Quotidiani locali

us grosseto 

Il Grifone ricomincia a sudare «Concentrati sin dall’inizio»

Prima seduta del nuovo gruppo, il tecnico indica la strada in campionato e Coppa Favorite, schemi, mercato. Il ds Bicchierai: «Ci manca un terzino classe 2000»

GROSSETO

Vacanze finite anche per il Grifone, che da ieri pomeriggio ha cominciato a sudare, in vista di una stagione che tutti sperano essere migliore di quella precedente. Dal ritiro di Santa Fiora di un anno fa alla preparazione allo Zecchini di quest’anno, tanti sono i cambiamenti in casa unionista, a cominciare dall’allenatore (Sebastiano Miano), passando per i giocatori, con ben 8 volti nuovi rispetto a 12 mesi fa e in attesa che si possa sbloccare la situazione relativa a Cretella.

«Finalmente si comincia – racconta un Sebastiano Miano, un filo emozionato – la società ha fatto un mercato importante e anche se non è ancora del tutto completato, sono contento di poter cominciare a lavorare sul campo. Ho a disposizione un gruppo di giocatori importanti, abbiamo preso quelli che volevamo per completare la squadra, adesso tocca a noi. Tocca a noi dimostrare sul campo e con i fatti, che l’operato sul mercato è stato buono. Domenica dopo domenica, sapendo che nessuno ci regalerà niente, a cominciare dalla Coppa Italia, perché non abbiamo intenzione di snobbare nulla. L’importante da oggi è stare sul pezzo, concentrati su quelli che sono i nostri obiettivi».

Quali squadre immagina possano mettersi di traverso quest’anno? «La solita Cuoiopelli, il Fucecchio e anche il Piombino, secondo me sono sulla carta quelle più temibili. Anche il Poggibonsi, ma bisogna vedere se sarà o meno nel nostro girone».

Come pensa di far giocare la squadra? «Vediamo strada facendo. Ma l’idea è quella di metter i 3 under, in porta e come terzini bassi. Ma ho tanti bravi giovani qui con me, anche in altri ruoli, vediamo dai. Abbiamo appena cominciato».

Poi è la volta di Egidio Bicchierai, uomo mercato dei Ceri: «Ci mancherebbe ancora un terzino destro del 2000, ma abbiamo deciso di vedere prima come sono questi ragazzi che abbiamo a disposizione e soprattutto Cantore, che è uno dei nuovi under (arriva dal Francavilla, ndr). Se salta Cretella? Vedremo con la società se rimanere così, o andare a cercare un sostituto. Ma è prematuro parlare di questo. Noi abbiamo cercato di fare una squadra importante. Sappiamo che c’è molta pressione su di noi, ma questo è normale quando metti questa maglia. Personalmente sono contento di essere tornato a lavorare qua, anche se è molto diverso dalla prima volta con Camilli. Oggi si lavora molto di più coi giovani, ma l’obiettivo resta sempre lo stesso, ovvero quello di riportare il Grosseto in categorie più consone. Per farlo però, dovremo vincere sul campo, con grande umiltà».

Chiude Raffaele Ferioli, confermato come preparatore dei portieri: «È un grande onore essere di nuovo qui. Sono contento di poter ricominciare a lavorare con questi ragazzi. Ho un nuovo allenatore, Miano, con cui mi confronto quotidianamente senza alcun problema. È un tecnico umile, ma molto preparato e con le idee chiare sui metodi di lavoro, cui io

mi devo solo adattare, per cercare di dargli i ragazzi nelle condizioni migliori possibili. Poi sarà lui ovviamente a scegliere chi mandare in campo. Circa Martelli, l’ultimo arrivato dal Pontedera, non lo conosco, ma ne parlano tutti molto bene. È un 2001, che potrà tornare utile». —

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro