Quotidiani locali

Thailandia, salvati i primi quattro ragazzi intrappolati nella grotta

Portati in ospedale. "Stanno bene". Le operazioni di soccorso sospese per 10-20 ore. Altri 8 ragazzi e il loro allenatore attendono nella caverna. Saranno accompagnati a piccoli gruppi, ciascuno scortato da due sub

Thailandia, il governatore: "Finalmente vediamo i ragazzi in carne e ossa" Il governatore della provincia del nord della Thailandia in cui sono in corso le operazioni per il salvataggio dei ragazzi intrappolati nella grotta di Tham Luang ha parlato ai giornalisti a Chang Rai. Narongsak Osottanakorn è anche capo della missione di salvataggio.Intanto vari elicotteri continuano a coprire la tratta tra il campo base all'esterno delle grotte di Tham Luang e l'ospedale di Chiang Rai per trasportare medici e probabilmente uno dei ragazzi usciti dalla grotta. Video: Reuters

Si chiamano Prajak e Nattawut, hanno entrambi 14 anni. Sono i primi due ragazzi a rivedere la luce poco prima delle 14, ora italiana. Poco dopo giunge l'annuncio che i ragazzini portati in salvo sono quattro (e non sei, come riferito inizialmente dalle autorità locali): Pipat di 15 anni e Peerapat di 16 sono salvi. Il mondo tira un sospiro di sollievo: le operazioni di soccorso dei bambini intrappolati dal 23 giugno nella grotta di Tham Luang, nel nord della Thailandia, stanno funzionando. Ma la preoccupazione resta altissima per tutti gli altri ancora intrappolati nella caverna.

"Sono in perfetta salute". Ha detto il capo delle operazioni di soccorso e governatore di Chiang Rai, Narongsak Osottanakorn, nel corso di una conferenza stampa che ufficializza anche il bilancio dei soccorsi: gli altri otto ragazzi e l'allenatore ancora all'interno della grotta saranno riportati all'estero tra 10-20 ore per motivi logistici e una necessaria preparazione dell'equipaggiamento. "Dobbiamo preparare le forniture ossigeno, consumate quasi tutte in questa prima operazione salvataggio e assicurarci che le condizioni rimangano stabili per poter cominciare il salvataggio degli altri ragazzi", ha detto il governatore.

Thailandia, i soccorritori nei cunicoli preparano la via d'uscita per i ragazzi I soccorritori impegnati nella perforazione delle pareti della grotta di Tham Luang per facilitare le operazioni di recupero dei 12 ragazzi rimasti bloccati dal 23 giugno con il loro allenatore Video Reuters / RUAMKATANYU FOUNDATION

All'interno restano adesso altri otto ragazzi e il loro allenatore. Le operazioni sono cominciate alle 5, ora italiana. Scortati ciascuno da due sub, i bambini vengono estratti attraverso i cunicoli allagati della cavità, lungo un viaggio sotterraneo di 1,7 chilometri che dopo alcune ore dovrebbe ricondurli tutti in superficie. Al recupero partecipano 18 sub, 13 stranieri e 5 thailandesi. Una missione ad alto rischio affidata ad alcuni tra i migliori professioni venuti da Stati Uniti, Cina, dalla stessa Thailandia oltre che dall'Australia e dall'Europa. Una collaborazione che i Navy Seal thailandesi - tra cui c'era anche Saman Gunan, l'eroico volontario morto tre giorni fa nel tentativo di portare soccorsi ai bambini - hanno celebrato postando su Facebook una foto dell'alleanza nata ai piedi della montagna. In tutto, sono 90 i sub impegnati nelle operazioni di soccorso. Di questi 50 sono stranieri, un fatto che ha reso ancora più complicata l'evacuazione dal momento che i ragazzi non parlano in inglese e loro non parlano thai.

La foto simbolo dell'allenza...
La foto simbolo dell'allenza internazionale dei soccorritori

I 12 ragazzi e il loro allenatore sono stati divisi in quattro gruppi. I livelli di acqua che inondano parzialmente la grotta sono diminuiti in modo significativo, così i bambini possono camminare per gran parte del viaggio.

Tutti saranno tenuti in isolamento anche tra di loro e senza vedere le famiglie per le prime 24 ore, come precauzione per evitare infezioni. L'allenatore della squadra dei 12 giovani calciatori sarà l'ultimo a uscire. Il coach era stato segnalato come il più debole anche perché aveva rinunciato alla sua parte di cibo per lasciarla ai ragazzi. "Prometto che mi prenderò cura dei vostri figli come meglio posso. Voglio rivolgere le mie più sentite scuse a tutti", aveva scritto in una lettera indirizzata ai genitori dei bambini.

Thailandia, il videomessaggio dei ragazzi intrappolati nella grotta: "Stiamo bene" Avvolti in coperte isotermiche argentate dicono di stare bene e salutano le famiglie che li aspettano. Insieme ai 12 ragazzini intrappolati nella grotta thailandese con il loro allenatore dal 23 giugno, ci sono dieci soldati delle forze speciali che li hanno raggiungiunti solo il 2 luglio scorso. Sono stati proprio i Navy Seal Thai a pubblicare su Facebook questo nuovo video Video Facebook/Navy Seal Thai

Thailandia, letti e apparecchiature mediche: così l'ospedale di Chiang Rai si prepara ad accogliere i ragazzi Tredici letti sono stati preparati all'ottavo piano dell'ospedale di Chiang Rai, dove verranno trasportati i ragazzi estratti dalla grotta in Thailandia nella quale sono rimasti intrappolati il 23 giugno scorso. Le postazioni sono dotate di macchinari per effettuare radiografie e controlli della temperatura. Un team di medici e infermieri è stato assegnato all'osservazione dei 12 bambini e del loro allenatore per i prossimi giorni.Video Reuters

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro