Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Cronaca italiana, le storie del 26 giugno 2018

La disponibilità di alloggi per i richiedenti asilo eccedente rispetto alle richieste nel Ferrarese; undici persone a processo per aver insultato i vigili su Facebook a Treviso; sulle tracce di pescatori di ostriche nel Delta del Po. Storie e luoghi dai giornali del Gruppo Gedi

Migranti in calo, posti vuoti nelle strutture per richiedenti asilo
Ferrara. Fino a qualche mese era "emergenza accoglienza": i posti letto per ospitare i richiedenti asilo scarseggiavano e ad ogni nuovo arrivo scattava la "lotteria" su quale comune dovesse farsi carico dell'ospitalità. "La situazione è oggettivamente cambiata sul nostro territorio - spiega ora l'assessore ai Servizi sociali del Comune, Chiara Sapigni - Il numero degli ospiti è drasticamente calato, per via del sostanziale azzeramento dei nuovi arrivi, e con l'ultimo bando dell'Asp ci troviamo ad avere, per la prima volta negli ultimi anni, una disponibilità di alloggi a disposizione eccedente rispetto alle richieste". Per alcuni gestori l'ospitalità al di sotto di certi numeri diventa un'operazione in perdita dal punto di vista finanziario. I numeri sono la base di partenza di ogni ragionamento. (La Nuova Ferrara)

Reportage. Ostriche e vongole nel Delta: l'oro dei pescatori del Veneto
Viaggio tra i pescatori del Delta del Po, un luogo ricamato da canali e isolotti che emergono e scompaiono con il flusso delle maree, cancellati dalle piene del fiume, dove crescono ostriche. (Il Mattino di Padova)

Insulti ai vigili su Facebook, undici persone a processo
Undici persone dovranno affrontare un processo per diffamazione perché, nel marzo 2016, avevano ricoperto d'insulti la polizia locale per via di una foto comparsa su Facebook: ritraeva un'auto dei vigili parcheggiata su quello che, all'apparenza, sembrava un posto riservato ai disabili a Santa Maria del Sile. Un'immagine scattata da un residente che accusava gli agenti di essersi fermati non per motivi di servizio ma per una pausa caffè. In realtà le cose stavano diversamente. (La Tribuna di Treviso)

Entra moscone dal finestrino, con l’auto cade nel canale
I vigili del fuoco a Lozzo Atestino per un’auto finita nel canale Bisatto: illeso l’autista che non avendo subito traumi è riuscito a uscire dal mezzo da solo. La causa dell’incidente, un moscone entrato da un finestrino che ha distratto il guidatore (Il Mattino di Padova)

Un anno senza rimborsi, va in scena ll funerale del risparmio
Montebelluna. Davanti alla sede storica dell’ex Veneto Banca, vestiti a lutto hanno portato una bara in cartone tutta nera, accompagnata da due ghirlande nere. Il funerale era tutto per l’articolo della Costituzione che tutela il risparmio (La Tribuna di Treviso)

Tour in auto fino in Mongolia per solidarietà
Un tour a quattro ruote per onorare un'amica. Debora Pagliarini e Marco Pignatti hanno deciso di ricordare Chiara Cassano, scomparsa a ottobre per una leucemia, con vacanze alternative. La meta è in Russia, quasi al confine con la Mongolia. Hanno optato per un percorso diverso: prenderanno parte al Mongol Rally 2018. (Gazzetta di Modena)

Preso a testate il figlio del calciatore Galderisi
Padova. Rischia il processo Gianluca D’Andrea, 28 anni, finito sotto inchiesta per minacce aggravate e lesioni volontarie: a denunciarlo Andrea Massimo Galderisi, coetaneo, figlio del noto ex calciatore. Tra i due era scoppiata una rissa. (Il Mattino di Padova)

Finto prete fa irruzione nella Basilica di San Prospero
Reggio Emilia. Vestito con una giacca qualsiasi portata sopra un clergyman, la classica camicia da prete, è entrato nella chiesa piena di fedeli gridando incomprensibili preghiere un po’ in latino un po’ in francese. Qualcuno ha chiamato la polizia e gli agenti hanno atteso la fine della messa per portarsi via questo falso prete e farlo ricoverare. Si tratta di un cittadino inglese. (Gazzetta di Reggio)

Papà muore, lite sull’urna per il diritto di preghiera
La sorella la tiene in casa. I fratelli: "Ma noi come entriamo quando non ci siete?". No all’idea balcone. Il giudice propone invano una teca nel giardino della vedova (Messaggero Veneto)

Migranti, prete di Pistoia posta su Facebook la foto del governo su un gommone
"Signore siamo nelle tue mani", e poi una foto con un gommone sul quale ci sono tutti i membri del governo con al centro il premier Giuseppe Conte. E' il post pubblicato su facebook da don Massimo Biancalani, il prete pistoiese, parroco di Vicofaro e Ramini, impegnato nell'accoglienza ai migranti (Il Tirreno)

Edicolante si rifiuta di vendere la rivista con la cannabis light
Spilimbergo. "Nei giorni scorsi, con una certa incredulità, mi sono visto recapitare in edicola assieme ad altre riviste una novità per me inaspettata, "The Botanist", che allegato al giornale ha un sacchetto contenente un grammo di cannabis light, al prezzo di 13,90 euro. Mi sono premunito di nascondere tutte e dieci le copie della rivista e restituirla come reso" racconta Antonio Zavagno, 44 anni, titolare di uno degli esercizi commerciali storici di Spilimbergo, la Libreria Moderna (Messaggero Veneto)

Spari e ostaggi, gente terrorizzata a Venezia. Ma era un'esercitazione
Venezia. Un gruppo di terroristi entra ai giardini della Biennale affollati di visitatori e inizia a sparare sulle persone. Ci sono morti e feriti. Scatta l'allarme e sul posto intervengono pattuglie del Nucleo Natati dei carabinieri e delle volanti della polizia mentre la gente terrorizzata scappa. Era solo un'esercitazione di polizia e carabinieri. (La Nuova Venezia)

Inaugurata la casa dei padri separati
Carpi. Taglio del nastro per la Cittadella della carità, la struttura che ospita la nuova sede della Caritas diocesana e dell’associazione Camilla Pio e, nello stesso tempo, offre otto posti letto a padri separati finiti sul lastrico dopo la fine del matrimonio. I beneficiari saranno individuati grazie ai centri d’ascolto di Porta Aperta. (Gazzetta di Modena)