo quel magico regalo che è stato

un inno alla vita, Riccardo Rivarola se n’è andato. Aveva 54 anni, e prima di insegnare nelle scuole di Guasticce era stato docente all’Iti Galilei e in altri istituti di Collesalvetti.

I funerali di Rivarola si terranno martedì alle 14 nella chiesa di San Ranieri a Guasticce.

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NUOVE OPPORTUNITA' PER CHI AMA SCRIVERE

Servizi, una redazione a disposizione dell'autore