Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Genova, Renzo Piano dona "l'idea" di un nuovo ponte

La risposta dell'archistar alla tragedia del crollo del viadotto Morandi. Il governatore della Regione Liguria Toti: "Così la città può rinascere più bella"

Morandi, Renzo Piano: "La mia idea di ponte per il viadotto crollato"

L'archistar Renzo Piano ha donato alla città di Genova una "idea di ponte" in seguito del crollo del viadotto Polcevera. Questa mattina i suoi collaboratori hanno consegnato un plastico in Regione Liguria. Secondo Piano il dramma del crollo del viadotto Morandi è una cosa che non si può dimenticare, "ma l'architettura fa questo: celebra e costruisce. La città costruisce cambiamenti e documenta. L'importante è non cadere nella retorica" ha detto a margine dell'incontro con il governatore Giovanni Toti, commissario dell'emergenza, e il sindaco di Genova Marco Bucci. Toti ha pubblicato su Facebook le foto dell'incontro, sottolineando che la città può rinascere più bella di prima.


Ripensare tutte l'area. "Spero di essere utile, lo faccio con molta convinzione. Bisogna che la città ritrovi orgoglio e riscatto, bisogna ricostruire questo ponte e ripensare l'intera area della val Polcevera", ha aggiunto l'archistar. Il viadotto, ha proseguito "lo costruiscono gli ingegneri, ma sono lieto di poter essere utile al progetto perchè dietro al ponte c'è l'orgoglio e la bellezza della città".

L'idea di ponte. "Mi sono fatto un'idea di come deve essere il nuovo ponte - ha detto Piano -, ma è soltanto l'inizio. Un progettista pensa e ragiona aiutandosi con oggetti e schizzi. Da qui a dire che c'è un'idea progettuale è eccessivo: c'è un impegno morale a fare in modo che il nuovo ponte porti con sè i tratti della genovesità, della qualità e un pò della nostra parsimonia" ha detto Piano. Secondo l'architetto "ci deve essere il ricordo di una tragedia e il suo elaborarsi nel tempo". Piano ha detto di non credere "ai tempi record per la ricostruzione: credo nei tempi giusti, bisogna fare presto, ma non in fretta".