Quotidiani locali

Cronaca italiana, le storie del 18 gennaio 2018

L'imprenditore italiano scomparso in Messico; la nutrizionista contro gli hamburger di Bastianich; lo studente delle medie vittima di bullismo: cronaca dai quotidiani locali del Gruppo Gedi

Sculacciata dal superiore, non è reato
Vicenza. Reazioni contrapposte è destinato a suscitare l'oggetto di una controversa decisione del giudice di Vicenza. Il quale ha ritenuto che una sculacciata in ufficio data "con spirito goliardico" dal datore di lavoro a una dipendente, non costituisce reato. (Mattino di Padova)

«Due anni per degradarsi» Allarme per le buste bio
Pisa. Il processo di decomposizione inizia dopo sei mesi, e si conclude in due anni. Il messaggio dei ricercatori dell'università è questo: se le buste ecologiche di nuova generazione (quelle utilizzate per la raccolta del materiale organico) non si avviano al corretto smaltimento (che avviene tra 30 e 60 giorni a una temperatura di 60 gradi), diventano nocive per l'habitat terrestre, e ancora di più per quello marino. (Tirreno)

Imprenditore di Lucca scompare in Messico: "Sono in fuga, ho le ore contate"
Lucca. «Ho le ore contate, la situazione è drammatica: mi accusano ingiustamente di un omicidio». Il messaggio è di Alessandro Bozzato, l'imprenditore 53enne veneto-lucchese che vive "nascosto" in Messico. Lo ha scritto via Whatsapp alla sorella Erica Bozzato, che abita a Cavarzere (Venezia). Si muove la Farnesina, il Console in contatto con l'avvocata. (Tirreno)

Sessanta operai pronti a tagliarsi lo stipendio per evitare gli esuberi
Castelfiorentino. Disponibili a ridursi l’orario di lavoro per evitare gli esuberi. Oltre il 90% degli operai della Falegnami hanno sottoscritto un documento in cui accettano di convertire i loro contratti da full-time a part-time per salvare 29 operai dalla mobilità. (Tirreno)

«Volevo un figlio, mi ha licenziata». Il dentista: «Non l’ho discriminata»
Valdinievole. Una donna di 42 anni voleva rimanere in stato interessante e nel contempo ha scoperto un problema oncologico. Dopo un periodo di malattia per affrontare le prime cure, al suo rientro, è stata licenziata. Cgil pronta a impugnare la decisione dell’odontoiatra. Il dentista: licenziata per ragioni prettamente economiche. (Tirreno)

Mantova. Ucciso con 4 colpi di pistola
Mantova. L'assassino lo ha freddato con una raffica di colpi di pistola sparati a bruciapelo, almeno quattro quelli andati a segno sulla ciclabile del ponte di San Giorgio. Ucciso un commerciante 57enne. Accanto al corpo della vittima trovato un coltello: ha cercato di difendersi? Caccia al testimone. (Gazzetta di Mantova)

Alla nutrizionista non piace il panino firmato Bastianich
Udine. Non c’è davvero pace nel mondo gourmet. La nuova bordata parte a Joe Bastianch lanciata dalla biologa nutrizionista Marta Ciani nei confronti del giudice di masterchef reo di aver prestato la sua consulenza, e quindi tutto quello che può significare la sua immagine, al colosso McDonald’s. (Messaggero Veneto)

Bullismo alle medie, picchiato un ragazzino
Udine. È accaduto sabato all’esterno di un instituto cittadino. Tre compagni l’hanno aspettato fuori da scuola e preso a pugni. Le prime scaramucce a ricreazione, poi il pestaggio all’esterno. La mamma ha sporto denuncia alla polizia. I bulli hanno tra i dodici e i tredici anni. La vittima: "Parolacce e insulti: ora ho paura". (Messaggero Veneto)

Giudice caccia l’avvocato col velo
Modena. Asmae “Jasmin” Belfakir, 25 anni, praticante all’ufficio legale dell’Università di Modena, residente a Guiglia con la famiglia, neo laureata con il massimo dei voti, è stata allontanata dall’aula del tribunale amministrativo di Bologna. Il giudice, vedendola con il velo in testa, non le ha consentito di presenziare all’udienza a meno che non l’avesse tolto. Lei ha rifiutato. (Gazzetta di Modena)

Non pronuncia la parola amen: comunione vietata a fedele
Modena. Un battibecco che dura ormai da un anno sulla parola "Amen" pronunciata quando si riceve l'ostia. Da un lato, un fedele non vuole pronunciarla, ritenendo che la formula "Così è" sia più efficace e meno generica. Dall'altra il parroco di Bastiglia, don Mario Zaras non accetta lo "scambio" da parte del fedele e non gli permette di ricevere la comunione. (Gazzetta di Modena)

Vasco cittadino onorario di Modena: "Grazie Modena, per Modena Park"
Modena. A Vasco Rossi consegnate le chiavi della cità. Lui ringrazia: «Modena Park , è stato un evento Unico et irripetibile che, con 225.000 biglietti venduti, ha stabilito il record mondiale. Un Record assoluto che pone Modena Park al 1° posto negli eventi musicali di tutti i tempi». (Gazzetta di Modena)

Lanzani presenta la retina hi-tech «Vista ai ciechi»
Milano. Il professore Guglielmo Lanzani sta mettendo a punto una protesi composta da materiali organici in grado di restituire l'acuità visiva ai pazienti diventati ciechi a causa di retiniti pigmentose o degenerazioni maculari. L'apparecchio è ancora in fase di sperimentazione, ma per ora sembra funzionare benissimo su ratti e maiali. (Provincia Pavese)

Padova, in nove mesi sono “morti” 170 bar e ristoranti
Padova. Nei primi nove mesi del 2017, in base ai dati forniti direttamente da Infocamere, tra Padova e provincia, sono "morti" 170 locali pubblici. Tasse, affitti e bollette i principali motivi. Appe: «I costi di gestione sono diventati proibitivi». (Mattino di Padova)

Sfide a testate ad armadi e lavagne
Padova. Una "moda" dilagante nelle superiori: vince chi dà la craniata più violenta ad armadietti, pareti perfino ai distributori delle merendine: il tutto ripreso e pubblicato da una pagina web. Sono un tantino inquientanti le immagini postate, con manifesto orgoglio: una bella rincorsa e sbang, la crapa si schianta contro la lavagna, rimbalzo compreso. E tutti a ridere. (Mattino di Padova)

Trieste, stanati tremila furbetti delle rette
Trieste. 3 mila ingiunzioni ad altrettanti utenti che si sono dimenticati di saldare qualche balzello collegato a servizi comunali. 1,5 milioni di euro da pagare. La metà delle gabelle da recuperare riguarda le attività educative gestite dal Municipio: bollette inevase di "nidi", integrazione scolastica, mense. (Piccolo)

Roberta e Stefano: la coppia di Salgareda che ha scelto l'autoproduzione
Treviso. Roberta e Stefano e la loro scelta di vita fatta 8 anni fa: «Ci autoproduciamo quasi tutto il cibo che mangiamo: dalla carne, alleviamo galline, alle verdure che coltiviamo, fino alla produzione delle farine per pane e dolci. Non ci facciamo mancare neppure il vino che ovviamente autoproduciamo». (Tribuna di Treviso)

Treviso, controllore di trenitalia picchiato e condannato
Treviso. Il controllore le ha prese. Ma intanto è stato condannato per tentata violenza privata nei confronti di un viaggiatore nigeriano, che aveva fatto scendere dal treno, perché non aveva un biglietto valido in mano. (Tribuna di Treviso)

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO

Sconti sulla stampa e opportunità per gli scrittori