Quotidiani locali

Cronaca italiana, le storie del 13 febbraio

Mantova, via la cittadinanza onoraria concessa a Benito Mussolini il 21 maggio 1924. Lo sparatore di Pisa chiede scusa ai quattro feriti. L'esame per diventare commercialisti a Padova è cinque volte più duro che a Napoli

Mantova, via la cittadinanza al Duce

Mantova. «Dittatore e liberticida». Per questo ieri sera il consiglio comunale ha revocato la cittadinanza onoraria concessa il 21 maggio del 1924 a Benito Mussolini. La mozione di Pd, Sinistra italiana e Lista Palazzi è stata votata in modo pressoché compatto dalla maggioranza superando i mal di pancia che l'avevano attraversata alla vigilia. Contrari centrodestra, M5s e civici (Gazzetta Mantova).

Esame commercialisti, Padova boccia uno su due ma a Napoli passano 9 su dieci

Padova. I dati sono quelli che si trovano tra le statistiche pubblicate dal Miur e riferite al 2015 e sembrano confermare quel sentire diffuso e molto poco politically correct, per cui da Roma in giù superare gli esami sarebbe più facile, sia che si tratti di esami universitari, sia che in ballo ci siano abilitazioni professionali (Mattino Padova).

«Chiedo scusa ai quattro feriti ho esagerato»

Pisa. Dice di essere pentito. E chiede scusa. Con il giudice, però, non parla. Strategia o necessità per i legali di studiare una linea difensiva coerente in grado di alleggerire una posizione che definire compromessa è un eufemismo (Tirreno).

Prof di lettere in arresto per violenza sessuale su un'allieva di 18 anni

Trieste. L'episodio denunciato dalla presunta vittima si è verificato però all'istituto professionale Ial di via Pondares durante un open day di un corso per parrucchiere. Il docente ha preso parte all'evento insieme a una ventina di altre persone sottoponendosi alle prove di taglio delle studentesse. Si era offerto come "modello" per l'esercitazione. E in quell'occasione il professore avrebbe rivolto alcuni apprezzamenti a una ragazza, complimentandosi sull'aspetto fisico. Parole che, stando alla denuncia della diciottenne, sono rapidamente degenerati in commenti pesanti a sfondo sessuale e, infine, in veri e propri palpeggiamenti delle parti intime (Piccolo).

Il presunto plagio della Madia costa la testa al professore dell’Imt di Lucca

Lucca. L’onda lunga del caso della tesi di dottorato del ministro Marianna Madia non si ferma. Anzi, fa ballare chi si trova sul ponte, in bilico fra la politica e le guerre di posizione fra accademici. E, a forza di ballare, qualcuno ha perso l'equilibrio: è successo al professor Gilberto Corbellini, docente di bioetica e storia della medicina alla Sapienza di Roma, che ieri si è dimesso (o, meglio, è stato dimesso) dal suo posto nel consiglio direttivo di Imt, l'Istituto di alti studi di Lucca nel quale la responsabile della pubblica amministrazione ha studiato fra il 2005 e il 2008 e ha conseguito il dottorato con una tesi sulla flexicurity nel mercato del lavoro (Tirreno).

Lite nel negozio: «Mi ha offeso, ecco perché ho tirato fuori la pistola»

Livorno. Un cassiere racconta il faccia a faccia con la cliente che lo ha portato a tirare fuori un'arma di fronte ad una donna incinta. Poi si scusa: «Se avessi saputo che era incinta non lo avrei mai fatto» (Tirreno).

Quel magico pegno di Montale alla sua musa

Grosseto. Il giorno di San Valentino, Eugenio Montale, Vetulonia, il Museo Etrusco di Vetulonia, cosa fanno insieme? Persa nei diari del poeta tra mito e realtà, è la storia d’amore soprattutto epistolare con una giovane studiosa americana di origini ebraiche, Irma Brandeis. Montale scrive più volte a Irma di un amuleto che vorrebbe donarle. Un pegno misterioso che, simile agli oggetti magici delle leggende, possa sempre difendere dal male ed indicare la strada della luce. Ma di questo oggetto non si sono mai avute altre notizie certe. Ora grazie alla ricerca di un giovane italianista che insegna in Nuova Zelanda, l’amuleto è approdato al Museo Etrusco di Vetulonia (Tirreno).

L’orologio del manager controlla i dipendenti e l’azienda

Padova. Il controllo dei dipendenti sembra essere un must per il manager del futuro. E dopo Amazon e la Dab Pumps di Mestrino, tra Padova e Treviso sono per lo meno una decina le imprese che già testano strumenti smart di controllo dei lavoratori. Si chiama "Leader Watch", l'ultima proposta della società di consulenza e di sviluppo software padovana Modi Nuovi. È uno Smartwatch per dirigenti e imprenditori, che permette di monitorare non solo i dipendenti, ma tutti i dati della propria azienda (Mattino Padova).

Scandalo Mose: errori progettuali e lavori di pessima fattura

Venezia. Progettisti, imprese, direttori dei lavori e collaudatori delle opere del Mose dovranno adesso risarcire i danni e restituire i soldi. Una svolta, quella avviata dai commissari straordinari del Consorzio Venezia Nuova. Che hanno inviato in questi giorni due atti di «diffida e messa in mora» per gli errori riscontrati nel progetto della conca di navigazione a Malamoccoe della lunata del Lido (Nuova Venezia).

Nel “ristorante” dei nonni empolesi il cuoco ha 86 anni

EMPOLI. Si trovano ogni giorno, a tavola, tutti assieme. Sono anziani ma dentro si sentono ancora dei ragazzini. Così, per non rimanere soli, prima comprano il cibo ogni mattina e dopo mangiano allo stesso tavolo, grazie ai cuochi dell’Auser di Empoli (Tirreno)

Un fisico del Bo per andare oltre la “particella di Dio”

Padova. Sarà Roberto Carlin, professore all'Università di Padova e ricercatore all'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn), il coordinatore per i prossimi due anni del Cms (Compact Muon Solenoid) l'esperimento che, assieme ad Atlas, ha consentito la scoperta del famoso bosone di Higgs. Carlin coordinerà per due anni, da settembre 2018 ad agosto 2020, circa 5mila persone (Mattino Padova).

Niente mensa per i bimbi in ritardo con i pagamenti

Bondeno (Ferrara). La giunta comunale porta in consiglio il nuovo provvedimento anti morosità. Chi non è in regola escluso da tutti i servizi extra: anche dai trasporti e dal nido (Nuova Ferrara)

Ladro di offerte inseguito e bloccato da due nigeriani

Montecatini. Non appena il titolare della pasticceria ha chiesto loro aiuto, si sono lanciati all'inseguimento. Riuscendo a raggiungere e a bloccare il ladro che dal locale aveva rubato la cassetta con le offerte destinate al canile (Tirreno).

I mille volti del sindaco "trasformista" che ama prendersi in giro

Vaiano (Prato). Ci sono sindaci in giacca e cravatta e sindaci che ogni tanto si levano la fascia tricolore per indossare panni inusuali ed avvicinarsi ai cittadini, con ironia. Uno di questi è Primo Bosi, sindaco di Vaiano. Per il Carnevale vaianese 2018 lo abbiamo visto sfilare in catene per le strade del paese, "messo alla gogna" sul carro dedicato al medioevo. Ma sono tanti i travestimenti che hanno visto protagonista nelle più varie occasioni il sindaco "trasformista" (Tirreno).

+Europa, un chilo di Cannabis light in regalo: «No al proibizionismo»

Venezia. Un chilo di cannabis light, con valore di thc inferiore allo 0,2 per cento, è stata distribuita ieri all'auditorium Plip di Mestre a quanti hanno partecipato alla iniziativa di "+Europa", la lista che vede a Venezia come capolista Emma. L’iniziativa dopo che un negozio che vendeva il prodotto è stato chiuso dalle autorità per “carenze igienico-sanitarie” (Nuova Venezia).

Il Friuli che crede ai santoni

Udine. Un punto d'ascolto per aiutare le famiglie finite nella trappola di guru e santoni, pensato dalla Diocesi di Udine. Numeri alla mano, gli esperti rivelano che in Friuli ci sono due congregazioni di fanatici - nel 1998, in base a un'indagine del ministero dell'Interno, erano sette -, con un capo carismatico riconosciuto e un gruppo ristretto di persone (una decina) che ne fanno parte, ma soprattutto 120 «movimenti alternativi o nuove religioni che nulla hanno a che fare con quelle riconosciute» (Messaggero Veneto).

Quando lo Stato sociale aiutò a ricostruire il circolo musicale dopo il terremoto in Emilia

Finale (Modena). In paese si festeggia il podio del gruppo bolognese "Lo Stato Sociale" al del festival di Sanremo e il premio della critica. A Finale infatti il gruppo è conosciuto per aver partecipato alla ricostruzione del circolo musicale Lato B dopo il terremoto del 2012. Con molti altri gruppi e associazioni culturali emiliane Lo Stato Sociale suonò al festival "Abbassa" organizzato in fretta e furia nell'estate 2012 a Bosco Albergati per raccogliere 15 mila euro e poter riparare il tetto della vecchia scuola elementare di Canaletto che dal 1989 ospita come sala prove i musicisti di tutta la Bassa, e che oggi conta quasi 30 gruppi per circa 80 musicisti (Gazzetta di Modena).

Cancellato lo sportello per i disabili

Belluno. «Con un colpo di spugna si è ucciso un servizio prestigioso, che avrebbe meritato, invece, di essere potenziato e riqualificato. E il peggio sta nel fatto che il tutto è avvenuto nel più totale silenzio della comunità». Non usa mezzi termini Beppe Porqueddu, presidente dell'associazione Centro studi Prisma, per evidenziare la grave perdita subita dal mondo della disabilità bellunese dopo la chiusura dell'Ufficio informazioni e consulenza su accessibilità e ausili (Uicaa), che trovava spazio a Palazzo Piloni, sede della Provincia di Belluno e nel 2016 aveva aiutato 330 persone. (Corriere Alpi).

Migranti, Del Debbio finisce a giudizio

Roccalbegna (Grosseto). «Gli italiani hanno pagato per mesi prostitute, gioco e alcol ai migranti». Era questo il tweet con cui Matteo Salvini, leader della Lega Nord, rilanciò sui social network, in tempo reale, la puntata di Quinta Colonna (il programma tv di Paolo Del Debbio)dove partecipava come ospite in studio. E dove si parlava del servizio di accoglienza dei rifugiati coordinato dall'Arci di Grosseto . A raccontare queste cose c'erano i titolari della struttura ricettiva "La Meridiana" di Roccalbegna, dove erano stati sistemati i migranti arrivati dalla Nigeria. Quelli che, a loro dire, avrebbero rubato, non sarebbero stati seguiti né da operatori e nemmeno da uno psicologo, avrebbero portato alcolici nella struttura e anche una prostituta. Il tutto in tv, su Rete 4 e senza alcun contraddittorio. Il presidente dell'Arci Christian Sensi, assistito dall'avvocato Francesca Carnicelli, qualche giorno dopo ha presentato querela contro la trasmissione e la Procura di Grosseto ha chiesto il rinvio a giudizio per diffamazione a mezzo stampa nei confronti di Enrico Maria Santoro, 47 anni, titolare della struttura di Roccalbegna, del giornalista Paolo Del Debbio, conduttore della trasmissione e del suo inviato Valerio Minelli (Tirreno).

Un libro sul figlio che oggi avrebbe compiuto 18 anni

Pietrasanta (Lucca). Quando compi diciotto anni, la vita è solo uno splendido divenire in un luminoso giorno di festa. Ma per Marco Gabriele Benassi, i diciotto anni non potranno mai arrivare: un aneurisma cerebrale lo ha derubato della vita e di quel divenire solo sussurrato, tredici anni fa. Quel giorno, il

27 marzo del 2005, era Pasqua, Marco venne portato d'urgenza al pronto soccorso: quel mal di testa improvviso e doloroso non gli dava tregua e destò immediato sospetto fra gli stessi medici del Versilia: una Tac, la corsa al Meyer, Marco morì il mattino dopo. Aveva 5 anni (Tirreno).

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori