Quotidiani locali

Prende forma il San Donato delle meraviglie. Attacco atomico con Angelini capocannoniere

Confermato mister Tommasi, il Sant’Andrea fa shopping in casa Albinia: arrivano Sgherri, Bartalucci, Russo e Minucci 

SAN DONATO. Sta prendendo corpo il San Donato delle meraviglie. La società del presidente Luca Teglia è la autentica regina del mercato ed ha messo a disposizione del nuovo allenatore Francesco Ripaldi un organico dove nessun traguardo sembra precluso neanche in un campionato di alto livello come quello di Promozione.

L’attacco può essere definito atomico visto che ad Angelini, capocannoniere dello scorso campionato di Promozione e ai due gemelli Andrea e Luca Negrini, adesso il ds Donato Zauli ha affiancato Filippo Ferrari.

Un ingaggio importante anche se Ferrari è reduce da un lungo infortunio e dovrà recuperare il ritmo agonistico ma sulle qualità tecniche di questo giocatore non ci sono dubbi e sotto la guida di un tecnico di valore come Ripaldi potrebbe diventare un grande valore aggiunto.

Dal Grosseto è arrivato anche Giulio Faenzi, il giocatore ideale per rimpiazzare Tamalio e soprattutto per dettare il ritmo e le geometrie di gioco. Qualche anno fa Faenzi era già stato molto vicino al San Donato ma poi le strade non si incrociarono perché il giocatore preferì andare a Roselle dove contribuì alle fortune della società dei Ceri. Quella decisione di Faenzi non venne accolta benissimo dall’entourage del San Donato ma ormai è acqua passata, la società biancoverde e il giocatore hanno trovato l’accordo e sono sicuri che questo matrimonio sbocciato a distanza di qualche anno da quando doveva essere celebrato darà frutti importanti.

Si profila un derby entusiasmante con l’Albinia che ovviamente non è stata a guardare. La società del presidente Cristiano Vettori ha rinforzato la rosa a disposizione del riconfermato allenatore Michele De Masi con Lupi e Kacka, vecchia conoscenze dell’allenatore grossetano ai tempi del Roselle, oltre al promettentissimo Simone Troncarelli, classe 2000, con alle spalle già un anno di esperienza in Promozione con il Fonteblanda e Manzella proveniente dall’Alberese.

In Prima categoria il Sant’Andrea reduce dalla stagione dei record sembra seguire la strategia vincente della Juventus, quindi malgrado lo strepitoso successo conseguito in Seconda categoria la società del presidente Claudio Cosi sta attuando una politica di parziale rinnovamento. In panchina è stato confermato Luciano Tommasi, il mercato in entrata segnala l’arrivo dello storico ex capitano dell’Albinia Federico Sgherri. Dalla società rossoblù sono arrivati anche il forte difensore Bartalucci classe 1998, il quale malgrado la giovane età vanta già una esperienza significativa alle spalle avendo fatto parte anche del Roselle delle meraviglie. Sempre dall’Albinia è giunto il centrocampista Russo, classe 1998 e il pari età Minucci, un promettente portiere che però potrebbe trovarsi a misurarsi con Bigoni, ex numero 1 della Pianese e del Grosseto con il quale è in corso una trattativa per portarlo alla corte di mister Tommasi.

Tra i big dello scorso anno non ci saranno più Cedroni tornato nella “sua” Argentario e Salvini che ha sposato il progetto dell’Orbetello che sotto la guida tecnica di Riccardo Berni vuole finalmente risorgere dalla Seconda categoria. Anche i portieri Ritondale e Saletti sono alla ricerca di altre strade. Il forte attaccante Giuseppe Paoloni è stato per alcune settimane l’uomo mercato, la sua destinazione veniva data con insistenza a Manciano con le possibili alternative di Sorano e della matricola della seconda categoria San Quirico ma alla fine Paoloni ha superato il confine e

si è accasato a Valentano nel campionato di prima categoria laziale.

Tornando al Sant’Andrea voci che filtrano dalla società fanno sapere che se andranno in porto le trattative con un paio di giocatori di assoluto valore il mercato potrebbe considerarsi chiuso.
 

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro