Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Cronaca italiana, le storie del 3 luglio 2018

Belgrado propone sgravi fiscali alle imprese che adottano insegne in cirillico e Starbucks si adegua, i vigili di Pisa cercano un privato a cui dare 4mila birre in cambio di un'offerta per l'equipaggiamento, Gianna Nannini riparte da Mantova. Le storie del 3 luglio 2018 dai quotidiani locali del gruppo Gedi.

Belgrado sgravi ai negozi che usano insegne in cirillico: Starbucks si adegua

In Serbia è l’alfabeto ufficiale secondo la Costituzione, ma ormai è sempre più marginalizzato dai caratteri latini. Così l’amministrazione di Belgrado ha annunciato sgravi fiscali dal 5% per le imprese che adotteranno i caratteri nelle insegne. Starbucks ha di recente annunciato lo sbarco in città e «una delle condizioni durante i negoziati è stata che l'insegna sia duplice, in latino e in cirillico», aveva anticipato il vicesindaco Vesic (Il Piccolo).

Muore centauro nel Padovano, la famiglia in vacanza lo apprende dai social

Il 25enne ha perso la vita in uno scontro frontale con un bus. «I genitori e le due sorelle erano in vacanza in Molise e hanno appreso della scomparsa del figlio attraverso Facebook. Come si sa infatti i carabinieri per prassi devono comunicare di persona notizie di questo tipo», spiega il sindaco di Veggiano Simone Marzari. Il viaggio di ritorno dal Molise verso il Padovano si è rivelato quindi per la famiglia un viaggio dell'angoscia (Il Mattino di Padova)

L'annuncio del patriarca: «Papa Luciani presto beato»

Ecco l'annuncio tanto atteso dai bellunesi, e non solo: «Giovanni Paolo I sarà presto beato». Lo ha detto Francesco Moraglia, patriarca di Venezia, in visita alla Cooperativa Arcobaleno di Feltre.

Pisa, quattromila birre chiuse in magazzino: i vigili vorrebbero donarle a qualcuno

Curiosa iniziativa della polizia municipale della città della Torre: è pronta a dare i circa 4mila alcolici sequestrati da febbraio a un privato, in cambio di un’offerta per comprare equipaggiamento (Il Tirreno).

Il ladro diventa sommelier e scappa con 30 bottiglie di pregiato Vino della pace

Ignoti si sono resi protagonisti nella notte tra sabato e domenica di un colpo che, al di là del danno economico, alla famiglia che lo ha subito ha arrecato un dispiacere soprattutto affettivo: il proprietario infatti era molto affezionato a quelle bottiglie di uno dei prodotti più rappresentativi del territorio cormonese, inviato ogni anno dalla Cantina Produttori Cormons a tutti i Capi di Stato del mondo per evidenziare virtù come la convivenza ed il rispetto (Il Piccolo)

Scatta l'allarme rosso per le zecche già 14 casi di encefalite in sei mesi

È allarme zecche e Tbe in provincia di Belluno. A lanciarlo è direttamente l'Usl 1, tramite il direttore dell'unità operativa di Malattie infettive del San Martino, Ermenegildo Francavilla. La preoccupazione arriva proprio dai numeri: i casi di encefalite da morso di zecca registrati in provincia finora sono 13 e «risultano triplicati rispetto a quelli dello stesso periodo dello scorso anno». «L'unica strategia per arginarla è costituita dalla vaccinazione», dicono dall'azienda sanitaria  (Corriere Alpi).

Due autisti veneti rischiano il licenziamento, insorgono i sindacati

Uno dei due è sotto inchiesta per essere fuggito da un autobus in fumo, l’altro per un deragliamento (Il Mattino di Padova).

Donna derubata al cimitero mentre prega su una tomba

Le hanno rubato il telefono cellulare mentre pregava sulla tomba di un caro parente. Il marito con le stampelle la stava aspettando in macchina. Il ladro era in bicicletta. Gli è bastato poco per aprire la portiera dell'auto, lato guidatore, e portare via il cellulare davanti agli occhi dell'anziano con le stampelle che ha assistito, impotente, al furto senza poter reagire (Il Tirreno).

L'estate della Nannini riparte da Mantova: «Voglio che le persone ballino con il rock»

Dopo la scivolata sul palco di Genova, Gianna Nannini ricomincia da Mantova. «Riparto da Mantova - dice al telefono dove risponde direttamente, senza passare dalla sua assistente -. Hallo, come va lì a Mantova? Riparto dalla vostra città, sono felice» afferma con la sua potente voce rock. «Sto bene, mi sono quasi ripresa del tutto» (Gazzetta di Mantova).

Il pm Gava: «Ergastolo per il professore killer»

La richiesta per Stefano Perale che deve rispondere anche di violenza sessuale, procurato aborto e vilipendio di cadavere. Ieri pomeriggio il pubblico ministero Giorgio Gava ha rassegnato le proprie conclusioni chiedendo per il professore 51enne, accusato di aver ucciso i fidanzati Biagio Buonomo ed Anastasia Shakurova, l'ergastolo con isolamento diurno.

Treno merci deraglia nella stazione di Portomaggiore

Macchinisti sotto choc, ma nessun ferito. La stazione è semidistrutta. Convoglio di mezzo chilometro ha perso otto carri: sono pianali nuovissimi (La Nuova Ferrara)

La strada-latrina della movida ribattezzata «via dello zozzo»

Una mano misteriosa ha ribattezzato così via San Giovanni Al Fonte, la traversa di via XX Settembre che porta alla chiesa di San Giovanni in Domnarum di Pavia. Una via centrale, che più centrale non si può: bastano pochi passi e da qui si possono raggiungere piazza Duomo, piazza della Vittoria e piazza Petrarca. Davide Corsi, il titolare dell'omonimo bar gelateria che ha la vetrina e i tavolini esterni proprio accanto alla strada, lancia l'allarme: «La mala movida qui dà il peggio di sé, i turisti passano con i fazzoletti sulla bocca e sul naso per resistere all'odore» (La Provincia Pavese)

Le poesie di Zanzotto e gli agricoltori eroici per dimostrare l’unicità delle Colline del Prosecco

L’Unesco ha bocciato le colline del Prosecco, perché non abbastanza “uniche” per essere patrimonio dell’umanità. Il professor Vasco Boato, docente di economia all'Università di Padova e coordinatore del corso di laurea in Viticoltura ed Enologia, invece, non ha dubbi. «I fondamenti di un paesaggio culturale unico al mondo, ci sono tutti», prosegue, ricordando di aver già messo mano a questa analisi, nello stesso dossier, per cui è stato coinvolto anche l'ateneo patavino. «Non bastano le memorabili poesie di Zanzotto? Non possiamo dimenticare l'epopea dell'agricoltura eroica, quando molti, troppi trevigiani di qui furono costretti a emigrare, mentre alcuni "pazzi" decidevano di restare» (La Tribuna di Treviso).

Anche i padri separati tra i nuovi poveri in fila per un pasto

Padri separati e famiglie monoreddito: sono loro i nuovi poveri che si mettono ogni giorno in fila davanti agli sportelli dei servizi sociali o della Croce Rossa, a caccia di contributi per bollette energetiche o per chiedere semplicemente del cibo per sfamare i figli (Messaggero Veneto).

Nei boschi del Fvg mancano taglialegna, arrivano gli stranieri imprese a rischio

Il 10 per cento delle imprese boschive impegnate in regione arriva dal Veneto, dal Trentino, dall'Austria, dalla Slovenia e pure dalla Slovacchia. Le offerte scritte oltralpe sono più competitive perché i costi della manodopera risultano inferiori rispetto a quelli applicati in Italia, dove i boscaioli sono in via d'estinzione (Messaggero Veneto).