Quotidiani locali

LIBRI

«La mia vita con Lloyd sui social e sulla carta» 

Un’opera di esordio che diventa un caso letterario. Approda a Grosseto il giornalista e scrittore Simone Tempia ospite di EdicolAcustica 

GROSSETO. In una notte insonne un giovane giornalista che scrive per Vogue Italia, ma sin da quando aveva 14 anni sogna di diventare scrittore, inizia a dialogare con un maggiordomo immaginario di nome Lloyd.
In questi miniracconti in forma di dialogo l’autore, Simone Tempia, nato a Borgosesia (Vercelli) nel 1983, affronta con Lloyd tutti i dilemmi e le situazioni vissute realmente nella vita quotidiana e parla di temi universali come l’amore, il dolore, la ricerca della felicità.

I like crescenti degli amici che leggono questi miniracconti sul suo profilo privato di Facebook lo spingono ad aprire sul social network una pagina dedicata ai dialoghi col maggiordomo immaginario.
La pagina “Vita con Lloyd”, nata nel 2014, è oggi una comunità di 81.000 persone ed è in continua crescita. Inoltre molti di quei contenuti pubblicati sul social network hanno dato vita al libro d’esordio di Simone Tempia, edito da Rizzoli Lizard.

Il 20 aprile alle 17 Simone Tempia è ospite dell’edicola di Michele Scuffiotti in piazza Ferretti per il format “Il libro delle cinque”. Prima la presentazione di Vita con Lloyd insieme a Scuffiotti e Alberto Guazzi, poi il firmacopie per i lettori, a ciascuno dei quali il giovane scrittore regalerà una dedica personalizzata.

Tempia, come nasce la figura del maggiordomo immaginario?
«Come succede nelle notti insonni ero un po’ obnubilato e ho immaginato di dialogare con Lloyd proprio sulla mia insonnia. Il primo post sul mio profilo privato ha avuto venti like, per me un record, e ho intuito che la cosa poteva funzionare. Nel novembre 2014 ho creato la pagina Facebook Vita con Lloyd dove io non pubblico tutti i dialoghi che scrivo. Ci sono persone che mi aiutano a scegliere cosa pubblicare e cosa no. Anche senza lo sbocco del libro che è arrivato in un secondo momento questo è un progetto editoriale e letterario curato in ogni dettaglio».

I contenuti sono ispirati alla sua vita?
«In realtà non è solo un’ispirazione. Parlo con Lloyd di tutto ciò che mi accade normalmente nella vita vera. Anche le piccole miserie quotidiane diventano dialoghi con Lloyd. Il libro non si limita a mettere su carta i contenuti della pagina Facebook e per questa scelta ringrazio la casa editrice che mi ha aiutato a strutturarlo e mi ha affiancato un editor come Pasquale La Forgia».

Come è stato il passaggio dal social network alla carta?
«Il primo anno mi ero dato come obiettivo della pagina 10.000 lettori, invece ne ho raggiunti 20.000. Il secondo obiettivo era trovare una casa editrice importante e anche questo è andato in porto. Addirittura è stata la stessa Rizzoli Lizard a propormi di far illustrare il libro da Tuono Pettinato, tra i pù quotati autori di fumetto in Italia. È sempre stato il mio sogno collaborare con lui ma il libro è comunque autonomo rispetto alla pagina Facebook».

Come si spiega da scrittore esordiente il successo del libro di cui si sono occupate anche le testatenazionali come il Tg1 e il Corriere della Sera?
«Il successo del libro lo fanno i lettori. Intorno a “Vita con Lloyd” ci sono tante persone entusiaste e interessate che lo leggono e lo consigliano e che organizzano presentazioni. Ho portato il libro nelle librerie ma anche nei ristoranti e perfino in un negozio di parrucchieri. Finora non mi era mai capitato di presentarlo in edicola e ne sono molto felice. I lettori hanno il merito di tutto ciò. Sono molto contento che la casa editrice non abbia previsto fascette per il libro per segnalare che è legato a una pagina Facebook. Vita con Lloyd non è un oggetto di merchandising ma un progetto letterario vero».

C’è già in cantiere un nuovo progetto?
«Ho sempre scritto e continuo a scrivere, è ciò che voglio fare. Il seguito ci sarà ma non sarà un supplemento con nuovi dialoghi: non avrebbe senso e non sarebbe rispettoso dei lettori. Sarà un progetto con un’impostazione e un taglio diverso e l’uscita è prevista a breve».
Per conoscere

Simone Tempia e la sua vita con il suo maggiordomo immaginario Lloyd appuntamento giovedì 20 aprile  alle 17 all’EdicolAcustica, progetto culturale di cui lo stesso Tempia si dichiara orgoglioso sostenitore anche tramite il crowdfunding, pur vivendo e lavorando a Bergamo.
 

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista