Quotidiani locali

Il Monterotondo vola sulle ali dell’entusiasmo

Trasformato l’incubo dei playout nel sogno dei playoff L’Albinia vincitrice del derby cerca un altro successo

GROSSETO. In poche settimane il Monterotondo ha trasformato l’incubo dei playout nel sogno dei playoff, grazie alle tre vittorie ottenute nelle ultime quattro partite la squadra di Nicola Ballerini può davvero pensare in grande.

Oggi al “Pian di Giunta” di Monterotondo arriva il Fratres Perignano e in caso di vittoria Ferretti e compagni aggancerebbero in classifica la formazione pisana facendo verosimilmente ingresso in zona playoff.

A gettare acqua sul fuoco si impegna il presidente Stanghellini che non perde di vista l’obiettivo primario della salvezza e per evitare voli pindarici dice: «Noi siamo una squadra operaia che può fare qualcosa di buono se scende in campo per fare la propria onesta partita. Se però pensiamo di essere diventati troppo bravi è la strada sbagliata». Stanghellini spiega: «Dobbiamo restare con i piedi per terra per non rischiare di svegliarci amaramente contro il Fratres Perignano».

La compagine pisana ha ingaggiato Bonamici dall’Atletico Etruria, un attaccante che recentemente ha festeggiato i 200 gol realizzati nei campionati di Promozione e Eccellenza e ciò rappresenta un grosso pericolo per il Monterotondo. Per questa partita Ballerini dovrà rinunciare all’infortunato Pacini. Un’altra squadra che viaggia sulle ali dell’entusiasmo è l’Albinia reduce dall’incredibile vittoria nel derby contro il Fonteblanda quando i rossoblù sono stati capaci di rimontare dopo essere stati sotto di due gol.

Oggi al Combi arriva l’Atletico Etruria ultimo in classifica e per Michele De Masi c’è la concreta possibilità di conquistare la terza vittoria in tre partite sulla panchina dell’Albinia. De Masi mette in guardia dalle insidie di questa partita: «L’Atletico Etruria non è affatto una squadra in smobilitazione. Domenica scorsa ha fatto soffrire una big del campionato come la Pecciolese ed ha rimpiazzato tutti i giocatori che sono andati via». Nell’organico a disposizione di De Masi ci sono alcune novità di rilievo, Tuoni è andato al Grosseto mentre è arrivato Serdino che De Masi conosce bene per averlo già allenato a Roselle e quindi l’allenatore dell’Albinia è intenzionato a schierarlo immediatamente titolare mentre Rosati ha recuperato dall’infortunio ma non è ancora pronto completamente e quindi andrà in panchina.

Il San Donato continua il proprio campionato costantemente a ridosso della zona playoff. Oggi nella trasferta di Cascina è in programma un’altra tappa cruciale, Alberto Corti non potrà più disporre di Vento andato al Grosseto e di Vigni che ha preso la destinazione di Alberese. Queste partenze non sono state rimpiazzate ma Corti si consola: «Luca Negrini sta andando sempre meglio dopo avere smaltito l’infortunio». La partita sarà particolarmente impegnativa per il San Donato anche in considerazione del fatto che sulla panchina del Cascina farà l’esordio Maurizio Hemmy, vecchia bandiera della formazione nerazzurra. Il Fonteblanda è atteso sul campo del Donoratico e l’allenatore neroverde Francesco Ripaldi è esplicito: «È una trasferta fondamentale visto che i punti da recuperare per arrivare alla salvezza diretta cominciano ad essere molti».
Oltre agli infortunati Boni, Melchionda e Negrini sarà assente anche Censini per squalifica ma Ripaldi rimane ottimista: «Ho ampia fiducia e stima del mio gruppo, la squadra sta dando il massimo ed è viva, per cui sono convinto che risaliremo la classifica».

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon