Quotidiani locali

Cronaca italiana, le storie del 23 agosto 2018

Buste della spesa per la famiglia in difficoltà economica: la gara di solidarietà dopo l'intervista della Gazzetta di Reggio nel camper in cui vivono i genitori e i tre figli che hanno perso la casa nel sisma del 2012. West Nile virus: una vittima a Padova e una a Ferrara. Ecco le notizie dai quotidiani locali del Gruppo Gedi

Sassaiola e insulti razzisti contro i clienti del locale tosco-senegalese
Pisa. Da qualche giorno, prendendo a sassate e insultando tutte le persone di colore che passano sotto al suo balcone, ha ingaggiato una personale battaglia per far chiudere il ristorante tosco-senegalese che da due mesi fa dell’integrazione la sua bandiera: «Vi sparo». (Tirreno)

Gara di solidarietà per la famiglia in camper I cittadini donano borse della spesa piene
Reggio Emilia. «Davanti al camper ieri sera, quando siamo rientrati, abbiamo trovato quattro o cinque buste della spesa, piene di pasta, biscotti e merendine. Vorremmo tanto ringraziare l'autore di questo gesto», dice Valentina, la madre di famiglia -intervistata ieri dal nostro giornale - che insieme ai tre figli e al marito, dopo avere perso la casa nel terremoto del 2012, da due anni è costretta a vivere in un camper. Sopralluogo della Municipale: «Urgente trovare una casa». (Gazzetta di Reggio)

Genova, il primo messaggio di Federico Cerne: «Grazie mille a tutti per il sostegno»
Trieste. Federico Cerne, massofisioterapista dell'Alma Pallacanestro Trieste, ha scritto su Facebook per la prima volta dopo il crollo del ponte Morandi, dal letto dell'ospedale Villa Scassi di Genova. Ringrazia innanzitutto la madre e il padre, Barbara Maraspin e Mauro Cerne, che lo hanno affiancato in questi giorni durante la sua degenza. La compagna Rita verrà operata di nuovo domani. (Piccolo)

Crolla il cartello, panico sulla Firenze-Pisa-Livorno. Tra le cause il difetto di fabbricazione
Cascina. Un enorme cartello stradale che indica le direzioni lungo la superstrada Firenze-Pisa-Livorno è caduto nel pomeriggio di mercoledì 22 agosto alla diramazione per Livorno, in direzione del capoluogo. Siamo fra le uscite di Cascina e Pontedera-Ponsacco.Fra le ipotesi più probabili il fortissimo vento degli attimi precedenti al crollo o un camion che avrebbe urtato uno dei due cartelli blu. Avr: "La causa un difetto di fabbricazione o un evento esterno". (Tirreno)

Crolla cartello in Fi-Pi-Li, la testimone: "Io e la mia bambina potevamo morire schiacchiati"
Cascina. Certo che le «fa rabbia. Noi siamo tutti interi, lo stiamo raccontando. Ma poteva succedere il peggio». Dieci secondi, dieci secondi e la sua esistenza, quella di sua figlia di 9 anni, di sua madre, del compagno di lei e dell’amico alla guida della Punto su cui viaggiava sarebbero state stravolte da quelle due grandi scritte bianche sul pannello blu finito sull’asfalto della Fi-Pi-Li.(Tirreno)

Segretata e stuprata. Tre mesi prima il compagno le ruppe le costole
Reggio Emilia. Era rimasta per ben tre giorni in balìa del compagno che l’ha pestata brutalmente costringendola anche a rapporti sessuali non consenzienti. In lacrime, fortemente provata e impaurita la donna è stata soccorsa e portata in ospedale per le cure del caso ed è stata dimessa con una prognosi di 21 giorni. Tre mesi fa aveva l'uomo l'aveva già picchiata, rompendole addirittura le costole.(Gazzetta di Reggio)

La West Nile fa un'altra vittima: donna muore dopo tre settimane
Ferrara. È stata una delle prime pazienti ricoverate a Ferrara per gli effetti della Febbre del Nilo Occidentale. Ottantotto anni, Adriana Soave, residente in città, è morta la notte scorsa dopo tre settimane dal ricovero per le complicanze provocate dalla malattia, da cui non si è più ripresa. (Nuova Ferrara)

West Nile, dopo il quinto morto in Veneto i Comuni corrono ai ripari
Padova. Sono 68 i casi accertati di febbre West Nile nel Padovano, comprese le due vittime, entrambi novantenni, uno di Este e l’altro di Padova. In Veneto i decessi sono stati cinque, 105 i casi di persone infettate. L'ultimo decesso è anche il primo a Padova città, che ha subito avviato la disinfestazione nel quartiere. (Mattino di Padova)

 

Da "cacciatore di bufale" a vittima di una fake news
Udine. l "cacciatore di bufale", l'udinese David Puente, vittima di una fake news. Accedendo a un falso account e utilizzando photoshop, i pirati informatici hanno pubblicato nella giornata di martedì su Twitter la notizia che il noto debunker friulano era stato «arrestato per atti osceni in un parco». Lui attacca: non mi fermeranno con questi mezzucci. (Messaggero Veneto)

Compra bastoni da selfie in spiaggia, padovano multato a Sottomarina
Padova. Voleva pubblicare una bella foto su Facebook con lui e la moglie in riva al mare e ha acquistato l'attrezzatura da un venditore abusivo. Padovano in spiaggia a Sottomarina "beccato" dai vigili urbani. (Mattino di Padova)

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro