Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Cronaca italiana, le storie del 26 luglio

Un prete pedofilo sorpreso in macchina con una bambina rischia il linciaggio; i lupi veneti non saranno abbattuti ma controllati tramite un radiocollare e una app; arrestato a Cortina ex senatore russo che si considera perseguitato dal Cremlino. Il meglio delle storie dai quotidiani locali del Gruppo Gedi

Prete pedofilo molesta bimba: scoperto, rischia il linciaggio. Parla il giovane che lo ha scoperto

Calenzano (Firenze) il sacerdote 70enneè stato trovato in macchina con una ragazzina undicenne in atteggiamenti intimi. Ha confessato e ha provato a scaricare la colpa: «Era lei a prendere l'iniziativa. Ci sono stati altri episodi». Il giovane che lo ha scoperto aveva dei sospetti e lo ha seguito: «Ho aperto lo sportello e ho tirato fuori la piccola dall'auto».  (Il Tirreno).

Radiocollare ai lupi del Veneto: gli allevatori li controlleranno con un app

Richiedevano a gran voce gli abbattimenti gli allevatori veneti che hanno subito già 75 assalti a mucche e pecore da parte dei predatori. Nel piano messo a punto dal governatore Zaia, però, si punta sul controllo:  un radiocollare, come accade già per gli orsi, farà scattare un allarme quando il lupo si avvicina ai pascoli. Gli allevatori saranno forniti di un app che gli permetterà di seguire gli spostamenti (Il Corriere delle Alpi).

Stupro di Reggio, l'uomo arrestato rompe il silenzio: «Non ricordo, quella sera ero ubriaco»

«Non mi ricordo nulla di quella sera, avevo bevuto ed ero ubriaco». Dopo un giorno di silenzio assoluto Myroslav Prayzner ha deciso di parlare. Una frase scarna, nessuna scusa né ammissione diretta: solo un «non ricordo» pronunciato ieri davanti al gip Giovanni Ghini che lo ha raggiunto in carcere per l'interrogatorio di garanzia dopo il fermo scattato martedì mattina per lo stupro di una ragazza di 24 anni, violentata mentre era a passeggio davanti a un campo da baseball nella periferia di Reggio Emilia (Gazzetta di Reggio).

Arrestato a Cortina ex senatore russo Krivitskiy dissidente

La polizia di Cortina l'ha arrestato mentre faceva colazione all'hotel Cristallo, lunedì mattina, insieme con la famiglia. L'ex senatore russo Dmitry Krivitskiy Miller, 44enne, moscovita di origine, era stato colpito da un mandato di arresto spiccato dal Cremlino, che lo ha accusato di corruzione. Ma lui afferma di essere perseguitato perché dissidente (Il Corriere delle Alpi).

Trieste: scontro fra tram, i manovratori a processo per disastro ferroviario colposo

16 agosto 2016  due vetture dello storico tram di Opicina di Trieste, in funzione dal 1902, si scontrano frontalmente lungo la linea tranviaria all'altezza di Conconello. Nell'impatto rimangono ferite nove persone, tra le quali i due manovratori. A seguito dei primi accertamenti sono stati iscritti nel registro degli indagati i due manovratori: Stefano Schivi, di 54 anni, e Fulvio Zetto, di 52. L'ipotesi di reato a loro carico è di disastro ferroviario colposo (Il Piccolo).

Maxi bolletta dell’acqua per una famiglia: oltre 9mila euro

In un mese, secondo il gestore del Nord della Toscana Gaia, la famiglia avrebbero consumato lo stesso quantitativo di acqua che consumerebbe in un decennio, stando alla media delle precedenti bollette. La cifra richiesta è da capogiro: 9.229 euro tondi tondi per un conguaglio relativo - si legge in bolletta - al periodo compreso tra il 15 febbraio 2017 e il 31 marzo 2018 (Il Tirreno).

Truffa milionaria agli Usa, inguaiata ditta di Carrara

Una truffa da 16 milioni di dollari, fondi governativi destinati alla ricostruzione che hanno invece arricchito le tasche di un imprenditore, ora indagato per frode. In questo caso il copione ha come scenario l'Afghanistan e gli anni seguiti alla guerra del 2001. Al centro dell'inchiesta, condotta da Dipartimento di Stato e Fbi, c'è Adam Doost, faccendiere dal doppio passaporto americano e afghano, che nel business delle cave di marmo ha coinvolto come fornitori anche due importanti aziende italiane: la Gaspari Menotti, sede a Carrara, leader mondiale nel settore dei macchinari utilizzati per estrarre il marmo; la Fantini Sud, sede ad Anagni (Frosinone), specializzata nella produzione di macchine segatrici per pietre ornamentali (Il Tirreno).

Baone, gattina si fa 60 chilometri nel vano motore

La figlia fa visita al padre e la gatta le entra in auto, facendosi sessanta chilometri nel vano motore. La curiosa vicenda è quella toccata ad una donna residente a Mestre, che domenica ha fatto tappa a Calaone (Padova) per una visita al padre (Il Mattino di Padova).

Livorno, a Montenero i cinghiali banchettano col porta a porta

Nella città labronica cinghiali sempre più numerosi e sempre più spavaldi, bivaccano allegramente nella zona di Montenero basso e alto, attraversano dal tramonto all'alba via delle Pianacce, ma anche la via di Montenero e la via di Quercianella che porta al Castellaccio, si fermano a banchettare dove trovano i bidoni dell'umido, rovesciandoli (Il Tirreno).

Bruciò viva la moglie, i giudici non fanno sconti: trent’anni per Russo

Bastano due ore ai giudici fiorentini della Corte d'Assise d'Appello (presidente Maria Cannizzaro, relatrice Silvia Mugnaini) per confermare in toto la sentenza di condanna per Pasquale Russo, 46 anni, ex dipendente di una cooperativa che lavora per l'Asl, autore del delitto più mostruoso e atroce avvenuto in Lucchesia negli ultimi 40 anni: il femminicidio di Vania Vannucchi, 46 anni, operatrice sanitaria, madre di due figli, arsa viva dall’uomo (Il Tirreno).

Marchionne, La Terra dei Motori unita nel dolore «Qui immaginava la sua seconda casa»

«Un genio che ha fatto rinascere la Ferrari». Così la gente di Maranello saluta per l'ultima volta Sergio Marchionne. Un uomo insediatosi meno di quattro anni fa alla guida del Cavallino Rampante, riuscito comunque a lasciare il segno nell'azienda e non solo (Gazzetta di Modena).

Calano i migranti cambierà da agosto la mappa pavese dell'accoglienza

Dal 1°agosto e nell'arco di un mese cambierà la mappa dell'accoglienza dei richiedenti asilo in provincia di Pavia. Fino a dicembre la provincia di Pavia si farà carico di 1385 profughi (molti già sul territorio):129 in meno rispetto ad un mese fa, 558 in meno rispetto all'estate 2017. Frutto della diminuzione di sbarchi sulle coste italiane (-80% rispetto al 2017, 18.107 sbarchi fino a ieri), ma anche della bocciatura di diverse strutture che non hanno rispettato i parametri del bando prefettizio (La Provincia Pavese).

I carabinieri recapitano alla Miteni una multa da 3,7 milioni

Nuova stangata alla Miteni di Trissino, nell'occhio del ciclone per lo scandalo dei Pfas e l'inchiesta avviata dalla procura di Vicenza per disastro ambientale. Il gruppo dei carabinieri Noe di Treviso ha notificato una multa da 3,7 milioni di euro all'azienda chimica vicentina: si tratta di un provvedimento di natura amministrativa e non penale, per il quale l'ordinamento prevede la possibile impugnazione (La Tribuna di Treviso).

Infarto lo stronca durante il turno di notte, disperato soccorso dei colleghi in fabbrica

Colto da infarto mentre era al lavoro: muore durante il turno notturno alla fonderia Intals di Pavia. Mauro Lodigiani, 54 anni di Cilavegna, non ce l'ha fatta. I colleghi lo hanno rianimato usando il defibrillatore aziendale ma tutti gli sforzi per salvargli la vita, anche quelli del personale del 118, non hanno ottenuto risultati (La Provincia Pavese).

Udine, Il partito del "No" spopola in Internet già seimila adesioni per bloccare le auto

Una petizione online capace di raccogliere quasi 6 mila adesioni in pochi giorni e le 200 magliette gialle con lo slogan "Senza auto ci guadagnano tutti" andate esaurite nel giorno del debutto, obbligando i promotori a una ristampa. Chi prova i centri storici senza auto, di solito, non vuole più tornare indietro (Il Messaggero Veneto).