Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Il mito di Antonioni rivive a Panarea

Omaggio al film "L’Avventura" girato nel 1959 nell'arcipelago delle Eolie. Nelle fotografie Polaroid di Andrea De Fusco i luoghi scelti dal regista per la sua pellicola. L'evento sullo scoglio di Lisca Bianca

Nel 1959 Michelangelo Antonioni sbarcava a Panarea per girare L’Avventura, film col quale vinse il premio speciale della giuria a Cannes nel ‘60. Tra gli interpreti Lea Massari, Monica Vitti, Gabriele Ferzetti e Lelio Luttazzi. Le Eolie erano ancora un arcipelago incontaminato, remoto e misterioso. Non fu però il primo a scegliere queste isole come sua location, qui fu fondata infatti la Panaria film, mitica casa di produzione cinematografica che per prima girò immagini subacquee in 35mm e d ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

Nel 1959 Michelangelo Antonioni sbarcava a Panarea per girare L’Avventura, film col quale vinse il premio speciale della giuria a Cannes nel ‘60. Tra gli interpreti Lea Massari, Monica Vitti, Gabriele Ferzetti e Lelio Luttazzi. Le Eolie erano ancora un arcipelago incontaminato, remoto e misterioso. Non fu però il primo a scegliere queste isole come sua location, qui fu fondata infatti la Panaria film, mitica casa di produzione cinematografica che per prima girò immagini subacquee in 35mm e documentari sulle Eolie.

Già erano stati girati capolavori come Stromboli terra di Dio e Vulcano, tra le furie della Magnani che inveiva contro “Iddu”, dove l’ex compagno Rossellini girava con la sua futura moglie Ingrid Bergman. Fu però Antonioni, regista di origini ferraresi, a girare il primo lungometraggio a Panarea, e nello specifico sull’isolotto di Lisca Bianca. In quegli stessi anni Paolo Tilche e Myriam Beltrami sbarcavano sull’isola per rivoluzionarne l’architettura e la mondanità e fondare il Raya, l’albergo-discoteca cult, simbolo di Panarea, che ospita oggi questa mostra fotografica.

L’autore Andrea De Fusco, regista e fotografo che frequenta l’isola dalla nascita, espone una serie di polaroid dall’aspetto antico scattate con una vecchia macchina, che sembrano testimonianze degli anni d’oro di questi mari. Un omaggio al film di Antonioni così come un omaggio all’avventura Eoliana in senso lato, a quel tempo in cui l’arcipelago era un paradiso lontano e sconosciuto, per pochi, coraggiosi, eletti.

Il vernissage avrà luogo lunedì 6 agosto 2018 sulla spiaggetta di Lisca Bianca, tra gli scogli, proprio dove nel film di Antonioni scompare il personaggio di Anna, interpretato da Lea Massari. La mostra si trasferirà poi tra gli archi affacciati sul mare del ristorante Raya dal 7 al 14 agosto 2018.