Quotidiani locali

Harry e Meghan: nozze reali nel segno della modernità

La regina Elisabetta li ha nominati ufficialmente duca e duchessa di Sussex. Milioni davanti alla tv per il "royal wedding" e a migliaia nelle strade per applaudire la coppia che sfila in carrozza

Royal wedding, lo scambio degli anelli e le promesse. "Vi dichiaro marito e moglie" Il principe Harry e Meghan Markle si sono promessi amore eterno. Hanno pronunciato la formula di rito guardandosi negli occhi: "Nella buona e cattiva sorte, in ricchezza e povertà, in salute e malattia per amarsi e onorarsi finchè morte non ci separi". Poi lo scambio degli anelli "in segno del nostro matrimonio". A quel punto l'arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, li ha proclamati "marito e moglie" video Reuters

Il matrimonio di Harry e Meghan verrà ricordato per il tocco di alcune note modernissime, a cominciare dal sermone, pronunciato tutto a braccio, del pastore Michael Curry, primo afro-americano a guidare la Chiesa Episcopale americana: il sermone è stato travolgente, anche se si leggeva un po' di sbalordimento negli occhi del principe Harry e di qualche altro componente della famiglia reale.

Royal wedding, il bacio di Harry e Meghan fuori dalla chiesa Il principe Harry e Meghan sono usciti dalla cappella di St. George accompagnati dall'inno britannico, God Save the Queen. Prima di salire sulla carrozza Ascot Lindau trainata da quattro cavalli grigi che li porterà per le strade di Windsor, i due innamorati si sono scambiati un bacio sulle scale della chiesa video Reuters

IL PASTORE. Se Pippa Middleton fu la star a sorpresa del matrimonio di William e Kate, Michael Curry, primo afro-americano a guidare la Chiesa Episcopale americana, con il suo sermone alle nozze di Harry e Meghan ha conquistato gli animi di presenti e non. Nessuno si aspettava parole così veementi a un matrimonio reale britannico: con voce stentorea e appassionata, Curry ha parlato del "potere dell'amore", citando per prima cosa Marthin Luther King: "Dobbiamo scoprire il potere dell'amore, il potere salvifico dell'amore e quando lo faremo renderemo questo vecchio mondo un mondo nuovo".

Royal wedding, il reverendo americano Curry cita Luther King e legge dall'iPad Il discorso principale durante la cerimonia del rodyal wedding è stato pronunciato dal reverendo Michael Curry, 66 anni, americano, capo della Chiesa episcopale degli Stati Uniti d'America. Secondo la tradizione il ruolo sarebbe spettato a un membro anziano della chiesa d'Inghilterra. Il reverendo, che ha letto parte dell'orazione da un iPad, conquistando l'attenzione degli utenti sui social network, ha citato Martin Luther King. Nella sua autobiografia ''Songs My Grandma Sang'' - Le canzoni cantate da mia nonna, pubblicata nel 2015, racconta che la sua famiglia discende da schiavi e mezzadri della Carolina del Nord e dell'Alabama. video Reuters

Il pastore non si è risparmiato e ha fatto riferimento anche alla schiavitù, sottolineando il potere curativo della musica spirituale cantata dagli schiavi. Il tema è molto sentito dalla madre della sposa, Doria Ragland, i cui antenati arrivarono negli Usa in catene: "L'amore è la strada", ha concluso, benedicendo la coppia. Addirittura l'ex leader laburista britannico, Ed Miliband, ateo, ha scritto su Twitter "il reverendo Curry è quasi riuscito a rendermi credente". Commenti simili sono arrivati da altri utenti, increduli di trovare un pastore che parla di schiavi e che cita Marthin Luther King a un matrimonio reale. La stessa top model Naomi Campbell lo ha celebrato su Twitter: "Mi dà la vita". 

Royal wedding, Meghan Markle arriva in chiesa: la prima a percorrere la navata da sola Meghan Markle è arrivata alla Saint George Chapel. Velo lunghissimo e abito sobrio per l'ex attrice di Hoolywood, visibilmente agitato il Principe Harry. Per la prima volta nella storia della Casa reale la sposa percorre una parte della navata da sola. Per poi essere presa sottobraccio dal principe CarloReuters

IL VESTITO E IL VELO. molto semplice e rigoroso, con un ampio scollo a barchetta, molto classico, firmato Givenchy dalla designer inglese Clare Waight Keller. Era accompagnato da un velo lungo cinque metri, in tulle di seta, con ricamati tanti fiori quanti i 53 Paesi del Commonwealth. Lo sostenevano i gemelli, Brian e John Mulroney, 7 anni, figli di Jessica Mulroney, amica personale e wedding planner: sono i rampolli di una delle famiglie più in vista di Toronto (dove Meghan viveva prima delle nozze) e nipoti dell'ex premier canadese Brian Mulroney.

LA TIARA E IL BOUQUET. In diamante e platino prestata da Elisabetta II; era inizialmente una spilla della regina Maria ma fu trasformata in tiara nel 1932. Meghan, che indossava anche orecchini e un braccialetto in oro bianco e diamanti, aveva un bouquet con un tributo a Lady Diana: i suoi fiori preferiti, i "non ti scordar di me". Il principe Harry venerdì aveva raccolto fiori dal giardino privato di Kensington Palace da aggiungere al bouquet.

Royal wedding, al matrimonio arrivano i coniugi Clooney e Beckham Alla Saint George Chapel iniziano ad arrivare le stelle. Amal e George Clooney elegantissima in un abito stretto, sotto al ginocchio, a maniche corte color senape. Cappello in tinta a tesa larga e veletta. A pochi metri di distanza anche i coniugi Beckham. In scuro entrambi, l'ex Spice Girl diventata stilista di fama indossa un abito molto castigato con le maniche 'a mantella' e un cappellino velato dello stesso colore. Reuters

NIENTE OBBEDIENZA. Meghan non ha recitato la formula di "obbedienza" nella promessa di matrimonio e ha voluto attraversare metà della navata da sola, dimostrando forza e indipendenza.

Royal wedding, giro in carrozza e bagno di folla per Harry e Meghan Il principe Harry e Meghan Markle sono saliti in carrozza per il corteo nuziale dopo il matrimonio a Windsor. La loro uscita dalla cappella di St. George è stata accolta da grida di esultanza della folla. Le famiglie, con il principe Carlo accanto alla madre di lei, Doria Ragland, si erano intanto schierate sulla scalinata della chiesa per le foto e i saluti, al suono delle campane a festa video Reuters

LO CHIGNON IMPERFETTO. legati sulla nuca, con uno chignon basso, qualche ciocca di capelli sfuggiva alla presa e spuntava anche da sotto il velo. Un passo falso del parrucchiere, Serge Normant, o ancora il "marchio di fabbrica" di Meghan, a cui piace innovare? L'ex attrice, oggi duchessa di Sussex, si presentò a gambe nude il giorno del suo fidanzamento ufficiale; e a una serata di gala, a febbraio, ha sfoggiato un impeccabile smoking da uomo invece che il tradizionale abito lungo.
 

Royal wedding, la principessa Charlotte ruba la scena: irresistibile il saluto agli sposi Coroncina di fiori e vestito color pastello: ancora una volta ad attirare l'attenzione è Charlotte. La principessa, 3 anni, alla fine della cerimonia, si è fermata insieme alla famiglia reale sulla scalinata della cappella di St.George e ha salutato con entusiasmo Harry e Meghan che si allontanavano in carrozza Reuters

TRECCINE E DIAMANTINO AL NASO PER LA MADRE, DORIA RAGLAND. Nell'abito verde pistacchio Oscar de La Renta, la madre di Meghan è stata perfetta nel suo ruolo: ha passato con lei la notte prima delle nozze a Cliveden House, ha accompagnato la figlia in auto, ha versato qualche lacrima in Chiesa.
Imperdibili le treccine raccolte sulla nuca e il mini-diamante al naso.

Royal wedding, il coro gospel intona ''Stand by me'' Una versione gospel del celebre brano di Ben E. King. L'ha intonata in occasione del matrimoni otra Harry e Meghan il Karen Gibson and The Kingdom Choir dopo il sermone del reverendo americano Michael Curry. Fondato da Karen Gibson, il coro è composto da 20 elementi, tutti britannici. video Reuters


IL CORO GOSPEL. In piena cerimonia, poco prima che gli sposi si giurassero amore eterno, nella cappella gotica sono risuonate le note di Stand By Me, cantate da un coro Gospel. Indimenticabile anche il violoncellista, Sheku Kanneh-Mezon, appena 19enne.


CELEBRITIES "REALI". Sfolgoranti i Clooney, in giallo Amal, in grigio lui. Molto bella anche Oprah Winfrey, in abito fasciante rosa. Indimenticabile Kitty Spencer, la nipote modella di Lady D, che le assomiglia come una goccia d'acqua. Composte, e forse un po' deluse, le ex fidanzate del principe, Cressida Bonas e Chelsy Davy. Come sempre scura in volto, quasi torva, Victoria Beckham.

Royal wedding, i social non risparmiano nessuno: i commenti sono esilaranti Dall'ingresso dei primi invitati - tra cui David e Victoria Beckham e George e Amal Clooney - al vestito di Meghan Markle: sui social network e più di tutti su Twitter si sono moltiplicati i commenti ironici sul matrimonio dell'anno

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro