Quotidiani locali

Banca Cras stende il Cgc Notte di emozioni forti

Hockey A1: tre punti di platino in chiave playoff per il quintetto azzurro Due pali per i viareggini ma anche due traverse per Marinho prima della sirena

FOLLONICA. Ma che partite fai Banca Cras! Il Follonica di Federico Paghi, senza Mario Rodriguez, costretto in tribuna dall’infortunio al polso, stende il Cgc Viareggio per 7-5 e si regala una notte da sogno nella ventitreesima fatica del campionato di serie A1 di hockey su pista.

Il derby del Tirreno ha regalato spettacolo, emozioni forti e qualche polemica, ma soprattutto tre punti di platino per la truppa azzurra in chiave piazzamento play off.

I bianconeri di Alessandro Bertolucci invece, hanno dovuto alzare bandiera bianca su una pista, il Capannino, che soffrono maledettamente, pur giocando per lunghi tratti ad un ritmo elevato, fermati da un Giovanni Menichetti in alcune fasi monumentale. Pronti via e azzurri in vantaggio. Marinho si gira in area disorientando la marcatura di Costa, con la conclusione bassa del portoghese che bacia il palo alla sinistra di Barozzi e si insacca. Il Follonica non ha nemmeno il tempo di esultare che il Viareggio pareggia.

L’ex tanto amato Mirko Bertolucci scende centralmente e piazza un tiro morbido che va a morire esattamente all'incrocio dei pali. 1-1 e siamo solo nel terzo minuto di gioco. La squadra del Golfo è comunque in serata e ribatte colpo su colpo. L'intervento di Montigel sull'incursione di Marinho è da rigore. Fede Pagnini rimane concentrato e saetta in rete all'ottavo. Novanta secondi dopo Davide Banini spinge il contropiede e poi da sinistra spara la botta: la pallina centra il palo interno, carambola sulla schiena di Barozzi e s'insacca, con il portierone della Nazionale che proprio non può farci nulla. E' un Follonica da stropicciarsi gli occhi, troppo per i versiliesi.

Ale Bertolucci chiede così ai suoi di alzare il pressing, e fino alla fine del tempo il Cgc Viareggio, è come un animale ferito che smania per recuperare, senza riuscirci sbattendo su Menichetti che ci mette del suo: emblematica una parata incredibile su Costa, volando da palo a palo. Nel finale Marinho centra anche un legno, un'azione che manda le squadre al riposo. Il Viareggio rientra in pista con il sangue agli occhi. A spingere i bianconeri è Muglia: appena 38 secondi e la deviazione sul tiro da lontano di Costa è vincente. Poi ancora Muglia spreca la punizione sul blù a Pagnini, fallo su Montigel, e parata di Menichetti. Ma il numero 81 si rifà in power play, girando al volo l'invito di Bertolucci da destra per il 3-3. Proprio Mirko, dopo le proteste di Saavedra per un fallo subito e non fischiato, in slalom gela il Capannino e porta avanti i suoi sul 4-3. Saavedra non ci sta, e pareggia immediatamente infilandosi in area per il 4-4. Muglia al 13' riporta avanti i versiliesi, ripresi da Marinho al 16' che sfrutta sulla ribattuta la punizione del 10° fallo ospite. Si va verso il finale thrilling. Gavioli centra il palo, e anche Rubio su punizione, 10° fallo Follonica, prende il montante. Banini segna il 6-5 con Pagnini che sbaglia il rigore e Marinho, blù a Montigel, prende due traverse consecutive prima di mettere dentro a porta vuota il definitivo 7-5.

Gli altri risultati di A1: Breganze-Bassano 3-4, Lodi-Giovinazzo

4-2, Forte dei Marmi-Monza 6-1, Cremona-Valdagno 2-5, Trissino-Sarzana 2-4, Correggio-Sandrigo 2-2.

La classifica: Lodi e Forte 53; Viareggio 46; Breganze 40; Follonica 38; Bassano 37; Valdagno 32; Monza 31; Trissino 28; Sarzana e Correggio 25; Giovinazzo 18; Cremona 16; Sandrigo 11.

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PROMOZIONI PER GLI AUTORI, NOVITA' ESTATE 2017

Stampare un libro, ecco come risparmiare