Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Cronaca italiana, le storie del 3 agosto

Pistoia: spari verso i migranti accolti da Don Biancalani; Trieste: la nuova rotta balcanica dei migranti passa per il capoluogo giuliano; Pavia: frusta la figlia che non porta il velo, il giudice lo caccia di casa. Il meglio dell'informazione dai quotiani locali Gedi

Pistoia, don Biancalani: "Spari verso uno dei nostri migranti"

Spari nella notte contro un migrante ospite della parrocchia di Vicofaro, in provincia di Pistoia. A raccontarlo è il parroco, don Massimo Biancalani, che un anno fa fu duramente attacco da Matteo Salvini sul tema accoglienza, con un post su Facebook (Il Tirreno).

La nuova rotta balcanica preme su Trieste: in seimila entrati in Croazia dalla Bosnia

Dall'inizio del 2018, 6mila migranti sono entrati irregolarmente in Croazia passando dalla Bosnia-Erzegovina. Ad annunciare il dato, questo martedì, è stato il responsabile del servizio stranieri di Sarajevo, Slobodan Ujic. «La Bosnia - ha affermato Ujic - ha registrato dall'inizio dell'anno l'ingresso di 9.730 persone e, di queste, il 60% è riuscito ad attraversare il confine croato». Pachistani, siriani, iraniani - queste le nazionalità più frequenti stando alle informazioni delle autorità bosniache - utilizzano oggi una "rotta dei Balcani" leggermente spostata verso ovest rispetto a quella che fu impiegata nel 2015 e nel 2016 (Il Piccolo).

La meningite gli porta via le gambe, lui diventa alpinista: «Ora l’Everest»

Il lucchese Andrea Lanfri dal 2015 ha una doppia amputazione alle gambe. Pochi giorni fa ha conquistato la vetta del Monte Rosa, toccando il cielo a 4.556. Ora sognando l'impossibile ed è pronto per il tetto del mondo: l'Everest (Il Tirreno).

Pisa: «Era morto annegato», infermiere riporta in vita bimbo di 5 anni

«Un salvataggio del genere non si vedeva da tempo. Quel bimbo era morto. Non respirava, aveva i parametri vitali assenti. Aveva bevuto troppa acqua e pensavamo che non ci fosse più niente da fare». Riccardo Berchielli, 47 anni, è un infermiere dell’Usl di Pisa. E non è un tipo che molla: ha continuato nella rianimazione di un bambino di cinque anni, con i polmoni pieni d'acqua, anche quando tutti credevano fosse morto(Il Tirreno).

Venezia, lui è disabile, il giudice blocca il matrimonio

Questo matrimonio non s'ha da fare: a stabilirlo stavolta è stato il giudice tutelare di Venezia che ha bloccato le nozze - o meglio, i progetti di matrimonio, pare in tempi rapidi - di un quarantenne disabile che vive in un comune della Riviera del Brenta e una donna di nazionalità albanese, conosciuta in rete (La Nuova Venezia).

Trieste, turista francese ubriaco sbaglia bicicletta e finisce in carcere

Ubriaco, scende dal proprio yacht, confonde la bici che aveva preso a noleggio con un'altra e finisce al Coroneo con le accuse di rapina e resistenza a Pubblico ufficiale. Vacanza con esito decisamente imprevisto per un cittadino francese imbarcato su uno yacht ormeggiato a Porto San Rocco (Il Piccolo).

Pavia: frusta la figlia che non porta il velo, il Gip caccia di casa padre padrone

Quattro anni infernali con un padre-padrone che la picchiava con la cinghia almeno tre volte la settimana perchè non portava il velo islamico. La vittima è una ragazza di 12 anni che ha avuto il coraggio di denunciare il genitore (la famiglia è di origine egiziano) chiamando il Telefono azzurro. Ieri mattina gli agenti della squadra mobile, al comando del vice-questore Francesco Garcea, si sono presentati nell'abitazione di Pavia e hanno notificato all'uomo un'ordinanza del Gip che gli imponeva di abbandonare subito la casa e di non avvicinarsi più alla ragazzina, alla moglie e all'altra figlia più piccola (La Provincia Pavese).

Decreto dignità, allarme alla Stiga: «Siamo costretti a non confermare 160 dipendenti»

Per adesso è un decreto, in attesa di conversione in legge. Ma sta producendo già i suoi effetti, che rischiano di seppellire anzitempo progetti e investimenti, mentre la Marca trevigiana diviene il cuore della protesta. Dopo le critiche degli industriali veneti e le perplessità delle altre categorie economiche adesso è la Stiga spa di Castelfranco ad affondare il colpo: «A causa di queste norme dovremo assumere 160 dipendenti a tempo determinato completamente nuovi, lasciando a casa chi storicamente lavora con noi in base alla stagionalità» (La Tribuna di Treviso).

Allagamenti e frane: notte di paura a Cortina «Salvi per miracolo»

Un temporale. Improvviso. Un'ora di forte pioggia, dalle 23 di mercoledì a poco dopo la mezzanotte, ha fatto un disastro a Cortina. Colpita soprattutto l'area ai piede delle Tofane, con danni ingenti alla viabilità, a case, negozi e ristoranti. Completamente divelto il ponte sopra il Ru Torgo, che da Crignes raggiunge Mortisa. La strada comunale non c'è più (Il Corriere delle Alpi).

Caso Scieri, svolta dopo 19 anni: «Fu un omicidio»

Se stavolta riescono a incastrarmi mi sa che ci muoio in carcere». Quando un indagato per omicidio pronuncia una frase del genere e dopo neanche due mesi prenota un volo di sola andata per gli Stati Uniti di cui è cittadino, l'epilogo naturale di quella scelta si traduce in un ordine di arresto.È la svolta nell'inchiesta sulla morte di Emanuele Scieri, laureato in Giurisprudenza, di Siracusa, trovato senza vita nella caserma Gamerra il 16 agosto 1999 (Il Tirreno).

Belluno, muore colpito da un fulmine si era riparato nel bosco

Un fulmine ha centrato la pianta sotto la quale si stava riparando, là verso il castello di Andraz: è morto così Stefano Devich, 49 anni, falegname fodomo che mercoledì pomeriggio aveva preso il suo binocolo ed era usicto per un'escursione di osservazione degli animali nella zona. A trovare il corpo senza vita dell'agordino è stata la compagna del fratello, che partecipava alle ricerche insieme alle squadre del Soccorso alpino e vigili del fuoco e a tanti amici (Il Corriere delle alpi).

Livorno, sul fondale della Capraia ritrovato il sommergibile bombardato 101 anni fa

Il sommergibile della Regia Marina "Alberto Guglielmotti", scortato dal piroscafo "Cirenaica", salpa il 10 marzo 1917 dalla Spezia: l'ordine è quello di raggiungere Brindisi, per operare nell'Adriatico meridionale con la 2ª Flottiglia. Alle 21. 50, mentre si trova in navigazione nelle acque della Capraia, viene scambiato per una unità nemica dal dragamine britannico "Cyclamen" che lo cannoneggia e poi lo sperona. Il sottomarino affonda, con il suo carico di 14 vite, e scompare negli abissi del mar Tirreno, vicino all'isola di Capraia. Ora, un secolo dopo, è stato ritrovato (Il Tirreno).

Cittadella, scomparsa di Anna Fasol: la pista dei soldi spariti dall'azienda

Il giallo della scomparsa di Anna Fasol? Una questione di soldi. Di ammanchi nelle casse della ditta Allevamenti Barcarola dove lavorava come impiegata. Il mistero della sua sparizione potrebbe farsi di ora in ora più chiaro, anche se di Anna non c'è ancora alcuna notizia dal primo pomeriggio di lunedì scorso quando sembra essere svanita nel nulla. Da ieri c'è una pista, quella di un'emorragia di soldi nell'azienda di Lino De Poli a Tombolo con sede in via Vittorio Veneto, dove la donna lavorava nel reparto amministrativo. Ammanchi di oltre centomila euro (Il Mattino di Padova).

Monfalcone, il velista: «Quella donna urlava "salvate mio marito" Ma lui era già morto»

Il racconto del velista che ha provato a soccorrere il 67enne deceduto in mare a quattro miglia dalla costa, dopo il malore mentre faceva il bagno. La tragedia a Sistiana sotto gli occhi della moglie, che si è tuffata dalla barca per cercare di salvarlo. Bagnanti sotto choc a riva (Il Piccolo).

Striscione contro il governo cariche della polizia e feriti

Manganellate per uno striscione. Sì, manganellate per la rimozione di uno striscione contro Pd, M5s e Lega, come confermano i video che nelle ultime ore hanno invaso Facebook. «Un attacco violento, un far west davanti a centinaia di persone», spiegano dal collettivo di Effetto Refugio, che riunisce diverse realtà come il Movimento antagonista livornese e il centro sociale Ex caserma occupata (Il Tirreno).

Udine, residenti contro la moschea: «Il canto del muezzin disturba: pregano alle tre del mattino»

Polemica contro il centro islamico di via Marano a Udine, da parte di alcuni cittadini. Ma i musulmani si difendono: «È successo solo nel Ramadan e mai dopo le 23.30, ci siamo già scusati» (Il Messaggero Veneto).

Airbnb, accordo con Lucca: il portale riscuoterà direttamente la tassa di soggiorno (ed è boom di presenze)

Siglato l'accordo: il portale riscuoterà direttamente la tassa di soggiorno e la verserà al Comune con cadenza trimestrale. «Così contrastiamo l'evasione». Lucca avrebbe guadagnato circa 223mila euro nel 2017 se l’accordo fosse stato già citato (Il Tirreno).

“Fino al cuore della rivolta”: sulle Alpi Apuane il festival militante dedicato alla resistenza

Sulle alture delle Alpi apuane che circondano Fosdinovo, il comune della Lunigiana aperto sulla Val di Magra, in località Prade, sorge il Museo della Resistenza. L'edificio che lo ospita fu edificato dagli stessi partigiani della zona (in forza alla Brigata Garibaldi) con l'aiuto di molti volontari, e donato successivamente al comune di Sarzana che lo ha adoperato dal 1948 fino agli anni Settanta come colonia montana estiva, poi abbandonato. È questo luogo speciale carico di significati, che da 14 anni accoglie "Fino al cuore della rivolta", il più importante festival dedicato ai valori della Resistenza, un serpentone di musiche, incontri, laboratori, dibattiti, cibo, trekking e altro ancora (Il Tirreno).

Bomba d'acqua in 2 paesi: vie trasformate in fiumi, allagate 60 abitazioni

Nemmeno un'ora di pioggia, ma di un'intensità tale da mettere in ginocchio due paesi. Strade in pochi minuti trasformate in corsi d'acqua, cantine e scantinati allagati. Prima che la macchina dell'allerta si attivi, una sessantina di abitazioni sono raggiunte dal liquido fangoso che invade le strade più basse dei due paesi: Ostiglia e Revere (La Gazzetta di Mantova).

Paghe e contratti per gli schiavi dei campi, gli strani rapporti tra l'azienda e la coop

Il sorriso è a trentadue denti, ma le parole sono fumo. Dovrebbe sapere tutto sui suoi dipendenti, o almeno quanti sono, quanto li paga, quante ore lavorano. Chi sono, soprattutto. Invece zero. E giù sorrisi, inutili come le pale del ventilatore in questa giornata torrida. Kumar Naresh è il presidente della cooperativa Tuttoverde, da cui risultano assunti i braccianti scoperti mercoledì a Castel Goffredo nell'operazione della task force contro il lavoro nero che la Gazzetta ha seguito (La Gazzetta di Mantova).

Reggio Emilia, sul monte Fosola la panchina gigante del circuito turistico internazionale

Una panchina gigante affacciata sul Secchia, sul Cusna, sulla Pietra di Bismantova. Dal primo settembre si potrà salire, in piedi più che seduti, sul sedile sul monte Fosola, proprio al confine fra Carpineti e Felina. Le panchine giganti sono ormai l'attrazione simbolo dell'Alta Langa, figlie della creatività del designer statunitense Chris Bangle, dal 2009 residente nel borgo di Clavesana in provincia di Cuneo assieme alla moglie Catherine. La coppia, affascinata dalla bellezza dei panorami delle langhe piemontesi, le ha scelte come residenza e Chris ha poi pensato di aggiungere un tocco particolare: quello di una prima enorme panchina da cui ammirare i panorami (Il Tirreno).