Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Incendi in Grecia: oltre 70 morti

Oltre 550 feriti, tra cui 23 bambini. La zona critica è tra il porto di Rafina, a 30 chilometri da Atene, e Nea Makri, dieci chilometri più a nord. Migliaia di abitanti dell'Attica orientale sono fuggiti sulle spiagge. Secondo la Croce Rossa 26 corpi sono stati trovati nel giardino di una villa nel villaggio di Mati

Incendi in Grecia, la giornalista testimone:"Mati non esiste più"

ATENE Ci sono già 79 morti nei roghi che dal 23 luglio 2018 stanno devastando le aree a nordest di Atene, secondo i pompieri greci. Ma il bilancio potrebbe aggravarsi: si temono 100 morti, ha detto all'emittente greca Skai Tv il sindaco di Rafina, Evangelos Bournous. Sono almeno 1.500 le case distrutte ha aggiunto il primo cittadino. Si contano anche 556 feriti, tra cui 23 bambini. Secondo la Protezione civile, ci potrebbero essere ulteriori vittime. Questo è il bilancio di 24 ore di fiamme in due grandi foreste che lambiscono Atene e che centinaia di vigili del fuoco non riescono a domare, anche a causa del forte vento.

Incendi in Grecia, Tsipras: "Non lasciamo che il lutto ci sommerga, è tempo di combattere"

A rendere difficile il lavoro dei vigili del fuoco è il forte vento. Il portavoce del governo, Dimitris Tzanakopulos, ha annunciato per oggi l'arrivo di Canadair dalla Spagna e di volontari da Cipro.

La Turchia ha offerto il suo supporto alla Grecia per affrontare gli incendi che stanno devastando i dintorni di Atene e causando decine di morti. "Siamo pronti ad aiutare", ha detto il ministro degli Esteri di Ankara Mevlut Cavusoglu in una telefonata all'omologo greco Nikos Kotzias, secondo quanto riferiscono fonti diplomatiche. Non è chiaro tuttavia se Atene accetterà l'offerta. I due Paesi, divisi da una storica rivalità e protagonisti anche di tensioni recenti, avevano in passato cooperato in caso di disastri naturali, come nella cosiddetta 'diplomazia dei terremoti' del 1999.