Quotidiani locali

Vai alla pagina su Russia 2018
L'Egitto tiene in panchina Salah, l'Uruguay vince al 90'
Mondiali 2018/Gruppo A

L'Egitto tiene in panchina Salah, l'Uruguay vince al 90'

Ekaterinburg: il ct Cuper non rischia la stella del Liverpool e tiene partita in pugno, poi la beffa su colpo di testa di Gimenez

Un colpo di testa di Gimenez allo scadere sblocca l'Uruguay che riesce a infrangere il muro generoso dell'Egitto senza Salah e agguanta la Russia in testa al girone A. Vittoria meritata, ma fatica immane per i sudamericani a tratti leziosi, a lungo messi in difficoltà dal vigore e dalla buona organizzazione egiziana. Sembra una gara stregata: il Pistolero Suarez cicca tre bersagli facili mentre il suo compare Cavani viene contrato magistralmente dal portiere El Shenewy e poi colpisce un palo. Alla fine la superiore qualità della Celeste ha la meglio, ma molte cose andranno registrate. Per gli africani applausi e una bella figura, e forse con Salah potrà cercare di rimettersi in carreggiata.

Due senatori di grande tempra, Tabarez e Cuper, guidano Uruguay e Egitto, partite ad handicap nel gruppo A dopo il 5-0 della Russia. Africani timorosi per l'assenza iniziale di Salah, sudamericani compassati e un po' supponenti che comunque ci provano con Cavani e Vecino da lontano ma Suarez si mangia un'occasione netta solo di fronte alla porta calciando a lato al 23'. È il segnale per il cambio di passo dell' Egitto, accorto e ben messo in campo, che attacca con buon trame: in regia Elneny (Arsenal) sovrasta Betancourt, a sinistra Trezeguet supera spesso Varela, a destra Amr Warda mette in difficoltà Caceres. Ci vuole il vigore e l'esperienza del duo Atletico Gimenez-Godin per spazzare l'area e non impensierire Muslera.

Nella ripresa ancora Suarez si divora un gol, su apertura di Cavani e tiro che il portiere El Shenawy riesce a deviare. Ma è solo una fiammata, poi l' Egitto riprende l'iniziativa generosa ma sterile che scalda i tifosi di Ekaterinburg. Tabarez sostituisce le ali che non incidono, De Arrascaeta e Nandez. Al 27' gran tiro da fuori di Faty che Muslera respinge, ma gli egiziani entrano in riserva ed emerge la qualità dei sudamericani: terzo errore di Suarez che, lanciato a rete da Cavani, si fa ipnotizzare dal portiere, ma l'assedio prosegue. Al 43' una magistrale punizione di

Cavani si stampa sul palo, poi al 45' sugli sviluppi di un angolo colpo di testa vincente di Gimenez, insieme a Godin e a Cavani i migliori in campo. Imballati Vecino e Betancourt, in giornata no Suarez. Nell' Egitto grande prova del portiere El SAhanawy, che alla fine si è dovuto arrendere.

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro