Quotidiani locali

Nasce governo M5s-Lega, Conte e i neoministri giurano al Quirinale

A 89 giorni dalle elezioni nasce il governo Conte sull'intesa M5s-Lega. Ricevuto l'incarico da Mattarella dopo la rinuncia di Cottarelli, il professore pugliese e diciotto dell'Esecutivo salgono al Colle

Governo, la battuta di Gentiloni al passaggio della campanella con Conte Consegna della campanella tra Giuseppe Conte e Paolo Gentiloni: la cerimonia segna il passaggio di testimone tra il nuovo governo e quello uscente. L'ex premier "prova" scherzosamente la campanella prima di cederla al suo successore. Lungo applauso nella Sala dei Galeoni di Palazzo Chigi.

ROMA. Passaggio di consegne a Palazzo Chigi tra Paolo Gentiloni e Giuseppe Conte attraverso la tradizionale cerimonia della consegna della campanella, con cui il premier apre e chiude i lavori del Consiglio dei ministri. Tappa successiva, il primo Cdm per il neopremier e i 18 ministri freschi di nomina.

Governo Lega-M5s: il giuramento di Conte Con il giuramento del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, giura "fedeltà alla Repubblica" nelle mani del Presidente Sergio Mattarella con la formula di rito.

Precedentemente Giuseppe Conte ha giurato nelle mani del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo il giuramento del presidente del Consiglio, è proseguita al Colle la cerimonia che ha visto i 18 ministri presentarsi davanti al Capo dello Stato per pronunciare la formula di rito ("Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservarne lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell'interesse esclusivo della Nazione").

Governo, la sintonia e gli scherzi tra Di Maio e Salvini al giuramento Guidavano loro la delegazione di ministri all'ingresso del Salone d'Onore del Quirinale il giorno del giuramento del Governo Conte. Luigi Di Maio e Matteo Salvini si sono mostrati in perfetta sintonia durante tutta la cerimonia, ridendo e scherzando tra loro e con i neo ministri Giulia Bongiorno e Riccardo Fraccaro Video di Cristina Pantaleoni

Segui tutti gli aggiornamenti sulla Stampa

Il giuramento dei ministri. E così, poche ore dopo le dimissioni di Cottarelli, tutto l'Esecutivo gialloverde ha giurato. Luigi Di Maio, vicepremier e ministro dello Sviluppo economico, Lavoro e Politiche sociali, Matteo Salvini vicepresidente e ministro dell'Interno.

Governo Conte, giurano i fedelissimi 5 stelle: Di Maio si commuove Luigi Di Maio si è mostrato profondamente emozionato durante tutta la cerimonia del giuramento del Governo Conte e in particolare per i fedelissimi Danilo Toninelli, Giulia Grillo e Alfonso Bonafede. Il capo politico dei 5 stelle sorride durante i giuramenti fino a commuoversi quando a presentarsi davanti Mattarella è l'ex capogruppo alla Camera Giulia Grillo, da oggi ministro della Salute Video di Cristina Pantaleoni

I ministri senza portafoglio: Riccardo Fraccaro (Rapporti con il Parlamento e Democrazia diretta), Giulia Buongiorno (Pubblica amministrazione), Erika Stefani (Affari regionali e autonomia), Barbara Lezzi (ministro per il Sud), Lorenzo Fontana (ministro per la Famiglia e per le Disabilità, Paolo Savona (ministro per affari europei): è invece ministro per gli Affari esteri e per cooperazione internazionale Moavero Milanesi, alla Giustizia va Alfonso Bonafede, alla Difesa Elisabetta Trenta, all'Economia e Finanza Giovanni Tria, alle Politiche Agricole e Forestali Gian Marco Centinaio, all'Ambiente e alla tutela del territorio e del mare Sergio Costa, alle Infrastrutture e ai Trasporti Danilo Toninelli, all'Istruzione Marco Bussetti, al Mibact Alberto Bonisoli, alla Salute Giulia Grillo. Conte ha indicato come Sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri Giancarlo Giorgetti.

Governo Conte, chi sono i nuovi ministri - Videoscheda Diciotto ministri, tra cui cinque donne. Con il giuramento al Quirinale davanti al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il governo guidato da Giuseppe Conte è ufficialmente in carica. Ai leader di Lega e Movimento 5 Stelle Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono affidati rispettivamente i Dicasteri dell’Interno e del Lavoro, oltre alla carica di vicepremier. Di Antonio Scali montaggio Elena Rosiello

Mercati rassicurati: la Borsa in rialzo, in discesa lo spread

Governo, il giuramento di Savona: Mattarella sorride e gli stringe la mano Stretta di mano e sorriso tra il ministro agli Affari europei Paolo Savona e Sergio Mattarella, dopo il giuramento al Quirinale. L'economista euroscettico è stato 'dirottato' in extremis agli Affari europei dopo il veto del presidente della Repubblica alla sua nomina come Ministro dell'Economia che ha portato Conte a rimettere il mandato presidenziale

Gli equilibri politici. Ad annunciare il buon esito delle trattative per il governo politico erano stati proprio gli stessi Luigi Di Maio e Matteo Salvini che nelle scorse settimane avevano lavorato per creare una squadra con Conte premier.

Governo, Salvini: "Dureremo 5 anni? Anche dieci. Piano rimpatri impossibile? Studiamo" "C'è Di Maio dietro di me, é più importante". Così lasciando il Quirinale il nuovo ministro degli Interni Matteo Salvini scherza sul "dualismo" con il leader M5S Luigi Di Maio (come lui vicepremier nel governo Conte) dopo il giuramento del nuovo esecutivo 5 Stelle-Lega. Entrando nel merito del suo nuovo ruolo, di fronte a chi gli chiede se il piano da 10mila rimpatri al mese da lui sventolato in campagna elettorale sia effettivamente realizzabile, Salvini frena: "Vediamo, ci sono dei tecnici molto più preparati di me con cui avrò l'onore di lavorare". Dopo aver confermato che rimarrà anche segretario della Lega, il neoministro non rinuncia - anche nel suo nuovo ruolo - al consueto bagno di selfie con i sostenitori, incontrando anche qualche contestatorevideo di Marco Billeci e Livia Crisafi

I due leader, come già avevano ampliamente annunciato nei giorni scorsi, non saranno alla guida del nuovo Governo ma ricopriranno comunque un ruolo centrale: entrambi sono stati indicati come vicepresidente ma avranno anche deleghe specifiche; in particolare, il leader della Lega guiderà il Viminale, mentre il capo politico dei pentastellati sarà ministro del Lavoro e delle Politiche sociali.

Governo, Giuseppe Conte presenta la squadra: "Realizzeremo obiettivi del contratto" "Lavoreremo intensamente per realizzare gli obiettivi politici anticipati nel contratto, lavoreremo con determinazione per migliorare la qualità di vita di tutti gli italiani". Così il presidente del Consiglio incaricato, Giuseppe Conte, ha concluso il suo intervento al Quirinale dopo aver letto la lista dei ministri del suo governo: "Mi affiancheranno il deputato Luigi Di Maio ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro e delle Politiche sociali, che assumerà anche le funzioni di vicepremier e il senatore Matteo Salvini ministro dell'Interno che assumerà anche le funzioni di vicepresidente del Consiglio dei ministri".- H24

A Paolo Savona, che nel primo mandato a Conte era stato indicato come ministro dell'Economia,  l'incarico di guidare il ministero specifico per i rapporti con l'Unione Europea. L'economista era stato il nodo su cui Mattarella aveva posto alcuni dubbi.

Le prime dichiarazioni. Fuori, davanti al palazzo,  Giovanni Tria, neoministro dell'Economia, il più bersagliato dai microfoni, rassicura: "In Italia nessuna forza politica vuole uscire dall'euro". Il più silenzioso è l'uomo della discordia, Paolo Savona. Salvini: "Savona è al posto giusto per ricontrattare le regole Ue". Fontana, ministro della Famiglia sotto esame per le sue posizioni ultraconservatrici -  sulle unioni civili dice: "Cambiare la legge? Non è all'ordine del giorno".
 

Juncker: "Agli italiani servono più lavoro e meno corruzione. Non si incolpi sempre l'Ue" "Sono gli italiani che devono prendersi cura delle regioni povere del loro paese. Il che significa: più lavoro. Meno corruzione. Serietà". Così Jean-Claude Juncker ha risposto a una domanda sulla disoccupazione giovanile nel Sud Italia. Il presidente della Commissione europea ha parlato nella sessione di domande e risposte con il pubblico alla conferenza 'New Pact for Europe', a Bruxelles. "Li aiuteremo come abbiamo sempre fatto. Ma basta con questo gioco di caricare l’Europa di responsabilità. Un paese è un paese, una nazione è una nazione. Prima le nazioni, poi l’Europa", ha detto Juncker YouTube / European Policy Centre

 

Cottarelli: "Governo politico soluzione migliore ". "La formazione di un governo politico è di gran lunga la migliore soluzione per il Paese - ha detto ieri Cottarelli rimettendo il mandato - anche per l'incertezza che deriverebbe da nuove elezioni. Auguri di cuore al nuovo governo, che spero possa essere formato al più presto". Il presidente della Repubblica lo ha ringraziato "per il senso delle Istituzioni, la serietà e la costante attenzione all'interesse nazionale".

Governo, Di Maio: "Parlo domani". Di Stefano (M5S): "Grazie a Mattarella? Non ha fatto beneficenza" Intercettato a fine giornata mentre il premier designato Giuseppe Conte si trova al Quirinale, il capo politico M5S Luigi Di Maio non commenta l'esito della trattativa che dovrebbe portare al giuramento del governo 5 Stelle - Lega. "Non abbiamo mai avuto paura, a un certo punto c'era un po' di delusione, ma ora lavoriamo per realizzare il programma", commenta il deputato Manlio Di Stefano. E a chi gli chiede se si sente di ringraziare il presidente Mattarella, che ha ricomposto lo scontro istituzionale anche dopo la richiesta di impeachment per lui da parte del Movimento - arrivata nel momento in cui la trattativa si era arenata sul nome di Paolo Savona -, Di Stefano risponde: "Non credo vada ringraziato nessuno, ognuno fa il suo lavoro" Video di Marco Billeci e Cristina Pantaleoni

Conte per due volte, un fatto unico. Conte, ricevendo nuovamente l'incarico da Presidente del Consiglio, è il primo nella storia Repubblicana ad assumere questo ruolo subito dopo avervi rinunciato. Conte infatti ha rimesso l'incarico nelle mani del presidente Mattarella domenica pomeriggio. Già lunedì mattina il Capo dello Stato aveva affidato l'incarico a Carlo Cottarelli che però ha immediatamente messo in stand-by il proprio tentativo non appena è riemersa l'ipotesi di un esecutivo politico: l'ex Commissario alla spending review è stato quindi presidente incaricato per 80 ore. E dopo poco più di quattro giorno dalla rinuncia, per la precisione 97 ore, Conte lo ha nuovamente ricevuto.

Cosa dicono Europa e Usa. Immediata la reazione della stampa estera. Il Guardian titola: "I leader populisti italiani trovano un'intesa per far risorgere la proposta di coalizione", mentre il Wall Street Journal rimarca che "Gli italiani M5S e Lega propongono di nuovo Conte come premier" e anche che "il premier designato (Cottarelli) rinuncia al mandato e apre la strada ad un governo Cinque Stelle-Lega". Sul sito della Cnn si ritorna all'idea dei populismi: "I partiti populisti italiani si accordano per formare un governo". L'Independent scrive: "I leader della Lega e del Movimento 5 Stelle dicono che 'c'è accordo su tutti i puntì per un patto di governo".

Decisamente più politica la reazione del dipartimento di Stato americano che all'agenzia Ansa dichiara: "L'amministrazione Trump è pronta a lavorare col nuovo governo italiano appena sarà formato". Dichiarazione resa a margine di una conferenza stampa del segretario di stato Mike Pompeo a New York. Il Dipartimento di stato sottolinea come "da decenni l'Italia è un alleato affidabile della Nato, un attore globale sul fronte della sicurezza internazionale e un traino dell'economia europea".

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro