Quotidiani locali

Cronaca italiana, le storie del 15 agosto 2017

La protesta dei richiedenti asilo a Cona, la mamma della famiglia più numerosa d'Italia picchiata e derubata a Padova, il meccanico che ora vive con 90 capre. Ecco le storie di oggi dai giornali Finegil

Tensione a Conetta, i migranti bloccano la strada Cona
Ferragosto di protesta e tensione per i migranti all'ex base militare di Conetta. Dalle 6 un centinaio di richiedenti asilo ha lasciato le strutture della base e si è riversato lungo la strada di accesso, bloccando il transito sulla provinciale Cona-Rottanova. Tra i motivi della protesta, i tempi lunghi di permanenza nell'ex base prima di ottenere i documenti (La Nuova Venezia)

Con l'auto travolge il figlio di un anno
Modena. Il piccolo è stato investito dall’auto condotta dal padre che stava effettuando una manovra nel cortile davanti la loro abitazione. Si trova in prognosi riservata (Gazzetta di Modena)

«Facevo il meccanico adesso vivo in una malga con le mie novanta capre»
Giovanni De Conti ha preso in gestione la malga Fossa de Bena, a qualche chilometro da Polcenigo, incastonata al confine con il Cansiglio. Prima di dedicarsi completamente al suo gregge composto da una novantina di camosciate alpine, faceva il meccanico e non ha nessuna intenzione di tornare indietro (Il Messaggero Veneto)

Picchiata e rapinata in stazione la mamma dei record
Padova. Vittima dell’aggressione Alessandra Bortoletto Calò, madre di 14 figli. Lo sfogo su Facebook: "Mi sono anche dovuta pagare il ticket di 61 euro per le cure in pronto soccorso" (Il Mattino di Padova)

Sequestrati rifiuti radioattivi, forse destinati all'Africa
Livorno. Dispositivi elettronici contenenti materiale radioattivo. È quello che è stato scoperto dall'Arpat in una società livornese che svolge attività sia di commercio che di intermediazione di rifiuti. Si tratta di ispezioni e verifiche strumentali compiute in primavera ma finora non ne era emersa notizia. Nel magazzino c'era anche  materiale proveniente da basi Nato (Il Tirreno)

Parlare di morte davanti a un tazzina. Nasce il Death café
Mantova. L'idea dei caffè della morte arriva da Londra. Iniziativa dell'associazione La Stanza di Psiche "per superare il tabù del poter parlare della morte in totale libertà" (La Gazzetta di Mantova)

Modena, l'altro Ferragosto
Modena. Ponte di Ferragosto. Sono i giorni in cui la città  si presenta semideserta e anche chi ha atteso fino all’ultimo, almeno per questa festa di mezz’estate, sceglie di lasciare per un po’ la città. Ma ci sono zone in cui, invece, nulla cambia. Sono quelle dove si nasconde l’emarginazione che non va mai in ferie. (Gazzetta di Modena)

Museo delle scritte sui muri
Pavia. Parlano i mattoni della Pavia d’agosto. E ora, per non perdere queste scritte che, per loro natura, sono effimere,  è nato Scripta manent, un museo virtuale per perpetuare la memoria delle scritte più belle. Pur sempre
atti vandalici, che spesso deturpano il paesaggio, che tuttavia spesso diventano parte del clima di una città. (La Provincia Pavese)

Il paese con più lavoratori che abitanti
Portobuffolè è il paese più piccolo della Marca (e uno dei borghi più belli) e, in proporzione, la zona industriale più grande. Gli abitanti qui sono pochi, appena 755. Ma i lavoratori risultano essere 771. (La Tribuna di Treviso)

Poveglia, l'isola abbandonata
Ha un profilo che fa sognare quando è inondata dai colori della laguna e sembra sospesa sull'acqua. Oggi da lontano sembra una nuvola verde da cui spunta un campanile a forma di perfetto cono rovesciato, punteggiato di mattoni bianchi. È l'Isola di Poveglia, tra le più amate dai veneziani e da chi ancora la ricorda come ospedale. È grande in tutto sette ettari e si trova di fronte a Malamocco. Nell'estate 2018 verrà indetta la seconda asta per comprare l'isola per 99 anni. La prima è stata nel 2014, ma le offerte vennero ritenute incongrue e Poveglia rimase in

uno stato di abbandono.(La Nuova Venezia)

L'anniversario. Moriva 25 anni fa Giorgio Perlasca
Padova. Salvò migliaia di ebrei in Ungheria fingendosi un console. Moriva 25 anni fa il padovano che salvò migliaia di ebrei (Il Mattino di Padova)
 

TrovaRistorante

a Livorno Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista