Menu

di Enrico Giovannelli

6 LANNI Becca tre gol e non fa nemmeno una parata degna di nome. Nel primo tempo è spettatore, e subisce il pallonetto beffardo dell’1-0. Nulla da fare sul rigore del raddoppio, e sul tris con palla...

6 LANNI Becca tre gol e non fa nemmeno una parata degna di nome. Nel primo tempo è spettatore, e subisce il pallonetto beffardo dell’1-0. Nulla da fare sul rigore del raddoppio, e sul tris con palla a giro, di uno scatenato Paulinho.

5,5 DONATI Rimane abbottonato sulla sua linea difensiva e non spinge praticamente mai.

5 FELTSCHER Preso d’infilata come il resto della difesa al primo attacco del Livorno, non riesce a riprendersi nemmeno lui.

4,5 BIRASCHI Non dispiace fino in fondo nell’arco dell’ora in cui rimane in campo, fino a quando si prende l’espulsione per doppia ammonizione. Paulinho lo brucia nell’1-0, e poteva risparmiarsi l’entrata del secondo giallo a centrocampo.

6,5 CALDERONI E’ uno dei pochi nel Grosseto che ci crede. Spinge con continuità per tutta la partita e mette in mezzo anche palloni interessanti. Con la fascia di capitano nel finale, è l’ultimo ad arrendersi.

6 SOM Parte sulla fascia destra e inizia dando qualche bel grattacapo alla difesa labronica. Scocca il primo tiro verso la porta, e anche lui, almeno nella prima frazione, si batte senza risparmiarsi.

5 DELVECCHIO Purtroppo il rigore calciato alle stelle del possibile pareggio gli pesa poi addosso come un macigno. Parte come regista davanti alla difesa, e te lo ritrovi spesso alle spalle delle punte come attaccante aggiunto. Si becca il rosso per difendere Crimi, un’ingenuità cara, che doveva assolutamente evitare.

5,5 CRIMI Un giocatore che deve ritrovarsi. Dov’è finito quel mastino del centrocampo che azzannava le caviglie delle avversari? Se deve impostare il gioco proprio non convince: ha mezzi importanti e può dare di più.

5,5 BRUGMAN Nel primo tempo fa la sua parte. Si fa vedere fra le linee, e regge l’urto di una difesa rocciosa e arroccata come quella del Livorno. Suo il cross con il tocco di mano che provoca il primo penalty. Esce per far posto a Mandorlini.

6 GIMENEZ Galleggia tra la fascia e l’attacco. Porta bene il pallone in avanti, facendosi trovare smarcato e in appoggio all’occorrenza.

5 PIOVACCARI Praticamente stritolato in mezzo ai centrali livornesi ha il guizzo di provarci quando gli capita un pallone giocabile. Si procura il secondo rigore, che Fiorillo gli intercetta con una deviazione decisiva aiutata dal palo. La porta sotto la curva Nord per lui è stregata: adesso sono tre i rigori falliti consecutivi.

5 MANDORLINI Prova a dar vivacità al centrocampo, ma la partita si chiude dopo pochi minuti dal suo ingresso in campo.

6 COSENZA Entra per dare fiato ai compagni di difesa in affanno. Sbroglia nel finale qualche situazione intricata.

S.V.GIOVIO Pochi minuti quando il Livorno fa solo melina. Per lui la seconda apparizione in stagione.

5 MORIERO

Napoleone amava dire di aver bisogno di generali fortunati per condurre le sue battaglie.

Ecco, a Moriero non ne va bene una che sia una, e non per colpa della tattica. Il Grosseto gioca bene per almeno un’ora, poi perde la testa e infila la sesta sconfitta consecutiva.

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro