Quotidiani locali

Cronaca italiana, le storie del 24 agosto

Treviso: cittadini denunciano Salvini per istigazione all'odio razziale; Jesolo: violentata in spiaggia a 15 anni; Pavia: a 12 anni accoltella la mamma per una ricarica dello smartphone; Sui ghiacciai in scarpe da ginnastica e jeans: casi in Valle D'Aosta e sulla Marmolada; Azeglio: messaggi nello spazio per chi non c'è più

Treviso, cittadini denunciano Salvini per istigazione all'odio razziale

Presentata in Procura della Repubblica di Treviso una denuncia contro il Ministro dell’Interno Sen. Matteo Salvini perché venga valutato se le sue condotte configurino, come si legge nella denuncia stessa,  “il reato di istigazione all’odio razziale, aggravatio dall'aver commesso i fatti con violazione dei doveri inerenti a una pubblica funzione”. I riferimenti alle frasi "la pacchia è finita" e al censimento dei rom (La Tribuna di Treviso).

Jesolo, quindicenne violentata in spiaggia

Violentata in spiaggia a pochi metri da piazza Mazzini. Una notte di terrore per una quindicenne italiana residente in Friuli Venezia Giulia. Era in vacanza per qualche giorno a Jesolo assieme a degli amici. Un breve soggiorno per divertirsi nella città più mondana della costa veneziana, ma anche piena di insidie per una ragazza così giovane (La Nuova Venezia).

«Siamo migranti, non animali»: la prefettura chiude il centro di accoglienza di Cascina dopo le proteste

Il fetore è insopportabile, sale dai servizi igienici, distrutti e sporchi, dal pavimento, dalle fogne. Un odore terribile che prende alla gola e toglie il respiro, invade il dormitorio e ogni angolo di quello che un tempo era un agriturismo, location di feste e compleanni. Oggi in quelle stanze, occupate dopo la rivolta dei migranti, c'è spazio solo per il degrado. È il giorno della rivolta, dell'occupazione: «Viviamo in condizioni inaccettabili»: poche parole per un grande disagio, quello dei 41 migranti africani assegnati al centro "La Tinaia" a Santo Stefano a Macerata nel comune di Cascina. La mattina del 24 agosto, il giorno dopo la protesta, la Prefettura ha notificato la chiusura (Il Tirreno).

«Ora basta!», la rabbia dei volontari aggrediti e insultati durante i soccorsi

“Buttatelo in Arno, perché lo portate all’ospedale?”, si sono sentiti dire mentre soccorrevano un tunisino sui lungarni. Ma è solo uno degli innumerevoli episodi di ingiurie al lavoro dei volontari: così i responsabili di Croce Rossa e Misericordie hanno scritto al questore e al prefetto di Pisa, per tutelare il lavoro impagabile di chi dedica il proprio tempo alla collettività. Troppo spesso - questo il succo della loro presa di posizione - i volontari vengono aggrediti verbalmente durante lo svolgimento dei servizi oppure vengono derisi e offesi sui social network. È giunto il momento, quindi, di rivolgere un accorato appello a tutti i cittadini per più rispetto e attenzione (Il Tirreno).

Pavia, a 12 anni accoltella la mamma per venti euro

Accoltella la madre che gli nega 20 euro. È accaduto in un paese dell'hinterland di Pavia: il ragazzino, 12 anni appena, è andato su tutte le furie perchè si era rifiutata di dargli i soldi forse per ricaricare lo smartphone. E, in preda ad una furia incontrollabile, l'ha colpita con una coltellata al braccio (La Provincia Pavese).

Vivono in camper dopo aver perso la casa nel terremoto del 2012: offerto un alloggio

C'è una casa per la famiglia costretta da due anni a vivere in un camper, dopo avere perso tutto nel terremoto del 2012. L'offerta, arrivata da un privato che vuole rimanere anonimo, si è concretizzata nella serata di ieri con la consegna delle chiavi e una preliminare visita da parte degli sfollati. Al nucleo con tre figli è stato offerto anche lavoro, alimenti e soldi. Una vera e propria gara di solidarietà (La Gazzetta di Reggio).

Cafoni sul ghiacciaio della Marmolada avanti dritti con le scarpe da ginnastica

l ghiacciaio della Marmolada non brilla più, non è più lucente. Non ha, insomma, più neve. Ma i cafoni ci sono sempre. Salgono a Punta Penia, la cima più alta del gruppo e fanno la pipì in faccia al ghiacciaio. «È successo anche che abbiano issato la bandiera della pace sulla croce che c'è lassù», ricorda Aurelio Soraruf, del rifugio Castiglioni.Escursionisti che magari risalgono il ghiacciaio con le scarpe da ginnastica, mettendo a rischio la propria incolumità (Il Corriere delle Alpi).

Issogne, in jeans a quattromila metri: così si muore in montagna

«Capita - ma non dovrebbe capitare - che qualcuno affronti l'alta montagna come se andasse a fare una passeggiata in centro città con scarpe da ginnastica, jeans e felpa».L'allarme è stato lanciato, a livello nazionale, dagli uomini e dai tecnici del Soccorso alpino e speleologico, uomini che rischiano quotidianamente la vita per salvare quella di altri.imprudenti e sciocchiI numeri degli interventi in quota fatti negli ultimi tre mesi tra Valle d'Aosta e Piemonte, Canavese compreso, fanno riflettere: 35, ovvero uno tre giorni (La Sentinella del Canavese).

Azeglio, messaggi in cielo per chi non c’è più

L'annuale missione della sonda nello spazio lanciata da due canavesani - Achille Zaino, 49 anni, film maker di Azeglio e Simone Ippolito, 28 anni, operaio appassionato di meteorologia, di Cavaglià - si carica di un significato in più, quest'anno. La sonda, infatti, sarà anche il tramite con cui ricordare le persone care che non ci sono più. Persino gli animali a cui si è stati molto legati (La Sentinella del Canavese).

Scivolone della Treccani: «I friulani bevono molto»

Il luogo comune dove non te lo aspetti. Tra gli esempi per spiegare i vari utilizzi del verbo all'infinito. Come non ti aspetti che a scivolarci sia l'enciclopedia italiana Treccani. Eppure così è. Il vecchio stereotipo dei friulani grandi bevitori, compare anche online nel «portale del sapere».Spuntando tra frasi del tipo "Ho preso a urlare di gioia", "Il fare in fretta spesso è dannoso" o "Era proprio un bel vivere". La frase in questione non lascia spazio a equivoci: "Il bere vino è molto diffuso in Friuli" (Il Messaggero Veneto).

In Kosovo 19mila finti reduci di guerra

Ricevere sussidi dallo Stato senza averne diritto. È una storia atavica quella dei finti reduci di guerra, che spesso barattano il loro voto per il privelegio. È questo il sospetto che circola a Pristina dove, è emerso, sarebbero oltre 19 mila i falsi veterani dell'Esercito di Liberazione del Kosovo (Uck), persone che «hanno illegalmente tratto benefici» dalla Commissione governativa «sui veterani e gli invalidi», ha confermato giorni fa il procuratore Aleksander Lumezi (Il Piccolo).

La prima da attrice di Fiona May

Sarà "Maratona di New York", coproduzione del Teatrodante Carlo Monni e Todi Festival, tratto dal testo di Edoardo Erba, su regia originale di Andrea Bruno Savelli, con l'ex campionessa mondiale di salto in lungo Fiona May – residente a Calenzano (Firenze) - e Luisa Cattaneo (più volte al fianco di Ottavia Piccolo, Franca Valeri e Gigi Proietti), a inaugurare sabato 25 agosto il Todi Festival. Nello spettacolo - una inedita riscrittura tutta al femminile - May e Cattaneo corrono realmente per l'intera durata, in un percorso immaginario tra ostacoli, fatica, sudore, celebrando una storia di amicizia sincera (Il Tirreno).

Minacce e ingiurie animaliste sulla macelleria dei musulmani

Brutta sorpresa per i dipendenti della macelleria islamica di Feltre che ieri mattina si sono dovuti dotare di solventi e detergenti per rimuovere scritte ingiuriose e minacciose sulle vetrine e sui muri del negozio. Le scritte rivendicate, per il momento solo con la bomboletta spray, da "Animalisti 100%", facevano riferimento alla macellazione rituale islamica e al "sangue versato dagli agnelli", in occasione della ricorrenza della festa di Abramo al quale, per intercessione dell'arcangelo Gabriele, viene risparmiato il sacrificio del figlio Isacco (Il Mattino di Padova).

Depone le lame per incrociare la solidarietà, Marta Nocent in Burundi a curare i bisognosi

La schermitrice paralimpica Marta Nocent, vola in Africa e dedica le sue ferie agostane a curare le persone bisognose in Burundi. Lei è Marta Nocent, 31 anni, di San Giorgio in Bosco e questa è un'altra delle imprese di una giovane che con il suo talento sa regalare speranza a chi ne incrocia sguardo e sorriso. Della sua "missione" nel continente nero aveva parlato il primo maggio, davanti ad oltre trecento persone venute ad applaudirla alla consegna della più importante onorificenza di San Giorgio in Bosco, "il Drago d'oro” (Il Mattino di Padova).

Spiderman vola a Venezia: tra calli e Canal Grande si cercano comparse di tutte le età

Altro che i salti dei parkour. Tra fine settembre e inizio ottobre sui tetti di Venezia o sul Canal Grande potrebbe materializzarsi Spiderman in persona. C'è il massimo riserbo sul film che approderà tra un mese in città, ma si sa che è una produzione hollywoodiana e che sono previsti tre giorni di selezione comparse, due a Venezia (il 28 e il 29) e uno a Mestre (il 30) (La Nuova Venezia).

Vigevano, tremila peluche donati dai cittadini ai bambini ricoverati in Pediatria

Un peluche in dono ad ogni bambino meno fortunato che varcherà la porta del reparto di Pediatria dell'ospedale di Vigevano, ma pure per i piccoli che avranno accesso al Pronto soccorso. La campagna promossa da Asst con la collaborazione del Rotary Mede Aureum, presieduta da Francesco De Cataldo, sta avendo un successo che va oltre ogni aspettativa: quasi tremila i pupazzi regalati da diverse città del Nord Italia (La Provincia Pavese).

Pordenone, insegnante di ruolo a 62 anni: «La pensione può attendere»

Settantanove nomine in ruolo, fra i docenti di scuole dell'infanzia e primarie. Il record è di Lucia Foghin, in ruolo a 62 anni. «E la pensione - è stata la sua battuta - è lontana». In tanti, con diploma magistrale, saranno declassati a supplenti annuali con l'arrivo delle sentenze di merito (il Messaggero Veneto).

Veneto, dal Cadore al Garda passando per Treviso. Iniziano i lavori sui 20 ponti "malati"

Il primo dell'elenco è quello di Santo Stefano di Cadore, sulla Val Degano, all'altezza del km 41 più 400. È il ponte messo peggio tra i 20 indicati da Veneto Strade alla Regione come bisognosi di manutenzione urgente.

Nessun pericolo di crollo, precisano i tecnici, solo uno stato di degrado avanzato (misurato attraverso l'indice di difettosità) che impone lavori immediati. La delibera con la quale la Regione finanzia i cantieri è dello scorso 31 luglio (Il Mattino di Padova).

 

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro