Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Azzurri, primo round per evitare l’inferno

Stasera l’andata in Svezia, Ventura: «Fondamentale far gol»

I tempi cambiano. Dieci anni fa eravamo campioni del mondo in carica e uno spareggio come quello di stasera con la Svezia sarebbe stato una formalità, non l’apocalisse preconizzata dal presidente federale Carlo Tavecchio. Dieci mesi fa se Simone Zaza si fosse fermato, come è successo ieri nella rifinitura a Coverciano (per il riacutizzarsi di un problema al ginocchio sinistro), la patria pallonara non si sarebbe strappata i capelli, tanto c’erano già un Andrea Belotti che segnava a raffica e un Lorenzo Insigne sempre più in versione “Il Magnifico” con il Napoli: oggi il primo è solo un’alternativa (accanto a Ciro Immobile) nel caso Zaza non ce la facesse, il secondo finirà in panchina, sacrificato sull’altare della tattica e di un modulo che non digerisce, il 3-5-2.

Il ct si è dedicato anche alla tattica. Se infatti la diga difensiva davanti a Buffon è già stata tracciata, il capitolo Zaza è determinante in attacco: «Ha avuto un piccolo problema, ma non disperiamo. Se sta bene gioca, altrimenti cercheremo di recuperarlo per lunedì», ha spiegato Ventura con parole che dettano un indizio. Un attaccante come l’ex juventino, vice Pichichi nella Liga (alle spalle del capocannoniere Messi) con la maglia del Valencia, serve eccome, ora che ha ritrovato la strada del gol. L’alternativa? Eder, ma soprattutto Belotti: «Sta decisamente meglio, non era al massimo della condizione ma ha lavorato e se c’è bisogno di lui penso possa dare il suo contributo», ha concluso il tecnico che stasera non potrà contare per un affaticamento muscolare su Spinazzola sulla fascia sinistra (al suo posto Darmian), mentre a destra ci sarà regolarmente l’interista Candreva per completare una mediana che ruoterà attorno a Parolo, Verratti e De Rossi.

Il signor Çakir, l’arbitro turco che dirigerà la gara, non potrà contare invece su Var e Goal line technology. Stranezze della Fifa con un Mondiale in ballo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA