Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Cronaca italiana, le storie del 6 luglio 2018

L'uomo ucciso a colpi di katana in un parcheggio di Padova; la lotta dei veneziani per l'isola di Poveglia; l'orso che si aggira per il Carso; i fiori per le api nel parco del fiume Stella. Le storie di oggi dai giornali del Gruppo Gedi

Pistoia. Due donne riconosciute madri dalla nascita del figlio grazie alla legge 40
Nato lo scorso autunno grazie alla procreazione assistita, potrà avere due mamme. Entrambe legalmente riconosciute come tali nel suo atto di nascita. A sancirlo è stato il tribunale civile di Pistoia, che ha accolto il ricorso presentato dalle due mamme contro il no che il sindaco di Montale - loro comune di residenza, in provincia di Pistoia - aveva opposto alla richiesta presentata all'ufficiale di stato civile (Il Tirreno)

Ucciso in un duello a colpi di katana
Padova. Ha trovato la morte nel duello d'onore che invocava da giorni anche sui social network, sfidando il suo rivale in amore. Walter Crispin Sahagun, 51 anni, filippino, si è battuto in una scena da mezzogiorno di fuoco, nel parcheggio deserto dello stadio Euganeo, con il sole a picco e l'afa di luglio. Colpito più volte con una roncola e anche con una katana, è morto dissanguato, mentre il suo assassino scappava. Arca Melvin, 36 anni, anch'egli filippino, è stato fermato da una volante (Il Mattino di Padova)

Venezia. "Poveglia resiste", scatta la protesta perchè il Demanio riapra l'isola ai cittadini
I veneziani si preparano alla protesta, domenica, contro il Demanio. La richiesta è che l’isola torni a disposizione dei veneziani e che siano concessi gli approdi. L’Associazione Poveglia per tutti potrebbe ricandidarsi al prossimo bando, per avere la concessione. All’ultima asta, poi annullata, i veneziani avevano partecipato perdendo alle buste contro Brugnaro, all’epoca non ancora sindaco (La Nuova Venezia)

Livorno. Sabotata l'auto di un consigliere del M5S
Daniele Esposito si è accorto in piena notte che i bulloni non c’erano più e che una delle due ruote davanti stava per staccarsi dalla sua auto. In macchina con sé aveva anche la moglie e la figlia diciottenne, insieme a due amiche. «È un sabotaggio, è evidente. Siamo scossi, perché questo non è uno spregio, è un gesto pericoloso, che avrebbe potuto avere conseguenze gravi». Ha fatto denuncia (Il Tirreno)

Marmolada riconsegnata ai trentini
L'Agenzia del territorio di Roma ha tracciato i nuovi confini della Marmolada, applicando quanto  era stato stabilito  dal decreto presidenziale di Sandro Pertini del 1982 (Corriere delle Alpi)

All'esame con l'auricolare, universitaria scoperta
Trieste. Una studentessa di Architettura è stata scoperta con un auricolare bluetooth all'orecchio durante un esame. Stava sostenendo una prova orale di Inglese ed era collegata al celluare con un'altra persona che le suggeriva le risposte. Pizzicata dal professore, si è giustificata dicendo di avere l'otite (Il Piccolo)

Partorisce in casa con istruzioni telefoniche
Parto in casa e fiocco rosa a Musile dove una mamma ha partorito nella sua abitazione con l’aiuto del marito guidato telefonicamente del personale dell’Usl 4. (La Nuova Venezia)

Fiori nei campi per salvare le api a rischio
Avviato un progetto di riqualificazione ambientale di numerose aree, alcune delle quali appartenenti alla riserva e alle zone del parco del fiume Stella: sono stati seminati 10 ettari su vari terreni per ricreare un habitat ideale per le api. «I promotori: nessun tornaconto economico, vogliamo solo riqualificare l'ambiente (Messaggero Veneto)

Autocertificazione per i vaccini, Asl e ospedale di Ferrara preoccupati
Ferrara. L’Asl e l’azienda ospedaliera Sant’Anna in una nota contestano l’ipotesi di sostituire l’obbligatorietà della profilassi per l’iscrizione scolastica con un’autocertificazione. «La ventilata introduzione di forme di semplificazione degli obblighi certificativi/giustificativi non porterà alcun vantaggio pratico per le famiglie», afferma Giuseppe Cosenza, direttore del dipartimento di sanità pubblica dell’Usl. (La Nuova Ferrara)

Sesso con le studentesse, due anni al professore di musica
Palpeggiamenti, ma anche sesso con tre alunne quando avevano appena tredici o quattordici anni, e lui una quarantina. Un’accusa pesante per la quale un maestro di musica alle scuole Coletti ha
patteggiato due anni, con la sospensione condizionale della pena. Sentenza che lascia insoddisfatte le vittime. La scuola a suo tempo sospese l’insegnante dalle lezioni. (La Tribuna di Treviso)

Figlia dodicenne torna tardi, il padre la picchia. Denunciato
Pavia. La figlia dodicenne torna a casa dopo mezzanotte. Il papà (separato) la picchia e la prende per il collo. Ma la ragazzina chiama Telefono Azzurro e a casa arrivano poliziotti e ambulanza. È successo l’al tra notte a Pavia. Il papà è stato portato in questura, identificato e sarà denunciato. La ragazzina, portata al pronto soccorso del San Matteo per le prime cure, è poi stata affidata alla mamma (La Provincia Pavese)

Un orso bruno si aggira per il Carso
Maschio, circa due anni, peso indicativo di 60-80 chilogrammi, è stato immortalato da un amante della montagna, Denis Čebron, grazie a una fototrappola. (Il Piccolo)

San Benedetto Po. Il vicino confessa: Ho ucciso io Birillo, dava fastidio
Ha ucciso il cane del vicino perché infastidiva la sua cagnolina. Incastrato da una serie di testimonianze ha confessato tutto ai carabinieri. (Gazzetta di Mantova)

Ristoranti digitali, l'uso dei social per pochi eletti
Quasi tutti i ristoranti veneti hanno il sito e usano i social, ma non sanno farlo in modo appropriato. È il risultato della ricerca della start-up veneziana Noonic, che ha passato al setaccio 356 locali in Italia, 38 in Veneto. Tra i pochi “promossi”, il San Martino di Scorzè. (La Nuova Venezia)