Quotidiani locali

Schiodarsi dallo “0” Ma contro la Robur l’impresa è ardua

Il Gavorrano è di fronte a un bivio dopo il turno di sosta Da valutare le condizioni di salute di Cristian Brega 

GAVORRANO. Schiodarsi dallo zero in classifica e incominciare a dare un senso al proprio campionato. È con questi obiettivi che stasera, fischio d’inizio ore 20, 30, il Gavorrano attende allo Zecchini una Robur Siena in gran spolvero, e comodamente al secondo posto in classifica. La quarta giornata del girone A di serie C, per l’undici maremmano di Vitaliano Bonuccelli sembra comunque una gara che porta ad un bivio: quello che chiede il tecnico viareggino ai suoi è lasciarsi in fretta alle spalle incertezze e paure, e iniziare a ragionare come la categoria chiede.

La sosta, dopo i due stop consecutivi subiti da Salvadori e compagni, in questo caso potrebbe essere stata utili: dentro le quattro mura dello spogliatoio molto probabilmente tecnici e giocatori avranno avuto modo di confrontarsi, di analizzare quello che va e quello che non funziona. Insomma, ragionare e capire dove migliorare, con la condizione fisica che andrà maturando con il passare delle giornate. Stasera però, i rossoblù hanno di fronte una squadra che vanta un passato recente glorioso, e che nel giro di qualche anno vorrebbe rinverdire, magari pensando di tornare addirittura in serie A. Ma la gara si gioca anche sulla tattica.

Nel Gavorrano il tecnico Vitaliano Bonuccelli in settimana ha difeso il suo modulo che tante soddisfazioni ha regalato negli scorsi anni, basta vedere la cavalcata vincente in serie D a suon di vittorie e gol.

«Non cambiano modo di giocare – ha sottolineato il Condor nel presentare il match con il Siena – Cambiare atteggiamento quello sì, serve una concentrazione totale per tutti i 90’, dobbiamo capire che in serie C se sbagli poi ti castigano. Noi eravamo abituati anche a rimontare, in categorie del genere è più difficile. Solo rimanendo uniti possiamo guardare al futuro». A preoccupare però in casa mineraria sono le prime assenze.

Fuori quasi sicuramente per almeno tre mesi il mediano Francesco Marianeschi, operato in settimana per una pulizia calcaneare: l’intervento è andato bene, ma per rivedere in campo l’ex Grosseto ci vorrà comunque tempo, forse ad inizio del nuovo anno. E poi si è fermato anche il difensore centrale Leonardo Bruni, cosa che costringerà il mister unionista a rivedere il pacchetto arretrato. Da valutare poi in attacco la condizione di Cristian Brega: il centravanti ha lavorato a parte ad inizio settimana per poi riaggregarsi al gruppo. Primi intoppi di una stagione molto lunga, ma la squadra ha diverse soluzioni soprattutto con i tanti giovani a disposizione del tecnico, che hanno sicuramente voglia di mettersi
in mostra e dare il proprio contributo.

Nel Siena occhio al reparto avanzato: Alessandro Marotta è il pericolo pubblico numero uno, spalleggiato da Samuele Neglia. In arrivo da Siena sono annunciati circa 400 tifosi bianconeri.

Enrico Giovannelli

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

I SEGRETI, LE TECNICHE, GLI STILI

La guida al fumetto di Scuola Comics