Quotidiani locali

gavorrano/coppa italia

Buso: «Sofferenza soltanto nel finale»

Ma il Viareggio presenta ricorso per Nocciolini: «Era squalificato»

GAVORRANO. Buona la prima. Un Gavorrano corsaro torna vincitore dall’esordio in Coppa Italia in casa del Viareggio, per la soddisfazione del suo tecnico. «Ottima partita» dice Renato Buso. Sull’1-0 ai Pini pende però il reclamo che l’Esperia ha presentato per la presunta posizione irregolare dell’attaccante Manuel Nocciolini. Secondo il Viareggio, Nocciolini avrebbe dovuto scontare una squalifica e invece è sceso in campo.

Buso, a prescindere dal ricorso, è comunque cauto: sa che il lavoro da fare è ancora tanto. Soprattutto per una squadra giovane come i rossoblù. «Siamo una squadra fatta da ragazzi molto giovani che devono crescere». E in questo senso non c’è niente di meglio di partite ufficiali, campionato o coppa che siano. «In genere servono due o tre mesi di adattamento» dice Buso, soddisfatto della rosa che la società gli ha messo a disposizione. «Insieme al direttore (Filippo Vetrini, ndc) abbiamo lavorato molto bene per prendere giocatori in grado di sostituire due big come Giordano Fioretti e Manuel Pucciarelli» spiega il tecnico.

Tornando a Viareggio, la soddisfazione in casa rossoblù è doppia perché l’undici sceso in campo è lo stesso che è scivolato contro la Pianese. «Ho visto una reazione da parte dei ragazzi – spiega l’allenatore - Contro la Pianese avevano influito anche i carichi di lavoro, che abbiamo dovuto concentrare in poco tempo. Ma quello che non mi era piaciuto è stato l’atteggiamento. Contro il Viareggio invece c’è stata una reazione».

Una buona prestazione insomma, anche considerando che in campo c’erano dieci under. «Abbiamo giocato molto bene il primo tempo, tenendo il campo senza concedere troppo all’avversari – analizza Buso - Nel secondo tempo poi è normale che siano venuti fuori. Noi abbiamo mancato il secondo gol e abbiamo sofferto negli ultimi minuti, quando il Viareggio ci ha messi in difficoltà. Ma alla fine è andata bene». Il tecnico veneto ha schierato il suo fedele 4-2-3-1. «I ragazzi si stanno inserendo piano piano negli schemi. Come detto, serve del tempo, sia per migliorare sul piano tecnico-tattico sia per crescere» dice Buso. Nel prossimo turno, il Gavorrano riposerà, per tornare in campo mercoledì 29, quando al Malservisi-Matteini arriverà il Pontedera.

Alfredo Faetti

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Trova Cinema

Tutti i cinema »

TrovaRistorante

a Grosseto Tutti i ristoranti »

In edicola

Sfoglia il Tirreno
e porta il cinema a casa tua!3 Mesi a soli 19,99€

ATTIVA
ilmiolibro

Scarica e leggi gli ebook gratis e crea il tuo.